Rik Olthuis vince il premio Dyson per le scarpe stampate in 3D sostenibili le Voronei

Il designer neozelandese vince il premio Dyson per le scarpe stampate in 3D sostenibili

Abbiamo già visto scarpe stampate in 3D realizzate con materiali riciclati , ma non ancora un vero paio di scarpe da corsa . Ma l’ingegnere progettista neozelandese Rik Olthuis sta lavorando per cambiare la situazione. Il 22enne laureato alla Massey University ha da tempo una passione per la progettazione di scarpe e ha progettato un paio di scarpe da ginnastica completamente biodegradabili nel 2019, durante il suo ultimo anno. Ora ha ricevuto un prestigioso riconoscimento che potrebbe aiutarlo a trasformare il suo sogno di calzature sostenibili in realtà: Olthuis è un vincitore nazionale del James Dyson Award .

Gestito dalla fondazione di beneficenza della James Dyson Foundation, questo è un premio internazionale di design che, secondo il sito web, “celebra, incoraggia e ispira la prossima generazione di ingegneri progettisti” ed è aperto agli studenti di ingegneria di design attuali e recenti.

“Potevamo progettare quello che volevamo e volevo progettare una scarpa utile per il mercato di oggi”, ha detto Olthuis. “Ero anche consapevole della spinta per la sostenibilità all’interno del settore.”

Rik Olthius spera di entrare nel mercato delle calzature sostenibili con il suo design pluripremiato.

Secondo il NZ Herald , il numero di paia di scarpe prodotte nel mondo è passato da sette miliardi nel 1950 a ben 23 miliardi oggi. Al contrario, Olthius afferma sul suo sito web che in media una persona butta via 31,8 kg di vestiti e scarpe ogni anno, il che è ovviamente un sacco di spreco. L’85% di quel numero finisce direttamente nelle discariche e le scarpe fatte come sono ora non compostano completamente per oltre 50 anni. Ecco perché, dice Olthius, “ci deve essere un’alternativa agli attuali materiali per scarpe per rompere la linea della vita delle scarpe”.

“L’uso di adesivi impedisce la separazione e il trattamento dei materiali alla fine del ciclo di vita del prodotto”, ha spiegato. “Sono stato ispirato a progettare una scarpa da ginnastica utilizzando solo materiali biodegradabili senza adesivi.”

Olthuis vuole assicurarsi che più persone stiano valutando cosa succede esattamente alle nostre scarpe una volta che le scarichiamo, motivo per cui è stato ispirato a creare il suo paio di scarpe compostabili senza usare adesivi, come la colla. Si è concentrato sul popolare mercato dell’athleisure, che continua a crescere.

“È una scarpa da corsa ma il confine tra atletico e casual è sfumato. Volevo che fosse comodo, sportivo e comunque casual “, ha spiegato.

“Il mercato delle calzature è molto esigente, è in continua evoluzione.”

Materiali finali

Il primo passo è stato quello di sostituire il poliuretano soffiato tipicamente utilizzato per realizzare le sneakers, e lo ha fatto creando una schiuma biodegradabile, a base di gelatina e glicerina, con cui realizzare le scarpe. Altri ingredienti naturali, come farina di mais e acqua, sono stati aggiunti alla miscela per migliorare la resistenza all’acqua e la forza. Olthuis ha chiamato la sua creazione Voronoi Runners, dopo il motivo Voronoi presente sulla suola e sull’intersuola, e ha stampato in 3D queste parti dal suo filamento biodegradabile; la tomaia della scarpa presenta dettagli stampati in 3D, ma è realizzata in lana merino.

Durante l’ideazione del design finale (creato utilizzando Rhino in coppia con Grasshopper) che ha presentato per il Dyson Award, ha stampato in 3D 15 scarpe singole ed è riuscito a mantenere il costo di produzione al minimo, spendendo solo circa $ 100 per realizzarne un paio . Ci vuole circa un giorno per stampare in 3D ogni scarpa e la scarpa può essere smontata alla fine della sua vita utile. Senza adesivi, ogni componente e materiale utilizzato per realizzare i Voronoi Runners può essere compostato successivamente, anche la lana .

Stampa 3D dei componenti e creazione di modelli di test

“È difficile cercare di progettare qualcosa di duraturo in termini di tendenze”, ha detto Olthuis. “La moda sostenibile deve essere esplorata man mano che ne stiamo diventando più consapevoli.”

In qualità di vincitore nazionale del premio, Olthuis riceverà 3.500 NZ $, che utilizzerà per testare la forza e la forma del suo filamento biodegradabile. Ma soprattutto, lo aiuta a far notare il suo lavoro in un mercato più ampio.

“È davvero una buona opportunità per portare il tuo lavoro là fuori perché non ci sono molti rischi”, ha detto. “Ed è fantastico avere l’opportunità di ricevere feedback da un marchio come Dyson”.

Il premio NZ $ 3500 lo aiuterà a stampare più scarpe, ma il laureato in ingegneria del design ha gli occhi puntati sul premio internazionale.

Il vincitore internazionale riceverà un totale di $ 35.000 e $ 6.000 per la loro università … una somma del genere potrebbe davvero aiutare Olthuis a spargere la voce sui suoi Voronoi Runners stampati in 3D.

La parte neozelandese del concorso Dyson Award è stata giudicata dall’ingegnere Sina Cotter Tait; fondatore e CEO della rete aziendale sostenibile Rachel Brown ONZM; e la dottoressa Michelle Dickinson (alias Nanogirl ).

Il Dr. Dickinson ha pensato che fosse una grande idea usare la gelatina nella schiuma, affermando che “Allbirds ha dimostrato che esiste un mercato in crescita per l’innovazione di prodotto incentrata sulla sostenibilità, quindi questo potrebbe essere il momento perfetto per questo prodotto”.

Infatti, secondo la sua candidatura al Dyson Award, Olthuis è stato “ampiamente ispirato dalle sneakers Allbirds ” nel suo design per i Voronoi Runners. Un altro giudice, Brown, ha affermato che la moda “ha ancora molta strada da fare” in termini di sostenibilità, e che il design dei Voronoi Runners è stato “incoraggiante da vedere”.

Brown ha continuato: “Sono rimasto davvero impressionato dall’approccio olistico adottato e dal modo in cui Rik aveva pensato all’intero ciclo di vita dalla scelta dei materiali e all’eliminazione degli adesivi sgradevoli, alla produzione tramite la stampa 3D e poi a pensare a cosa succede a queste scarpe alla fine. della vita.

“Mi piacerebbe che mio figlio appassionato di sport potesse acquistare una scarpa da ginnastica come questa.”

Olthuis e gli altri due finalisti neozelandesi passeranno ora alla fase internazionale della competizione. Un gruppo di ingegneri Dyson metterà insieme una lista dei primi 20 progetti, che sarà annunciata il 15 ottobre, e l’inventore britannico Sir James Dyson selezionerà il vincitore internazionale e il vincitore della sostenibilità, entrambi annunciati il ​​19 novembre. Olthuis è in buona compagnia, poiché in passato il Dyson Award è stato assegnato alle innovazioni stampate in 3D , quindi spero che possa unirsi al club.

Be the first to comment on "Rik Olthuis vince il premio Dyson per le scarpe stampate in 3D sostenibili le Voronei"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi