Ricoh 3D di Telford passerà al 100% di energia rinnovabile

Ricoh 3D , la filiale di stampa 3D della società giapponese di elettronica e imaging Ricoh , ha annunciato che il suo quartier generale con sede a Telford passerà al 100% di energia rinnovabile.

In un accordo con il fornitore di energia danese Ørsted , Ricoh 3D e le altre attività commerciali di Ricoh con sede nel Regno Unito passeranno all’energia generata da parchi eolici offshore. La mossa fa parte del più ampio sforzo dell’azienda per ridurre le sue emissioni di CO 2 e rafforza il suo impegno per gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite .

“Abbiamo intrapreso un viaggio per ridurre la nostra impronta di carbonio in ogni modo possibile”, ha affermato Colin Weaver, amministratore delegato di Ricoh UK Products Limited. “Avere un fornitore di energia sostenibile è una parte fondamentale dei nostri sforzi, ma non è affatto l’unica cosa che stiamo facendo come azienda per essere rispettosi dell’ambiente”.

“LA PRODUZIONE SOSTENIBILE PER NOI DI RICOH È MOLTO PIÙ DI UN SEMPLICE ESERCIZIO DI CASELLE DA SPUNTARE, È NEL NOSTRO DNA.”

Con sede a Tokyo, il più ampio Gruppo Ricoh opera in circa 200 paesi e regioni a livello globale, generando un fatturato di 2.008 miliardi di yen o 18,5 miliardi di dollari lo scorso anno. I servizi dell’azienda includono soluzioni per la gestione dei documenti, servizi IT e di comunicazione, fotocamere digitali e sistemi di stampa commerciale e industriale.

La divisione di produzione additiva di Ricoh, Ricoh 3D, sfrutta la rete di supporto globale dell’azienda più ampia per fornire ai clienti una gamma completa di soluzioni di stampa 3D end-to-end. Lo stabilimento di Telford ospita un’ampia gamma di macchine, comprese le stampanti FDM, SLS e MJF, che producono parti per i clienti dei settori automobilistico, aerospaziale, industriale e medico.

Dal 2018, quando la società ha impegnato circa 1,8 miliardi di dollari nella sua attività di stampa 3D , Ricoh ha cercato di ampliare il proprio coinvolgimento nel futuro della produzione additiva. Al fine di valutare il potenziale della ricerca nella produzione additiva , l’azienda ha condotto uno studio sui vantaggi educativi della tecnologia nel luglio 2018. La ricerca ha rilevato che il 65% degli intervistati ritiene che la stampa 3D stia diventando più importante nell’apprendimento basato su STEM .

Un anno dopo, l’azienda ha sviluppato una presenza nel settore biomedicale, acquisendo una partecipazione del 34,5% nella società di biotecnologie Elixirgen Scientific . Al fine di migliorare ulteriormente le proprie credenziali mediche, Ricoh ha ottenuto anche la certificazione ISO 13485 , per i suoi protocolli di gestione della qualità nella produzione di prodotti medici. L’accreditamento ha consentito a Ricoh di produrre parti con applicazioni più critiche per una gamma più ampia di clienti.

A seguito di una serie di investimenti nella stampa 3D, l’azienda ha ora investito nella protezione del futuro dei suoi impianti di produzione, firmando un accordo con Ørsted per rendere il suo quartier generale di Telford completamente sostenibile.

Il contratto di Ricoh con Ørsted non vedrà solo la società spostare il suo quartier generale di Telford per la stampa 3D verso l’energia rinnovabile, ma anche la sua attività più ampia. Ørsted gestisce un quarto della capacità di generazione eolica offshore totale del mondo, il che la rende ben posizionata per espandere la sua fornitura di energia alla multinazionale giapponese, se necessario.

