RMIT University australiana con la tecnologia ” laser metal deposition per gli aerei da combattimento

RMIT studia la stampa 3D di metalli laser per le parti di aerei da difesa
Un team di ricercatori della RMIT University australiana sta utilizzando la tecnologia ” laser metal deposition” per costruire e riparare parti in acciaio e titanio per aeromobili della forza di difesa nell’ambito di un progetto biennale.

Ingegneri che testano nuove parti di aeromobili prodotte con laser su un jet da combattimento. Credito: RUAG Australia

Sotto la guida del professor Milan Brandt, il team di RMIT sta lavorando in collaborazione con RUAG Australia e l’Innovative Manufacturing Cooperative Research Center (IMCRC).

La tecnologia funziona alimentando la polvere metallica in un raggio laser, che viene scansionato su una superficie per aggiungere nuovo materiale in una precisa formazione simile al web. Può essere utilizzato per stampare parti 3D da zero o per riparare parti esistenti con un legame che è forte come, o in alcuni casi più forte, dell’originale.

“È fondamentalmente un processo di saldatura ad altissima tecnologia in cui realizziamo o ricostruiamo le parti metalliche strato per strato”, spiega Brandt, che afferma che il concetto è comprovato e che le prospettive per il suo sviluppo positivo sono estremamente positive.

Il capo della ricerca e della tecnologia della RUAG Australia, Neil Matthews, afferma che abilitando la riparazione e la produzione in loco di parti, la tecnologia potrebbe trasformare completamente il concetto di deposito e trasporto per la difesa e altre industrie. Attualmente, le parti di ricambio devono generalmente essere trasportate da magazzini e fornitori locali o esteri.

“Invece di aspettare l’arrivo di pezzi di ricambio da un magazzino, una soluzione efficace sarà ora sul posto”, afferma Matthews. “Per le forze di difesa ciò significa meno tempi di fermo per le riparazioni e un notevole aumento della disponibilità e della prontezza degli aerei”.

La tecnologia può essere utilizzata per costruire e riparare parti in acciaio e titanio per entrambi gli aeromobili esistenti, come l’Air Force F / A-18 Hornet e F / A-18F / G Super Hornet e le flotte Growler, e la nuova quinta generazione F-35 flotta.

Secondo RMIT, i componenti stampati localmente potrebbero risparmiare denaro per la manutenzione e l’approvvigionamento di parti di ricambio, la gestione dei rottami metallici, i costi di magazzino e di spedizione.

Una revisione indipendente, commissionata da BAE Systems, ha stimato il costo di sostituzione di componenti di aerei danneggiati di oltre $ 230 milioni all’anno per l’aeronautica australiana.

CEO e amministratore delegato di IMCRC, David Chuter, ritiene che l’applicazione di questa tecnologia sarà molto più ampia della difesa.

“I benefici del progetto per l’industria australiana sono significativi: sebbene l’attuale progetto si concentri su velivoli militari, è potenzialmente trasferibile ad aeromobili civili, industrie navali, ferroviarie, minerarie, petrolifere e del gas”, afferma Chuter.

“In effetti, questo potrebbe potenzialmente essere applicato in qualsiasi settore in cui il degrado del metallo o la rigenerazione di parti è un problema.”

Be the first to comment on "RMIT University australiana con la tecnologia ” laser metal deposition per gli aerei da combattimento"

Leave a comment