Rocket Crafters ha concluso i test del suo motore a razzo con stampa 3D ibrida Comet Series

ROCKET CRAFTERS COMPLETA I TEST DEL MOTORE COMET STAMPATO IN 3D

La startup statunitense di tecnologia spaziale Rocket Crafters Inc. (RCI) ha concluso i test del suo motore a razzo con stampa 3D ibrida Comet Series.

Avendo completato 49 test di laboratorio, gli ultimi test di fuoco sono stati progettati per essere una prova di concetto su larga scala per i motori a razzo ibrido STAR-3DTM di Rocket Crafters, in vista di un volo di prova previsto entro la fine dell’anno.

“Siamo entusiasti dei dati che abbiamo visto e di far volare presto un razzo”, ha dichiarato Rob Fabian, presidente di Rocket Crafters. “Le prestazioni del motore per i test erano in pista con i modelli”.

La compagnia aerospaziale con sede in Florida ha sviluppato la sua tecnologia ibrida con l’obiettivo di produrre un’alternativa più affidabile e conveniente per il lancio di carichi utili in orbita.

L’ approccio brevettato di Rocket Crafters alla progettazione del motore combina granuli di carburante per missili stampati in 3D e propellenti liquidi, nel tentativo di sfruttare i vantaggi di entrambi gli approcci.

Mentre i propellenti solidi bruciano continuamente finché non si esauriscono, la stampa 3D consente di stampare il carburante secondo uno schema specifico, al fine di determinare come brucia il propellente. Inoltre, la stampa 3D migliora la coerenza e l’affidabilità del combustibile solido del propellente e mitiga i problemi di vibrazioni eccessive create dai propellenti convenzionali. Secondo Rocket Crafters, i motori ibridi sono più economici, più veloci e più sicuri da sviluppare rispetto alle loro controparti a propellente liquido e hanno anche la possibilità di essere strozzati e riavviati.

La società ha ottenuto un contratto di ricerca da $ 542.600 da parte della Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA) per sviluppare il suo motore a carburante per missili stampato in 3D a luglio 2017. Nell’ambito dell’accordo di ricerca, Rocket Crafters è stato autorizzato a testare un motore a razzo capace di volare utilizzando un banco di prova appositamente costruito sulla costa spaziale della Florida, al fine di valutare le capacità dell’acceleratore e del motore di emergenza del razzo.

I test sono stati condotti negli ultimi tre mesi presso la sede dell’azienda a Cocoa, in Florida, a circa 20 miglia a sud del Kennedy Space Center. La Comet Rocket era stata testata con 250-500 libbre di spinta in laboratorio, ma da febbraio i missili hanno utilizzato un motore di spinta da 5000 libbre, la versione più grande del motore sperimentale di sempre.

Due dei tre test hanno avuto esito positivo e sono risultati simili ai modelli prestazionali dell’azienda, ma il terzo ha riscontrato un’anomalia da sovrapressione, con conseguenti danni al banco prova e al motore.

L’analisi ha concluso che si è verificato un guasto iniziale in una parte ausiliaria del motore che ha portato a una maggiore sovrapressurizzazione all’interno della camera di combustione. Il team di Rocket Crafters sostiene che non ci sono problemi nella progettazione del motore STAR-3DTM e che i test potrebbero ancora essere considerati di successo in termini di ricerca e sviluppo.

“Questo è il motivo per cui testiamo”, ha detto Fabian. “Troviamo e risolviamo i problemi nei test, quindi non li abbiamo sulla piattaforma di lancio. Stiamo andando avanti da qui. “

Rocket Crafters ha in programma di proseguire con il suo volo di prova inaugurale, alimentato da una versione più piccola del motore a razzo ibrido STAR-3DTM entro la fine dell’anno. A questo seguiranno due maggiori voli di prova in orbita e un servizio commerciale in orbita terrestre bassa con il piccolo veicolo di lancio satellitare Intrepid, sebbene le date per questi lanci non siano state stabilite.

Un numero crescente di aziende utilizza la tecnologia di stampa 3D per sviluppare diversi tipi di carburante per missili per uso commerciale. Gli scienziati della James Cook University (JCU) in Australia, ad esempio, hanno utilizzato granuli di carburante stampati in 3D per alimentare un motore a razzo ibrido . Usando il PLA con particelle di alluminio, sono stati prodotti grani circolari stampati in 3D con dimensioni iniziali di 100 mm di lunghezza, 20 mm di diametro e un’apertura di combustione circolare diritta di 6 mm. Sebbene abbiano funzionato male durante i test nell’agosto 2019, i ricercatori hanno sostenuto che il carburante aveva un potenziale.

Start-up di Singapore Gilmour Space Technologies ha lanciato un missile autocostruito dall’Australia a luglio 2016, alimentato da carburante stampato in 3D . Il carburante costituito da due materiali senza nome alimentava un missile lungo 3,6 m che veniva lanciato in orbita dal Queensland, in Australia. La società ha continuato a ricevere 3,7 milioni di dollari in finanziamenti della Serie A nel maggio 2017 per continuare lo sviluppo dei suoi veicoli di lancio, che utilizzano carburante per missili stampato in 3D.

Be the first to comment on "Rocket Crafters ha concluso i test del suo motore a razzo con stampa 3D ibrida Comet Series"

Leave a comment