Report di McKinsey su stampa 3d e industria delle costruzioni

McKinsey: la stampa 3D potrebbe trasformare l’industria delle costruzioni con la modellazione 5D, l’IoT, e l’assemblaggio robotico
La società di consulenza  McKinsey & Company ha pubblicato un rapporto che identifica la stampa 3D come una delle aree chiave del “futuro digitale delle costruzioni”. Il rapporto esamina anche la modellazione delle informazioni sugli edifici 5D, l’IoT e altre tecnologie.

La stampa 3D nell’industria delle costruzioni potrebbe non essere l’area di produzione più addensata, ma la maggior parte delle case e degli edifici stampati in 3D possono essere considerati come sforzi formativi, ma la costruzione può senza dubbio diventare una delle applicazioni più ad alto contenuto di additivi.

Questo parere è sostenuto dalla McKinsey, che ha identificato la stampa 3D come una parte fondamentale del “futuro digitale delle costruzioni”.

La relazione esamina cinque tendenze che modellano i progetti di costruzione e di capitale:

Geografia e geolocalizzazione di definizioni più elevate
Modellazione di informazioni di edificio di nuova generazione di 5D
Collaborazione digitale e mobilità
Internet delle cose e analisi avanzate
Progettazione e costruzione a prova di futuro
Sebbene il termine “5D building”, ambiguo, possa innescare l’eccitazione per i produttori, è in realtà la categoria “design e costruzione” in cui la stampa 3D ricade.

In questo settore, McKinsey afferma che “i nuovi materiali da costruzione, come il calcestruzzo auto-riparante, gli aerogels e i nanomateriali, nonché gli approcci innovativi di costruzione, come la stampa 3D e moduli preassemblati, possono ridurre i costi e accelerare la costruzione migliorando la qualità e sicurezza.”

E mentre la società di consulenza ammette che la stampa 3D non è ancora totalmente disponibile in termini di prontezza di progetti, prevede che l’additivo potrebbe essere una delle principali protagoniste del futuro nelle costruzioni.

La stampa dei sottomoduli o delle strutture complete in calcestruzzo prima dell’assemblaggio e del lavoro interno potrebbe trasformare l’industria rispetto al design, al costo e al tempo “, afferma il rapporto, ammettendo che” la stampa 3D è ancora nelle prime fasi del suo sviluppo e non può ancora essere schierata alla scala e alla velocità richiesta nei grandi progetti “.

Naturalmente, la stampa 3D rappresenta solo una parte di ciò che McKinsey descrive come il “design del futuro” e le tecniche di costruzione. Altre tecnologie all’interno di questa area  comprendono il preassemblaggio (per la costruzione di componenti modulari di edifici esterni) e la costruzione assemblata robotica , destinata ad essere particolarmente utile per le “attività ripetitive e prevedibili, quali la fabbricazione di piastrelle, muratura, saldatura e rotazione, Demolizione e riciclaggio di calcestruzzo “.

Ma prima che le imprese di costruzione posino il loro primo mattone (o estraggano il loro primo strato), devono prima elaborare schemi completi e la relazione di McKinsey esamina anche i modi in cui il design dell’edificio cambierà in futuro.

Una grande parte del futuro della costruzione sarà presumibilmente di “modellazione delle informazioni di costruzione 5D”, una forma di modellazione 3D più avanzata (sebbene non direbbero necessariamente più dimensionale) che incorpora anche i fattori di pianificazione e di bilancio nei progetti CAD.

“La prossima generazione 5D BIM è una rappresentazione tridimensionale delle caratteristiche fisiche e funzionali di ogni progetto”, afferma il rapporto. “Considera il costo e la pianificazione del progetto in aggiunta ai parametri standard di progettazione spaziale in 3D”.

 

Ciò significa che le imprese di costruzione potrebbero riunire i loro attualmente disparati strumenti software per la modellazione 3D, la pianificazione del budget e la pianificazione, integrandoli in un unico sistema che considera l’intero processo come uno. Una piattaforma BIM 5D consentirebbe alle aziende di valutare istantaneamente l’impatto di determinati cambiamenti in termini di struttura, costo e tempo 3D.

“La natura visiva e intuitiva di 5D BIM offre agli imprenditori una migliore possibilità di individuare i rischi in precedenza e quindi di prendere decisioni migliori”, aggiunge McKinsey.

Lo scopo della relazione McKinsey non è solo quello di esaminare quali tecnologie daranno forma al futuro della costruzione, ma anche  consigliare le imprese su come possono organizzarsi per sfruttarle. Tutto comincia con la volontà di “adottare una nuova mentalità” e discute le possibilità di una nuova gestione, l’orientamento del ritorno sull’investimento e l’introduzione della trasparenza e della condivisione dei rischi nei contratti.

Con fonti affidabili come McKinsey che battono la bandiera per la produzione di additivi, è sicuramente solo una questione di tempo prima di vedere più edifici 3D stampati e progetti di costruzione all’orizzonte.

Be the first to comment on "Report di McKinsey su stampa 3d e industria delle costruzioni"

Leave a comment