Inoltre, Ørsted gestisce il più grande parco eolico offshore del mondo sulla costa dello Yorkshire, rendendolo in posizione ideale per rifornire le attività di Ricoh nel Regno Unito. Dal 2002 Ricoh 3D ha impegnato più di 2 milioni di sterline in oltre 250 attività relative alla riduzione delle emissioni di CO 2 . La serie di cambiamenti dell’azienda negli ultimi due decenni, include l’introduzione di compressori a velocità variabile ad alta efficienza.

Recuperando i rifiuti della generazione di aria compressa, i dispositivi ecocompatibili consentono a Ricoh di riscaldare gli edifici nel suo sito di Telford per nove mesi all’anno. Ricoh ha anche introdotto un sistema di illuminazione a LED intelligente che prevede la raccolta della luce diurna e utilizza sensori di movimento per garantire che le luci rimangano accese solo quando necessario. Di conseguenza, l’azienda ha ridotto la sua domanda di energia per l’illuminazione dell’80% da quando sono state introdotte le misure.

Dal 2000, il quartier generale della stampa 3D di Ricoh ha ridotto le proprie emissioni di CO 2 da 10.000 a 5.000 tonnellate all’anno e l’azienda ha continuato a cercare nuove opportunità per ridurre la propria impronta di carbonio. Ad esempio, nel 2017 Ricoh è diventato il primo membro giapponese del RE100 . Il gruppo rappresenta un’iniziativa globale di 100 imprese multinazionali che sono unite nel loro impegno per abbracciare il potere pienamente sostenibile nel prossimo futuro.

In futuro, Ricoh prevede di investire ulteriormente per rendere le proprie strutture più efficienti dal punto di vista energetico passando a sistemi di raffreddamento più ecologici, riducendo la produzione di elettricità del 30%. L’azienda è anche passata dalle macchine idrauliche a quelle elettriche presso il suo impianto di stampaggio e ha introdotto il controllo dinamico dei suoi sistemi di ventole e pompe per garantire che vengano utilizzati solo quando necessario.

Secondo Weaver, Ricoh non si accontenta solo di ridurre la sua produzione di energia, ma cerca attivamente di generare il proprio approvvigionamento energetico sostenibile. “Abbiamo ulteriori piani per ridurre le nostre emissioni di CO 2 , compreso un impianto solare fotovoltaico a terra e con tettoia per auto Bluetop che dovrebbe essere installato da Push Energy quest’anno”, ha concluso Weaver. “Questo ridurrà le emissioni di CO 2 del sito di ulteriori 600 tonnellate e ci consentirà di generare la nostra energia verde”.

Sostenibilità nella produzione additiva

La stampa 3D è stata spesso commercializzata come una forma di produzione più efficiente rispetto ai processi esistenti, ma recentemente i ricercatori sono giunti a conclusioni diverse sul suo impatto sull’ambiente.

Il Center for Industrial Ecology (CIE) ha pubblicato una rivista peer-reviewed nel dicembre 2017 che ha valutato le più ampie implicazioni sulla salute e sull’ambiente della stampa 3D. Nel documento, il suo editore Reid Lifset ha concluso che sono necessarie ulteriori ricerche sui potenziali problemi associati a un maggiore volume di produzione.

Nel settembre 2018, i ricercatori del MIT , di Yale e dell’Università di Nottingham hanno analizzato congiuntamente le prestazioni eco-compatibili della stampa 3D. Sebbene il team abbia scoperto che l’accessibilità in genere guida una produzione più sostenibile, ha concluso che si potrebbe fare di più per ridurre gli sprechi di materiale nel settore.

Gli scienziati dell’Università di Grenoble Alpes hanno valutato l’ impatto ambientale della stampa 3D tramite un caso di studio incentrato sulla produzione di plantari ortesi. I ricercatori hanno scoperto che il tempo risparmiato passando alla produzione additiva, l’ha resa una forma di produzione più efficiente rispetto ai metodi tradizionali.

Be the first to comment on "Ricoh 3D di Telford passerà al 100% di energia rinnovabile"

Leave a comment