Rosie Brave e Sam Jackman studentesse hanno creato BOOST dei seni protesici rosa e morbidi stampati in 3D

Rosie Brave e Sam Jackman, due studentesse di design dell’Università di Plymouth, hanno creato dei seni protesici rosa stampati in 3D che cambieranno la vita dei sopravvissuti al cancro.

Brave è stato ispirato a fare la differenza dopo aver sentito parlare della lotta della madre di Jackman con la protesi mammaria tradizionale “sudata” e “scomoda” che le è stata somministrata dopo l’intervento. Le due amiche hanno iniziato Boost , con lo scopo di ripensare radicalmente il design delle protesi al seno e trovare qualcosa che potesse piacere ai portatori. I modelli stampati in 3D che hanno creato sono colorati, leggeri e traspiranti e progettati attraverso un processo collaborativo con coloro che hanno attraversato il trauma del cancro al seno e della mastectomia.

Coraggioso disse: “L’idea venne dalla madre di Sam che aveva una mastectomia e odiava la protesi che aveva.

“Sto sempre chiedendo perché le cose sono come sono e come possono essere migliori, e adoro il colore.

“Parte del problema con la protesi era che era beige, ed era scialbo, e non corrispondeva al tono della sua pelle. Stava cercando di sembrare reale ma in mancanza.

“Abbiamo solo pensato che fosse molto più interessante abbandonare il tentativo di essere realistici e divertirci un po ‘”.

Circa 18.000 mastectomie – che durano circa 90 minuti – vengono eseguite ogni anno in Inghilterra sul NHS. Dopo la mastectomia, i pazienti possono optare per la ricostruzione del seno, ma molti scelgono di non seguire questa strada. Per queste persone, l’NHS offre protesi al seno che vanno all’interno di un reggiseno specializzato con una tasca o un reggiseno normale. Ma Brave e Jackman citano le cifre del NHS che suggeriscono che il benessere è più basso nelle donne che non optano per la ricostruzione.

La ricerca universitaria di Brave l’ha portata a scegliere un processo di co-design che coinvolge workshop di progettazione e focus group. Ha anche lavorato con la tecnologia di stampa 3D, permettendole di allontanarsi dal realismo nel design delle sue forme di seno e sperimentare con diversi concetti e strutture. Ha tenuto sessioni in cui gli utilizzatori di protesi mammarie hanno fornito feedback sulle sue idee e eventi in cui gli utenti hanno progettato il proprio.

La sfida più grande di Brave e Jackman è stata trovare un modo per ridurre i costi di produzione. Brave ha continuato:

“La protesi standard NHS è calda, pesante e sudata da indossare. Questa è stata una delle prime cose che abbiamo scoperto, abbiamo pensato che se riuscissimo a farlo sembrare attraente, allora stiamo vincendo, ma in realtà il feedback è stato, devi affrontare la pesantezza e l’entusiasmo.

“Ecco perché abbiamo iniziato a creare cose che fossero traspiranti, con una struttura aperta che avrebbe lasciato passare l’aria. Anche questa struttura fa parte dell’elemento decorativo, ma la sua fabbricazione è piuttosto complicata.

“È qui che entra in gioco la stampa 3D, ma sfortunatamente il costo della stampa 3D in silicone è attualmente proibitivo e le persone vogliono davvero qualcosa a prezzi accessibili. Stanno spendendo una fortuna su reggiseni specializzati dopo l’intervento chirurgico, e se vogliono ulteriori protesi dal NHS devono comprarli. I costi si sommano, quindi fare un prodotto costoso, anche se sarebbe più comodo da indossare, in realtà non andava bene. ”

Ha aggiunto: “Se qualcuno ha avuto un’amputazione degli arti è abbastanza evidente, ma questo è nascosto, e talvolta i migliori amici delle persone non lo sanno nemmeno. Va bene se è quello che vuoi, ma non penso che tutti lo vogliano. Penso che sia ancora un tabù e stiamo cercando di respingerlo un po ‘.

“Alcune delle persone con cui abbiamo parlato hanno avuto questo atteggiamento di” oh, va bene, non importa, non ho importanza, devo solo andare avanti “. Sono abituati al modo in cui le cose sono sempre state, e non si aspettano che la loro protesi sia qualcosa di divertente che dia loro gioia. Penso che ci sia un’opportunità per cambiarlo. ”

Brave e Jackman hanno già ricevuto 15.000 sterline attraverso il programma Spark del Design Council, nel quale sono stati finalisti quest’anno. Attualmente stanno cercando ulteriori investimenti per passare a test completi sui prodotti.

Brave sta progettando una mostra di prototipi per iniziare la Giornata internazionale della donna, venerdì 8 marzo del prossimo anno. Ognuno sarà unico e su misura per le singole donne che hanno partecipato al progetto di ricerca, i designer hanno rivelato.

Be the first to comment on "Rosie Brave e Sam Jackman studentesse hanno creato BOOST dei seni protesici rosa e morbidi stampati in 3D"

Leave a comment