Relativity Space pronta per il lancio del missile il prossimo anno

Preparazione per il lancio del missile del prossimo anno con il nuovo vicepresidente e la tecnologia di stampa 3D verificata

Negli ultimi anni, c’è stata l’eccitazione per la nuova razza sulla luna. Ma man mano che le scadenze per il lancio di missili e le missioni con equipaggio si avvicinano, le compagnie spaziali iniziano ad allineare i loro progetti con la loro strategia aziendale globale. Maggio è stato un mese particolarmente impegnato nelle notizie spaziali. Con il lancio monumentale della NASA ‘s SpaceX Crew Drago missione volo di prova commerciale portando gli astronauti Robert Behnken e Douglas Hurley alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS); un primo tentativo di lancio orbitale da parte del lanciarazzi di Virgin Orbit , e una manciata di lanci lanciarazzimotori per future missioni di lancio, sembra che l’industria aerospaziale stia sfruttando lo slancio spaziale. Con i piani di mandare il prossimo uomo e la prima donna sulla Luna nel 2024, l’anticipazione della testimonianza degli astronauti camminare sulla superficie della Luna per la prima volta dal 1972, è troppo difficile da gestire per molti. E le compagnie spaziali stanno iniziando a notare.

Uno di questi è lo spazio di relatività (relatività). La startup californiana che sta spingendo i limiti della produzione additiva mentre tenta di stampare in 3D interi razzi di classe orbitale, è stata super impegnata questo mese. Proprio la scorsa settimana sono uscite le notizie che uno dei dipendenti chiave di SpaceX stava lasciando la Reletivity, la migliore compagnia di missili della California meridionale. Nel frattempo, la società sta spingendo verso il volo inaugurale del suo razzo Terran 1 , che dovrebbe essere lanciato entro la fine del 2021, e se ciò non bastasse, Relativity prevede anche di automatizzare il più possibile il processo di assemblaggio e test del razzo a il suo nuovo sito a Long Beach , in California.

Il vicepresidente senior della produzione e del lancio ufficiale presso SpaceX, Zachary Dunn, diventerà vicepresidente dello sviluppo della fabbrica presso Relativity, dove sarà incaricato di supervisionare lo sviluppo del nuovo sito di stampa 3D dell’azienda, annunciato lo scorso febbraio. Ars Technica ha annunciato per la prima volta che Dunn avrebbe guidato il nuovo team di sviluppo della fabbrica di Relativity, con un focus iniziale per consegnare il razzo stampato in 3D Terran 1 al suo primo lancio orbitale e quindi sviluppare la tecnologia necessaria per ridimensionare la produzione di Terran 1.

Il co-fondatore di Relativity, Tim Ellis, ha espresso in un post personale su LinkedIn : “Entusiasta di dare il benvenuto a Zachary Dunn nel team di Relativity Space dove dirigerà un nuovo team come vicepresidente dello sviluppo della fabbrica. Relativity è una società di stampa 3D a livello di applicazione focalizzata sulla consegna del nostro primo prodotto in orbita: Terran 1. Nel creare una catena del valore completamente nuova per i prodotti aerospaziali, Zach guiderà lo sviluppo del nostro esclusivo approccio di fabbrica. Alla fine questo approccio sarà necessario su Marte e dobbiamo ispirare dozzine a centinaia di aziende per portare l’umanità su Marte su larga scala. Zach si unisce a David Giger, leader nel settore del lancio di veicoli per Terran 1, e Brandon Pearce, lefare pubblicità a Avionics e al software integrato per completare il nostro team di ingegneri nelle nostre tre aree di interesse […] ”.

Relativity ha già una manciata di altri veterani di SpaceX nello staff, tra cui il co-fondatore Jordan Noone; l’ingegnere Tim Buzza e David Giger, che si unirono alla relatività contemporaneamente a Buzza per guidare lo sviluppo del potenziatore di Terran 1.

Inizialmente stagista estivo, Dunn ha trascorso 13 anni presso SpaceX, diventando vice presidente senior della produzione e del lancio.

