REJOINT sviluppa protesi del ginocchio con la stampa 3d e l’intelligenza artificiale

REJOINT , un produttore italiano di impianti medici, introduce la personalizzazione di massa e la personalizzazione della terapia attraverso una combinazione di tecnologia di produzione additiva con intelligenza artificiale.

In particolare, la società utilizzerà la tecnologia EBM (Electron Beam Melting Melting ) di GE Additive Arcam e l’analisi computerizzata di acquisizione di dati intra e postoperatori da dispositivi indossabili sensorizzati connessi all’IoT. Ciò aiuterà REJOINT a produrre dispositivi medici personalizzati per i pazienti sotto forma di protesi al ginocchio.

Il mercato mondiale delle protesi di ginocchio è stimato in 5 milioni di impianti all’anno. Nel 2015 REJOINT è stata fondata a Bologna con specialisti del settore ortopedico. Il loro focus è su soluzioni mediche personalizzate. Oltre all’intelligenza artificiale, qui viene utilizzata anche la stampa 3D. Nella produzione additiva, si affidano alle tecnologie additive GE.

“Quando si trattava di produzione additiva , inizialmente non eravamo sicuri di quale fosse la soluzione migliore per protesi personalizzate in cobalto-cromo e abbiamo valutato DMLM ed EBM. Entrambe le modalità offrono effettivamente un buon livello di risoluzione e qualità, ma alla fine abbiamo scelto il sistema GE Additive Arcam EBM Q10plus. Anche la conoscenza e il supporto nell’industrializzazione che GE potrebbe offrirci, nonché l’esperienza professionale del suo team locale qui in Italia, sono stati fondamentali per la nostra decisione “, ha affermato Gian Guido Riva, CEO di REJOINT.

Fino a poco tempo fa, il mercato dell’endoprotesi del ginocchio consisteva esclusivamente di sistemi di protesi standard, con solo una selezione limitata di dimensioni disponibili. Il dimensionamento e il posizionamento corretti e precisi sono uno dei fattori cruciali per il successo di questo tipo di chirurgia, che è clinicamente di routine oggi, ma il suo successo varia ancora.

Le articolazioni del ginocchio devono resistere a carichi puntuali che possono raggiungere valori di oltre 300 chilogrammi. Anche minime variazioni dimensionali tra gli elementi ossei del paziente e un impianto possono causare dolore e infiammazione. Per il paziente, sovradimensionare o sottodimensionare significa che è costantemente consapevole della presenza di un’articolazione artificiale e porta alla rottura dei muscoli e dei legamenti.

Per questo motivo, gli impianti ottimizzati e adattati di REJOINT rappresentano un mercato interessante. REJOINT è attualmente in procinto di ottenere l’ approvazione della FDA , prevista per la prima metà del 2021. La certificazione consentirà l’accesso al mercato statunitense, che rappresenta il 62 percento del mercato globale dei dispositivi ortopedici e oltre il 70 percento del valore del mercato globale delle protesi del ginocchio. Inoltre, REJOINT collabora con GE Additive per ridurre i costi di produzione basati su polvere, con particolare attenzione alla riduzione dei tempi di ciclo e all’ottimizzazione dei parametri.

Be the first to comment on "REJOINT sviluppa protesi del ginocchio con la stampa 3d e l’intelligenza artificiale"

Leave a comment