ROKIT Healthcare nuovo metodo di biostampa 3D per il trattamento delle cicatrici

ROKIT Healthcare , produttore coreano di bioprinting 3D precedentemente noto come ROKIT, ha introdotto un nuovo metodo di biostampa 3D per il trattamento delle lesioni cicatrici.

Usando il bioprinter 3D dell’azienda, il ROKIT INVIVO, per stampare in 3D i tessuti e le cellule autologhi di un paziente in un innesto di patch dermico. Quando posizionato su una ferita, l’innesto di patch dermico stampato in 3D consente la naturale formazione di nuovi vasi sanguigni (noti come neovascolarizzazione) per un’efficace rigenerazione della pelle.

“Si tratta di un nuovo modo per superare alcune delle limitazioni più pronunciate associate alla terapia tradizionale con cellule staminali”, ha dichiarato Seok-Hwan You, Amministratore delegato di ROKIT Healthcare.

“L’utilizzo di tecniche di bioprinting 3D consente l’erogazione efficace di cellule autologhe nel sito della ferita, riducendo al minimo la perdita di cellule e migliorando notevolmente la vitalità e la proliferazione cellulare”.

Secondo te, “L’attuale pratica di iniettare direttamente cellule staminali espanse o coltivate usando siringhe limita fortemente la vitalità cellulare e un’erogazione accurata e uniformemente distribuita di cellule staminali efficaci nell’area della malattia”.

Questo ostacola i trattamenti per la cicatrizzazione della pelle, una delle condizioni mediche più comuni dopo le lesioni cutanee, afferma la compagnia. Tali cicatrici possono causare significativi problemi fisici, estetici, psicologici e sociali, con conseguenti procedure chirurgiche elettive.

Per ovviare a questi limiti, ROKIT Healthcare lavora dal 2012 nella medicina rigenerativa per sviluppare soluzioni di produzione additive per una cura personalizzata e migliorata dei pazienti. Il metodo ROKIT sfrutta la tecnologia di bioprinting 3D in quanto consente una distribuzione uniforme e uniforme della densità del tessuto e delle cellule autologhe del paziente.

Questo porta alla rapida migrazione dei cheratinociti – cellule progettate per formare giunzioni strette con i nervi della pelle – che consente la neovascolarizzazione nel sito di una ferita. La società prevede di valutare l’efficacia di questo trattamento negli studi clinici per estenderne l’applicazione ad altre condizioni dermatologiche incluse le ustioni e le ulcere.

La ricerca di ROKIT Healthcare sulla bioprinting in-situ per la rigenerazione della pelle ha richiesto il rilascio di Edison Invivo 3D Bioprinter nel 2016. Ciò è stato possibile grazie a una sovvenzione di $ 3 milioni da parte del Ministero della Strategia e delle Finanze del governo coreano.

Allo stesso modo, la rigenerazione della pelle e il bioprinting in 3D sono stati usati anche dai ricercatori dell’Università Jiao Tong di Shanghai, dal Centro Nazionale di Ricerca sui Tessuti Nazionali della Cina , dall’Accademia Cinese di Scienze Mediche , dal Wei Fang Medical College e dalla Università di Dalian , in Cina per costruire le orecchie per i bambini soffre di microtia.

Be the first to comment on "ROKIT Healthcare nuovo metodo di biostampa 3D per il trattamento delle cicatrici"

Leave a comment