RoboBeast la stampante 3d più robusta del mondo

Van As con la RoboBeastRoboBeast : la stampante 3D così robusta che mentre stampa la puoi prendere a calci

L’idea è stata progettare e costruire , la stampante 3D a basso costo più resistente del mondo .
Fino a  ieri – le stampanti 3D erano cose sensibili uno sguardo di traverso e si rompevano. Meccanicamente sensibili al minimo colpo,  sempre a rischio surriscaldamento anche solo per una lampadina. Le stampanti 3D per uso domestico o industriale sono costruite per operare in  posizione molto stabile e lasciate ferme perché non richiedano molte ore di ritocchi per rimettersi a stampare in modo regolare
Ma ora non più : arriva RoboBeast, la  Chuck Norris delle  stampanti.
RoboBeast è progettata per essere resistente e facile . Non richiede modifiche software o regolazioni meccaniche del telaio prima di stampare. E’ progettata per essere gettata nei sedili posteriori di una Land Rover , portata in mezzo alla  boscaglia , e pronta a stampare quando si accende il computer .

È addirittura possibile spostarla durante il funzionamento, mentre stampa, la testina di stampa rimane stabile  : anzi si può anche stampare  capovolti  si, a testa in giù .

Eppure al cuore è una semplice Rep Rap , condivide esattamente lo stesso DNA della progettazione hardware  ed è relativamente facile da costruire in casa . Robobeast è  un progetto open source – e ve la potete costruire a casa – ma è stata creata appositamente per aiutare gli amputati in zone difficili e inaccessibili del mondo .
Se tutto questo non fosse abbastanza per farvi innamorare di RoboBeast , c’è di meglio . La prima RoboBeast è stato progettata e costruita in  due mesi e mezzo compresa la pausa natalizia . E il suo inventore , Van As, è un falegname che ha raggiunto la fama quasi un anno fa a seguito della creazione di  ROBOHAND .
Ricordate  la storia di come Van As avesse perso quattro dita della mano destra, in un incidente sul lavoro , e di come, attraverso una collaborazione online con l’inventore statunitense Ivan Owen, non solo avevano sviluppato una protesi fai da te per Van As stesso , ma anche una per un bambino di cinque anni di nome Liam ?

Infatti adattando il disegno in modo che potesse essere personalizzato e costruito da chiunque abbia accesso a una stampante 3D  RepRap , Cosi è nato ROBOHAND .
La storia è diventata virale. Van As spiega che lui è stato intervistato innumerevoli volte da centinaia di giornalisti circa ROBOHAND , ed è stato invitato in tutto il mondo per raccontare la storia e lavorare su altre  collaborazioni. Ancora oggi  riceve centinaia di mail al giorno su ROBOHAND , tanto da essere cacciato dal suo provider per troppo traffico….  .
Al CES di quest’anno , un secondo capitolo è stato aggiunto al ROBOHAND  infatti   l’ inventore statunitense Mick Ebeling ha portato in Sudan alcune  stampanti MakerBot  per costruire protesi per alcune delle migliaia di bambini feriti nella guerra civile . Anche se Van As non ha accompagnato Ebeling in Sudan , è stato coinvolto nel progetto. Anche in questo caso , la storia è stata ripresa da tutti e diffusa.

Tenere il passo con ROBOHAND è stato un lavoro impegnativo . Anche con tutto il cuore e il sostegno di familiari e amici , è passato molto tempo da  quando Van As faceva il falegname : “Sono praticamente disoccupato ora , ” ride , “Questo è quello che faccio adesso”.
Verso la fine dello scorso anno , van As ha messo il progetto ROBOHAND in House4Hack , il makerspace Centurion che è gestito da volontari ed è stata la patria di altre  invenzioni di stampa 3D a risonanza mondiale , per esempio  RepRap Morgan è stato progettato lì .
Ma avendo testato le stampanti in luoghi difficili  abbiamo sentito il bisogno di creare RoboBeast . Con l’aiuto degli altri membri di  House4Hack ,abbiamo costruito un prototipo di stampante super-resistente, messo insieme in soli due mesi e mezzo dalla progettazione alla piena attività ; E altre  quattro sono attualmente in costruzione . Le Dimensioni finali non sono ancora state decise , ma  sarà considerevolmente più grande del solito cubo da 20 centimetri della maggior parte delle stampanti RepRap.
L’elettronica che guida la stampante è composta da  componenti esterni. Il controller è una scheda madre Arduino un pannello touchscreen LCD e un lettore di schede SD.
Dove RoboBeast differisce dalla maggior parte delle stampanti hardware open , poichè ci sono pochissime parti stampabili all’interno . Un ethos del nucleo della cultura RepRap è quello di creare macchine in grado di riprodurre la maggior parte di loro stesse : il nome stesso è una contrazione di ‘ self-REPlicating RAPid prototyper’ .
Per RoboBeast , tuttavia , Van As ha usato principalmente aste in alluminio e un estrusore  personalizzato . Il risultato è qualcosa di molto più durevole e robusto . Utilizzando gli software ereditati dal portfolio di Quentin Harley della RepRap Morgan , la testina di RoboBeast sarà anche in grado  di calibrare se stessa per compensare eventuali movimenti nel letto di stampa , garantendo stampe  uniformi   indipendentemente dal fatto che la macchina sia livellata .
Per rendere più facile da usare , la scheda SD di RoboBeast è caricata con modelli preconfigurati ROBOHAND in una varietà di formati . I Destinatari hanno solo bisogno scrivere la dimensione corretta nel  touchscreen e attendere ce si metta a stampare . La scheda SD è più o meno inaccessibile , intrappolata dietro lo sfiato che copre la scheda controller . Altri modelli possono essere personalizzati utilizzando la porta USB .
Per il tocco finale di autosufficienza , van As ha dotato RoboBeast con una batteria che alimenta la macchina fino a cinque ore con una singola carica . Che incidentalmente   è quasi esattamente il quanto tempo che ci vuole per produrre una protesi per adulti.

Naturalmente, la robobeast  è più costosa  da costruire rispetto ad una Rep Rap tradizionale  ma non ha un costo proibitivo : van As calcola il costo totale dei materiali  di circa 2500 dollari per macchina : per dire una MakerBot  costa 2100 dollari .

Be the first to comment on "RoboBeast la stampante 3d più robusta del mondo"

Leave a comment