rPrint la stampante 3d innovativa di David uno studente australiano

La rPrint la stampante 3d di David è davvero lunga si distingue sia come  funzione che come  forma.
Viviamo in un mondo in cui il mercato basato sulle stampanti 3D cFDM si sta avvicinando velocemente al punto di sovrasaturazione. Questa non è affatto una cosa negativa, la concorrenza può solo portare a migliori e più innovativi prodotti . Detto questo, significa anche che ci sono molte macchine simili. Quando si vede arrivare una stampante 3d davvero innovativa questa non può non ottenere la massima attenzione.
Un video EEVBlog mostra la rPrinter  di David e   la sua creazione è davvero originale.
David è uno studente universitario australiano che ha costruito una stampante 3D per il suo progetto di tesi impiegando negli ultimi 7 – 8 mesi tutto il giorno. Quasi nel senso che ha fatto due lavoriper  pagare per il prototipo costato 12,000 dollari australiani .
I suoi sforzi sono stati premiati dopo aver vinto il premio per l’innovazione per la sua tesi, con riluttanza ha ammesso che è andato al di là della necessità per il progetto .
La sua stampante ha la più leggera testina  del mondo in presa diretta con estrusore, il collegamento col piatto di costruzione di tipo Sarrus ( il sistema che trasforma un movimento circolare in un movimento lineare), guide lineari per i binari , una bolla di plastica in PMMA, il suo controller personalizzato, un interprete Gcode e  librerie in C++  altamente ottimizzate. Come  sostenitore del mondo open-source (ha in programma di rilasciare i disegni una volta che tutto risulti “perfetto”), si rende conto che “la maggior parte delle stampanti 3D sono abbastanza derivate”, aggiungendo che una volta “che hai visto un Delta, le hai visto tutte, una volta che hai visto una  RepRap, hai visto il 50%  delle stampanti e il resto sono solo lievi variazioni sul tema, . ”
Così che cosa rende esattamente la stampante  3D rPrint di David unica?
Visivamente, la prima cosa che chiunque  nota è l’involucro fatto a bolla   David spiega che nessuno dal  1970 aparte qualche  tostapane e qualche acquario  applicano più il design a bolla, che fa tanto fantascienza deglia anni cinquanta dello scorso secolo. Oltre ad essere esteticamente gradevole, la bolla  non ha importanti vantaggi pratici . L’involucro (che ha un’apertura rimovibile all’ anteriore) evita correnti d’aria in camera e permette il controllo della temperatura, grazie ai ventilatori posteriori, che possono essere accelerati o rallentati a seconda della temperatura interna desiderata.
Da lì, molta enfasi è stata messa sull’estrusore personalizzato. Con un peso di 100g, David suggerisce che è molto più leggero di qualsiasi altra cosa là fuori oggi notando che i motori NEMA17 che vengono usati come standard sulla maggior parte deglii estrusori pesano 200g da soli. Il disegno è basato su un sistema di trasmissione diretta in modo da ridurre al minimo il lasco e l’ elasticità mentre si esegue l’estrusione, è fornita di un sistema di feedback per il posizionamento del filamento per controllare la portata e per l’ottimizzazione della macchina. David sottolinea che è ha scelto un unico estrusore rispetto ad un estrusore doppio ,perché la macchina è più semplice per la prototipazione. E l’obiettivo era la velocità e la qualità in primo luogo, tutto il resto un passa in secondo piano.
Il piatto di costruzione  è mantenuto in posizione da un sistema di collegamento unico Sarrus che è progettato per mantenere il livello del letto, come David dice, “usando un pacco di cerniere.” Il letto è realizzato in vetro borosilicato con la possibilità di essere riscaldato. Altre caratteristiche personalizzati comprendono un sistema di pulegge  lineari a  cursore unico progettato per ridurre al minimo le frequenze di risonanza per consentire una stampa tranquilla e il suo interprete gcode altamente ottimizzato.
Detto tutto questo, la stampante 3D è ancora nella sua fase di sviluppo. Mentre i test estrusori sono andate bene in un ambiente controllato, David ammette che molte cose devono essere migliorate prima di rilasciare la stampante. Ma, non sembra preoccupato considerando che il suo obiettivo primario è sempre stata l’affidabilità e la velocità; e il test   in anteprima visto all’inizio del suo video di presentazione suggerisce che nessun  posizionamento è stato perso dopo l’esecuzione alla massima velocità.
La grande domanda che ci poniamo ora è come e quando posso ottenere una stampante rPrint 3D ? Beh, a differenza di quasi tutti gli altri di questi tempi , David  non ha intenzione di perseguire la via del crowdfunding. Suggerendo che se avesse avuto più di 1000 persone interessate,avrebbe usato il metodo più tradizionale  di acquisire un prestito bancario per poi vendere le unità al completamento della produzione. A David non piace l’idea di prendere i soldi della gente con nient’altro che una time-line  piuttosto nebulosa sul futuro.
Quando viene interrogato sul costo, ha detto che i numeri sono stati effettivamente alti e un prezzo finale di tra i   2.500 e i 3.500 AUD dollari australiani è realistico (con le parti stesse che costano circa 1,400 dollari). Rendendosi conto che questo non sarà la stampante più economica  , ha nuovamente sottolineato che l’obiettivo per la stampante rPrint 3D è sempre stato  la fascia alta.
Finora la risposta da parte della comunità tecnologica è stata molto positiva. La maggior parte dei commenti nel forum EEVblog sono pieni di elogi per la stampante stessa.

Be the first to comment on "rPrint la stampante 3d innovativa di David uno studente australiano"

Leave a comment