RSNA rilascia le linee guida per la stampa 3D medica

Parte del brivido della stampa 3D è in quel senso di illegalità: sperimentare la capacità di creare e produrre per un capriccio. In campo medico, tuttavia, le norme e i regolamenti sono una buona cosa in quanto nessuno di noi vuole essere diagnosticato erroneamente, trattato con farmaci sbagliati o essere vittima di un intervento chirurgico mal riuscito.

La Società Radiologica del Nord America (RSNA) sta prendendo molto sul serio la stampa 3D come tecnologia che può essere integrata con la radiologia, ma sta anche promuovendo la coerenza e la sicurezza, come delineato nel loro documento, ” Radiological Society of North America (RSNA) 3D stampa Special Interest Group (SIG): linee guida per la stampa 3D medica e adeguatezza per scenari clinici , “scritta da membri volontari.

Le ambizioni verso la creazione di linee guida per la stampa sono in corso dal 2016 con la creazione approvata del gruppo di interesse speciale sulla stampa 3D.

“Questi parametri e raccomandazioni di pratica non sono intesi come standard globali ma riflettono diversi aspetti salienti della modellizzazione e dell’appropriatezza clinica anatomica”, affermano gli autori.

L’uso della stampa 3D per creare modelli per l’assistenza specifica per il paziente include i seguenti passaggi:

Acquisizione dell’immagine
Segmentazione dell’immagine
Creazione di tipi di file stampabili 3D
Stampa 3D
Post elaborazione di modelli

Il punto del documento RSNA è di offrire raccomandazioni sulla stampa 3D di modelli medici, inclusa la “produzione point-of-care” negli ospedali e nelle strutture cliniche. Il contenuto del documento è stato discusso durante diverse riunioni del gruppo di interesse speciale RSNA per la stampa 3D, con raccomandazioni riguardanti i seguenti parametri per la stampa 3D:

Risoluzione spaziale e spessore della fetta
Rapporto segnale / rumore (SNR) e Rapporto contrasto / rumore (CNR)
Artefatti di immagine
Preparazione e manipolazione dei dati di immagine
Memoria e descrittori di file
Riferimento alla manipolazione e alterazione dei file
Di particolare interesse è la raccomandazione relativa ai modelli stampati in 3D:

“Quando i modelli stampati in 3D sono generati da immagini mediche, la risoluzione della stampante 3D deve essere uguale o superiore a quella delle immagini cliniche utilizzate per segmentare il modello.”

“… Si presume che i modelli stampati abbiano una dimensione anatomica (1: 1), a meno che non venga notato un fattore di scala. Eventuali identificatori aggiuntivi come la faccia del modello (sinistra, destra) dovrebbero essere annotati, a seconda dei casi. Le linee guida istituzionali dovrebbero essere utilizzate per verificare che i modelli siano privi di informazioni sanitarie protette o che i modelli siano gestiti in modo appropriato in conformità con la Portabilità delle assicurazioni sanitarie. “

I materiali di supporto devono essere rimossi completamente e, se un modello stampato in 3D è difettoso e non può essere riparato, dovrebbe essere ristampato. Non solo i modelli devono essere ispezionati a fondo, ma lo stesso dovrebbero essere le stampanti 3D, valutate per la precisione continua, comprese le stampe di prova, la manutenzione preventiva e la ricalibrazione.

E riguardo la bioprinting:

“I produttori dovrebbero fornire raccomandazioni e specifiche di pulizia per i materiali che sono stati testati formalmente per la biocompatibilità e la sterilità, e queste specifiche dovrebbero essere seguite dalla struttura. Ulteriori politiche interne di sterilizzazione possono esistere a seconda dell’ospedale. “

Inoltre, il documento entra anche in dettaglio discutendo molte diverse descrizioni specifiche presentate dal gruppo di scrittura SIG per ciascun gruppo clinico.

Be the first to comment on "RSNA rilascia le linee guida per la stampa 3D medica"

Leave a comment