Roboze One Xtreme e Roboze One + 400 Xtreme

Roboze , leader nei prototipi funzionali stampati in 3D prodotti con materiali industriali come PEEK , CarbonPA e ULTEM AM9085F, produce stampanti 3D in grado di gestire polimeri ad alte prestazionie alte temperature, come  il LEXAN EXL AMHI240F di SABIC . Ora, l’azienda annuncia la nuova serie che debutterà alla settimana prossima formnext a Francoforte.

“Le nuove soluzioni Xtreme, sono il risultato del lavoro intenso di tutto il team Roboze, che ci ha permesso oggi di creare una nuova linea di sistemi in grado di soddisfare le esigenze più estreme dei nostri clienti, offrendo una maggiore versatilità nei materiali e precisione di le stampe e le prestazioni migliori “, ha dichiarato Alessio Lorusso, CEO e fondatore di Roboze. “Abbiamo riscritto la storia della stampa 3D e il Formnext 2018 rappresenta la migliore vetrina per raccontare la storia.”
La nuova serie di stampanti Xtreme 3D, composta da Roboze One Xtreme e Roboze One + 400 Xtreme, rafforzerà le soluzioni PEEK e CARBON PEEK dell’azienda per la stampa 3D FFF, avvicinando gli utenti alla vera produzione additiva.

Roboze è diventato un importante player di produzione grazie alla sua tecnologia innovativa, come il Beltless System che consente agli operatori di tutto il mondo di stampare in 3D parti finite e prototipi con tolleranze meccaniche di 25 micron, il tutto garantendo la ripetibilità e, come l’azienda mette “vantaggi economici immediati”.

Ma questo nuovo lancio della serie Xtreme rappresenta un affare ancora più grande per l’azienda, poiché stabilisce un punto di contatto tra la stampante ARGO 500 di produzione e i suoi sistemi desktop One e One + 400.

Rocco Maggialetti, responsabile della progettazione meccanica di Roboze, ha spiegato: “La forte collaborazione tra tutti i membri del team R & D di Roboze ci ha permesso di progettare questo nuovo sistema che migliora quello precedente, garantendo una maggiore durata della macchina.”
Le coperture di nuova concezione per le stampanti 3D Xtreme sono realizzate in lamiera e progettate per ridurre la manutenzione delle macchine migliorando allo stesso tempo la loro robustezza. Oltre a fornire un’estetica più elegante, questa nuova funzione rende la serie Roboze Xtreme estremamente silenziosa.

Le stampanti Roboze One Xtreme e Roboze One + 400 Xtreme 3D sono state create dagli ingegneri Roboze che hanno cambiato lo status quo per offrire soluzioni di stampa 3D estremamente versatili e accurate. La serie è dotata di un nuovo sistema avanzato di sensori, che include un punto di arresto per livellare il piano semiautomatico, connessioni WiFi e USB, encoder motore per il controllo a ciclo chiuso che monitorano il processo di stampa e arresto ottico / touchless, che promette meno manutenzione perché diminuisce i problemi tipici.

Il sistema Beltless su questa nuova serie di stampanti 3D si è evoluto anche dall’originale e dispone di rack lavorati con nichelatura chimica. Ciò riduce l’attrito di contatto tra il rack e il pignone per una maggiore velocità di stampa e aumenta anche la resistenza all’usura e alla corrosione.

La serie Xtreme comprende anche un Cabinet Support System (SSC), che è pensato per scaricare le vibrazioni della macchina e controllare le temperature del materiale, oltre a conservare le bobine in modo che non siano esposte agli agenti atmosferici. Proprio come con ARGO 500 e Roboze One + 400, queste nuove stampanti 3D ospitano anche un Vacuum Box per la generazione del vuoto, che offre una maggiore planarità del primo strato e l’adesione della superficie di stampa per una stampa 3D più veloce.

Le stampanti 3D Roboze sono certamente impressionanti, grazie in gran parte alla versatilità dei materiali che possono gestire. Molti di questi sono stati sviluppati specificamente per aggiungere miglioramenti a parti con proprietà non dissimili da metalli. Oltre alla serie di stampanti 3D per la produzione di desktop Xtreme, Roboze sta introducendo diversi nuovi materiali in occasione del prossimo 2018.

Carbon PP è il primo, ed è buono per l’uso in applicazioni automobilistiche, perché promette le stesse alte prestazioni di PP (polipropilene), combinato con i vantaggi della fibra di carbonio.

“La fibra di carbonio in carbonio PP fornisce un aumento di resistenza del 25% rispetto al PP. L’aggiunta di fibre di carbonio appositamente selezionate migliora le proprietà meccaniche del materiale e aumenta il suo HDT mantenendo le sue proprietà anche a una temperatura superiore a quella del PEEK “, ha affermato Maria Luisa Geramo, PhD, Responsabile delle applicazioni – Roboze R & D Material Engineer.
Secondo Roboze, il suo nuovo PP ha eccellenti proprietà di isolamento elettrico e un’elevata resistenza all’abrasione, agli agenti chimici e agli urti e “rappresenta il polimero più utilizzato principalmente nelle applicazioni per oggetti di uso comune e componenti automobilistici”, mentre il suo nuovo PA in vetro – una poliammide caricata con sfere di vetro – è un buon isolante elettrico e garantisce un’elevata stabilità dimensionale perché ha un minore assorbimento di umidità e maggiori proprietà meccaniche rispetto alla poliammide standard.

Il carbonio PEEK, che ha eccellenti proprietà meccaniche e stabilità termica, è già utilizzato con la stampante 3D di produzione ARGO 500 dell’azienda ed è l’unico nuovo materiale disponibile esclusivamente per il Roboze One + 400 Xtreme.

Vieni a vedere tutti i nuovi materiali e soluzioni per la stampa 3D di Roboze  la prossima settimana – visita l’azienda allo stand C78 nel padiglione 3.1.

Be the first to comment on "Roboze One Xtreme e Roboze One + 400 Xtreme"

Leave a comment