Rio Tinto , ha sviluppato un nuovo processo per estrarre ossido di scandio ad elevata purezza dai rifiuti

Il gruppo minerario globale e metalli Rio Tinto , ha sviluppato un nuovo processo per estrarre ossido di scandio ad elevata purezza, da sottoprodotti generati nella produzione di biossido di titanio. Lo scandio è un elemento metallico di terre rare bianco-argenteo che viene utilizzato per migliorare le prestazioni di fonti di energia per edifici e leghe di alluminio ad alte prestazioni per la stampa 3D. I ricercatori del RTFT Research & Development Center di Rio Tinto hanno sviluppato il metodo nella seconda metà del 2019 e da allora hanno perfezionato il materiale per soddisfare le specifiche del mercato. Il processo viene ora utilizzato su larga scala in un impianto pilota, con il potenziale per ridurre i costi di produzione, senza ulteriori investimenti da parte dell’azienda.

Rio Tinto rivela l’estrazione rivoluzionaria dello scandio dai rifiuti

Rio Tinto ha trovato il modo di estrarre lo scandio dalla sua operazione di biossido di titanio nel Quebec, in Canada. Fonte: Rio Tinto.

Ultime notizie
BMD si aggiudica il più grande contratto Adani Carmichael finora
Gli esploratori di Kimberley trarranno vantaggio dalle restrizioni di viaggio WA semplificate
Australia, India firmano un accordo sui minerali critici
IGO, Incontro per iniziare Yeneena nell’esplorazione del terreno
Rio Tinto ha scoperto un nuovo metodo per recuperare l’ossido di scandio di elevata purezza usando i rifiuti della produzione di biossido di titanio nei suoi impianti di produzione in Canada.

I ricercatori del centro di ricerca e sviluppo Rio Tinto Fer et Titane (RTFT) hanno sviluppato il metodo lo scorso anno e da allora hanno estratto l’ossido di scandio di elevata purezza dai sottoprodotti in laboratorio, con il processo ora trasferito a un pilota Rio Tinto più grande pianta.

La sicurezza dell’approvvigionamento e l’alto costo di produzione hanno frenato il mercato dello scandio per diversi anni, ha osservato Rio Tinto.

Questo nuovo metodo, tuttavia, apre la strada a bassi costi di produzione e investimenti di capitale minimi producendo un minerale critico da quello che originariamente era visto come rifiuto.

Una combinazione di nessun costo diretto derivante dal mining; il recupero dello scandio dai sottoprodotti e il funzionamento indipendente dalle attività esistenti fornisce a Rio Tinto un prezioso metodo di produzione di ossido di scandio.

L’Australia, gli Stati Uniti, il Canada e l’Unione Europea specificano tutti lo scandio come minerale critico, con la scoperta che dà anche a Rio Tinto la possibilità di rafforzare il proprio mercato di ossido di scandio.

Il minerale viene estratto solo da una manciata di mine a livello globale in regioni come l’Asia e la Russia.

“Questa svolta sullo scandio è un ottimo esempio di come stiamo guardando le nostre operazioni in tutto il mondo con occhi nuovi per vedere come possiamo estrarre valore dai flussi di sottoprodotti”, ha dichiarato l’amministratore delegato di Rio Tinto Jean-Sébastien Jacques in un comunicato stampa .

“Trovare un modo per estrarre un nuovo prodotto non solo fornisce più valore ai nostri corpi minerali, ma aiuta anche a ridurre gli sprechi. È una parte fondamentale dell’operare in modo più responsabile e fornire i materiali essenziali di cui il nostro mondo ha bisogno per un futuro sostenibile.

“Lo scandio, prodotto su scala economica, è un minerale critico che ha il potenziale per fornire soluzioni uniche alle sfide della scienza dei materiali e guidare i progressi nella produzione.

“Questa eccitante svolta nella tecnologia di elaborazione sfrutta la nostra attività di estrazione esistente per fornire quella che può essere una fonte scalabile, di alta qualità e a basso costo di ossido di scandio per mercati e produttori.”

Rio Tinto sta anche testando la produzione di leghe di alluminio-scandio ad alte prestazioni con ossido di scandio da RTFT.

Be the first to comment on "Rio Tinto , ha sviluppato un nuovo processo per estrarre ossido di scandio ad elevata purezza dai rifiuti"

Leave a comment