Rocket Lab successo con la prima missione per la NASA



L’ anno di Rocket Lab è stato ben accantonato con lanci di successo. La startup, che utilizza la stampa 3D per i componenti primari dei suoi razzi, incluso il motore, ha lanciato il suo secondo razzo e ha raggiunto l’orbita per la prima volta a gennaio. E ieri, appena un mese dopo il suo primo volo commerciale di successo, Rocket Lab ha lanciato la sua prima missione per la NASA, dispiegando 13 satelliti CubeSat nello spazio. Questo fa sì che 24 satelliti totali lanciati da Rocket Lab quest’anno – e l’azienda guardi al futuro di mandare molti, molti altri.

Domenica 16 dicembre alle 6:33 UTC, il veicolo Electron Launch di Rocket Lab è stato sollevato con successo dal Rocket Lab Launch Complex 1 della penisola di Māhia, in Nuova Zelanda. Dopo aver raggiunto un’orbita ellittica, il kick stage del motore Curie di Electron si è separato dal secondo stadio del razzo prima di raggiungere un’orbita circolare a circa 500 km sopra la Terra. A 56 minuti dall’inizio della missione, i 13 CubeSat a bordo erano stati schierati individualmente nelle orbite designate.

La missione è stata denominata “Educational Launch of Nanosatellites (ELaNa) -19” ed è la prima missione in assoluto a trasportare NASA CubeSats sul loro giro dedicato su un veicolo di lancio commerciale. Normalmente, i piccoli satelliti lo fanno solo nello spazio su veicoli di lancio più grandi che stanno salendo per diversi motivi, il che significa che i proprietari dei piccoli satelliti non sempre diventano schizzinosi sulle posizioni orbitali o sui tempi. L’obiettivo di Rocket Lab è di offrire ai piccoli clienti satellitari più opzioni e più controllo, con la possibilità di scegliere quando lanciare e dove andare.

“La missione ELaNa-19 è stata significativa per la NASA, il team di Rocket Lab e l’industria dei piccoli satelliti in generale. Avviare due missioni a sole cinque settimane di distanza, e nel primo anno di voli orbitali, non ha precedenti. È esattamente ciò di cui ha bisogno disperatamente il piccolo settore dei satelliti, e Rocket Lab è orgogliosa di consegnarlo. Il lancio regolare e affidabile è ora una realtà per i piccoli satelliti. L’attesa è finita “, ha dichiarato il CEO e fondatore di Rocket Lab, Peter Beck. “Stiamo fornendo ai piccoli clienti satellitari un controllo maggiore di quello che hanno mai avuto, consentendo loro di lanciare il loro programma, orbite precise, con la frequenza necessaria.”

Ai CubeSats sono stati assegnati vari progetti di ricerca; uno, ad esempio, misurerà i livelli di radiazioni nelle fasce di Van Allen per aiutare i ricercatori a comprendere meglio i possibili effetti sul veicolo spaziale. Un altro è stato progettato per dimostrare l’efficacia di piccoli bracci robotici stampati in 3D, mentre un altro testerà la tecnologia per un nuovo sistema di navigazione solare che potrebbe consentire alle piccole astronavi di esplorare lo spazio profondo.

“I CubeSats di ELaNa-19 rappresentano una grande varietà di obiettivi scientifici e dimostrazioni tecnologiche”, ha dichiarato il responsabile della missione NASA ELaNa-19 Justin Treptow. “Con questo il primo lancio di un servizio di lancio di classe Venture sul Rocket Lab Electron, la NASA ora ha un’opzione per abbinare le nostre piccole missioni satellitari con un piccolo veicolo di lancio dedicato per posizionare questi satelliti in un’orbita ottimale per ottenere grandi risultati.”

Il prossimo lancio di un razzo Electron si svolgerà dal Launch Complex 1 nel gennaio 2019. Il 2019 potrebbe anche vedere i primi lanci dal suolo statunitense, poiché Rocket Lab ha annunciato che prevede anche di volare dallo spazio spaziale regionale del Mid-Atlantic in Virginia. Ci aspettiamo che la stampa 3D giochi un ruolo decisivo nello sviluppo di veicoli di lancio, veicoli spaziali e strutture nello spazio. Nel riparare veicoli spaziali e passeggeri, anche la stampa 3D avrà un ruolo cruciale. Il futuro della stampa 3D e dell’industria spaziale sono davvero intrecciati e Rocket Labs è una delle prime storie di successo.

Be the first to comment on "Rocket Lab successo con la prima missione per la NASA"

Leave a comment