Roboze Miglioramento della qualità delle parti stampate in 3D con apparecchiature di pre-asciugatura e riscaldamento

Roboze Miglioramento della qualità delle parti stampate in 3D con apparecchiature di pre-asciugatura e riscaldamento

È ottobre, il che significa che il nuovo form di quest’anno si sta avvicinando rapidamente. Dal 19 al 22 novembre, migliaia di persone scenderanno a Francoforte per connettersi in rete, vedere le novità del settore AM e mostrare le loro ultime innovazioni. Alcune aziende stanno già segnalando cosa presenteranno all’evento e il produttore italiano di stampanti 3D Roboze è uno di questi.

La società, che ha debuttato con la sua serie di stampanti 3D XTREME a Formnext 2018 , afferma che le nuove macchine che presenterà quest’anno possono gestire un processo di stampa 3D di qualità per materiali compositi e ad alta temperatura attraverso l’integrazione di sistemi pre e post-stampa.

“Il nostro team di ricerca e sviluppo ha sviluppato un sistema che integra le fasi pre e post stampa. Abbiamo chiamato il nuovo processo “Processo di trattamento termico”, ci ha detto il direttore marketing di Roboze, Ilaria Guicciardini . “L’obiettivo è offrire una qualità superiore delle parti prodotte e aumentare la produttività degli utenti finali.”

Gli ingegneri Roboze lavorano costantemente per trovare soluzioni precise e versatili per la stampa 3D nei settori aerospaziale, della difesa, degli sport motoristici e del petrolio e del gas, poiché questi sono i campi che richiedono applicazioni industriali estreme. Quindi questo nuovo processo di trattamento termico si unisce ad alcune di queste altre innovazioni Roboze, come il suo sistema Beltless brevettato e l’estrusore HVP brevettato per la gestione della viscosità di super polimeri come PEEK e ULTEM, per rendere l’azienda un fornitore per la gestione del processo di produzione completo di materiali compositi e ad alta temperatura, dall’inizio alla fine.

Il nuovo processo di trattamento termico di Roboze può coprire tutte le fasi di fabbricazione di componenti finiti e prototipi funzionali stampati in 3D da super polimeri e materiali compositi ad alta temperatura, il che è ovviamente ottimo per ridurre costi e tempi di processo. Il processo include HT Oven, che garantisce la post-elaborazione termica per la cristallizzazione di parti stampate in 3D e viene fornito con stampanti Roboze che non dispongono di una camera riscaldata, come i sistemi desktop Roboze One e Roboze One + 400 e Roboze One Xtreme e Roboze One + 400 Xtreme.

Il nuovo forno HT è stato creato per ridurre le sollecitazioni residue causate dalla lavorazione meccanica e migliorare la stabilità dimensionale delle parti ad alte temperature. Per tutte le stampanti 3D Roboze, inclusa la produzione ARGO 500 , il forno aiuta ad aumentare la produttività dell’utente consentendo di preparare i filamenti tra una prima stampa e una seconda, senza dover perdere tempo prezioso aspettando le migliori condizioni. Inoltre, a causa dell’ampio spazio in cui si trovano le bobine per l’essiccazione multipla di prestampa, HT Oven consente di ottimizzare e aumentare i tassi di produzione. Usando questo tipo di forno durante la post-elaborazione, le parti possono vedere deformazioni ridotte e possono anche essere sottoposte a sollecitazione e ricottura.

Quando un materiale viene sottoposto a un trattamento termico a una temperatura specifica, rimane a quella temperatura per un tempo definito e viene quindi raffreddato a temperatura ambiente allo scopo di alterare le sue proprietà attraverso cambiamenti microstrutturali e graduale de-stress, il processo è noto come ricottura . Secondo i ricercatori A. Arzak, JI Eguiazábal e J. Nazábal nel loro articolo ” Effetto della ricottura sulle proprietà del poli (etere etere chetone) “, la ricottura può aumentare la cristallinità del PEEK, che a sua volta riduce le proprietà legate alla deformazione. Inoltre, la ricottura potrebbe conferire alle parti anche una maggiore resistenza all’urto. Poiché Roboze si occupa molto di materiali ad alte prestazioni come PEEK , la ricottura è un processo particolarmente utile per l’azienda e i suoi clienti.

A proposito di essiccazione, un’altra parte importante del nuovo processo di trattamento termico è l’essiccatore a filamento, che accelera le procedure di prestampa offrendo il caricamento automatico del filamento. Ma soprattutto, Roboze ha progettato il dispositivo ad hoc per asciugare e monitorare la qualità dei filamenti sia prima che durante il processo di stampa 3D. Dispositivi come gli essiccatori a filamento forniscono un’umidità e una temperatura costanti per il materiale, il che aiuta a eliminare le variabili di processo e garantisce parti di qualità superiore. Ovviamente, l’essiccazione del filamento elimina anche il filamento dell’umidità, che può renderlo fragile e più facile da rompere durante la stampa e la pre-asciugatura. Ciò è particolarmente necessario quando si tratta di filamenti di poliammide che assorbono molta umidità.

Puoi vedere tu stesso il nuovo processo di trattamento termico a Formnext 2019 il mese prossimo presso lo stand Roboze , 12.1-C61. Inoltre, la società condividerà più notizie una volta iniziato lo spettacolo, quindi rimanete sintonizzati!

Be the first to comment on "Roboze Miglioramento della qualità delle parti stampate in 3D con apparecchiature di pre-asciugatura e riscaldamento"

Leave a comment