Senza mostrare alcun duro sentimento per il passaggio, il fondatore e ingegnere capo di SpaceX Elon Musk ha twittato “Zach ha dato un contributo significativo a SpaceX ed è un amico. Gli auguro ogni bene mentre prova qualcosa di nuovo. “

Zachary Dunn (Credit: Dunn)

Con così tanta anticipazione su come si svolgerà il 2021 per molti produttori di razzi, Relativity non sta perdendo tempo. Attualmente sta testando il motore a razzo di Terran 1 presso lo Stennis Space Center della NASA nel Mississippi, dove la società prevede di stabilire una linea di produzione in un edificio affittato, mentre si prepara a condurre il primo lancio di test l’anno prossimo. In linea con la missione dell’azienda, il veicolo di lancio di piccole dimensioni pianificato sarà costruito in soli 60 giorni dalle materie prime e principalmente dalla stampa 3D della struttura, della carenatura del carico utile e dei motori.

L’anno scorso 3DPrint.com ha informato che la stampante 3D in metallo Stargate di Relativity (una delle più grandi al mondo) aveva sfornato un serbatoio di alluminio di 11 piedi in tre settimane, che avrebbe dovuto essere portato allo Stennis Space Center per i test .

Inoltre, all’inizio di questo mese, Michael Sheetz della CNBC ha riferito che la startup spaziale con sede a Los Angeles aveva effettivamente condotto una serie di test utilizzando il serbatoio stampato in 3D. Ellis ha spiegato che anche se “il carro armato era un quinto delle dimensioni di quello che verrà utilizzato per il razzo Terran 1 di Relativity, era strutturalmente rappresentativo delle pressioni e dello stress che avrebbe dovuto subire durante un lancio”. Apparentemente, questo test è stato sufficiente per verificare che l’approccio di stampa 3D di Relativity alla costruzione di missili funzioni. Ellis ha rivelato che durante il test, il serbatoio è stato sempre più pressurizzato fino a quando non è scoppiato a circa il “10% in più rispetto ai requisiti con il fattore di sicurezza” necessario per un lancio.

mu Il fondatore dello spazio James Yenbamroong e il CEO di Relativity Space e il fondatore Tim Ellis sono di fronte allo Stargate di Relativity, la più grande stampante 3D in metallo al mondo (Credit: Relativity Space)

Man mano che la società si avvicina alla data di lancio, importanti traguardi come questo sono fondamentali per convalidare i processi di produzione della startup. Soprattutto se si considera che Relativity ha già firmato un accordo sui servizi di lancio per mettere carichi utili sul razzo Terran 1 con la società Spaceflight , con sede a Seattle , uno dei principali provider satellitari di rideshare e gestione delle missioni. Con un accordo che copre l’acquisto del primo lancio e anche opzioni per ulteriori lanci di rideshare in futuro, la società si sta preparando per i prossimi mercati commerciali di voli spaziali umani e altre richieste in orbita terrestre bassa.

Anche se non ci sono stati dettagli sulle offerte di lancio e sui prezzi, incluso l’accordo recentemente annunciato con Spaceflight, la società ha dichiarato nel 2018 che aveva impegni provvisori per oltre 1 miliardo di dollari per lanci da entità commerciali e governative. Inoltre, la compagnia ha recentemente chiuso un round di finanziamento da 140 milioni di dollari guidato da Bond e Tribe Capital , che è sufficiente per trasportare il piccolo lanciatore satellitare stampato in 3D della compagnia attraverso il suo primo volo orbitale.

Per ora, la società è stata impegnata nella stampa 3D di interi razzi che implementeranno e forniranno costellazioni satellitari per collegare e migliorare la vita sulla Terra. Tuttavia, l’obiettivo a lungo termine di Relativity è quello di produrre missili unici nel loro genere utilizzando la stampa 3D che potrebbe portare gli umani nello spazio. Parlano anche della stampa 3D del primo razzo realizzato con materiali trovati su Marte. Anche se questo sembra a decenni di distanza, il potenziale di mercato dei viaggi nello spazio e del turismo ha la maggior parte delle aziende del settore spaziale che si stanno concentrando sui mercati di consumo mentre iniziamo a assistere a un’intensa corsa per arrivare allo spazio.

Be the first to comment on "Relativity Space pronta per il lancio del missile il prossimo anno"

Leave a comment