Retr3d il progetto open source che trasforma la spazzatura elettronica in stampanti 3d

E-Waste le  stampanti 3D e Retr3d
Noi la chiamiamo e-waste spazzatura elettronica, ma i 2,3 milioni di tonnellate di computer, telefoni cellulari, elettronica di consumo e televisori che gettiamo via ogni anno non è spazzatura sono opportunità.retr3d logo Infatti, ogni dispositivo elettronico che gettiamo via, perché è danneggiato o antiquato è sì pieno di materiali tossici, pericolosi ma anche di materiali pregiati che possono e devono essere riciclati e riutilizzati. Gli americani da soli, buttano via oltre 60 milioni di dollari in oro e argento rame e palladio, ogni anno in telefoni cellulari vecchi. Un milione di computer portatili e altri dispositivi informatici che vengono riciclati e riutilizzati in nuovi prodotti consentono di risparmiare elettricità sufficiente ad alimentare 3.657 tipiche case in un solo anno. E-waste non è spazzatura, è uno spreco letterale di risorse preziose.

E ‘ la dice lunga sulla relativa ricchezza in America quando possono permettersi di buttare via milioni di dollari in metalli preziosi, perché è più facile lanciare un telefono lontano che lasciarlo in un centro di riciclaggio. I telefoni cellulari hanno trasformato il continente africano e il modo in cui le persone comunicano tra di loro. Le comunità rurali, una volta isolate, sono diventate cittadinanza globale.
Techfortrade, e il loro direttore tecnico Matteo Rogge, ritengono che gli stessi effetti trasformativi si possono ottenere portando a basso costo, la tecnologia di stampa 3D per le comunità povere e in via di sviluppo. Con l’introduzione della stampa 3D a queste comunità, si apre la possibilità di raggiungibile e basso costo la produzione localizzata. A tal fine essi hanno sviluppato Retr3d, un programma che può contribuire a trasformare migliaia di tonnellate di e-waste, destinato ad essere inviato a una discarica, in attrezzature per la stampa 3D. Non solo  questa tecnologia riciclata può essere costruita e mantenuta a  livello locale,  utilizzando materiali localmente  anche materiali preziosi che spesso sono la linea di confine tra successo e fallimento.

Retr3d genererà dei design di stampanti 3D basate interamente su l’inventario esistente dei materiali a cui gli utenti hanno accesso nell’e-waste. Le materie prime a portata di mano e le loro dimensioni semplicemente hanno bisogno di essere immessi nel Retr3d e il programma saranno quindi in grado di generare automaticamente le stampanti 3D funzionali utilizzando una serie di script in Python. Tutti gli script di progettazione possono essere eseguiti gratuitamente in FreeCAD, e non appena un progetto completo di una stampante 3D è stato creato, Retr3d creerà automaticamente una cartella contenente tutti i file STL e le specifiche progettuali richieste. Inoltre sia Plater che  Slic3r sono pienamente integrati e compatibili con Retr3d

Progetti come Retr3d sono la ragione per cui i movimenti open source di software  e hardware  sono così importanti. Il mantenimento di prodotti che sonoi più aperti possibile  hanno dimostrato, più e più volte, che la condivisione  rende la tecnologia accessibile a più persone e incoraggia l’innovazione . La possibilità di trasformare facilmente la spazzatura elettronica  in tecnologia funzionale può creare posti di lavoro e  sicurezza, così come stimolare la crescita industriale delle economie in via di sviluppo, porterà a tutti noi una comunità mondiale più equa e giusta.

Be the first to comment on "Retr3d il progetto open source che trasforma la spazzatura elettronica in stampanti 3d"

Leave a comment