REGEMAT 3D lancerà un catalogo di biomateriali

REGEMAT 3D inizierà a vendere biomateriali
Uno dei principali attori nel campo della bioprinting in Spagna incorporerà sette nuovi biomateriali. Nei prossimi mesi, REGEMAT 3D lancerà un catalogo di biomateriali che i clienti possono acquistare e utilizzare insieme ai loro sistemi di bioprinting. Secondo i funzionari dell’azienda, negli ultimi anni i progressi nei sistemi di biostampa 3D sono diventati molto importanti, così come i nuovi biomateriali per la medicina rigenerativa. La performance dei gruppi di ricerca con cui collaborano ha prodotto risultati che erano probabilmente inediti anni fa. Tuttavia, ritengono che queste innovazioni nei sistemi di bioprinting debbano essere accompagnate da una progressiva definizione e caratterizzazione dei biomateriali utilizzati. Quest’anno, uno degli obiettivi di REGEMAT 3D è far progredire i biomateriali per ulteriori ricerche nelle diverse applicazioni derivate dal settore della stampa 3D , che cresce ogni anno.

Ogni specifica applicazione richiede soluzioni diverse e biomateriali appropriati per ottimizzare i processi. Ad esempio, è facile capire che rigenerare componenti della pelle, idrogel, cellule e fattori di crescita sono diversi da quelli necessari per rigenerare il tessuto muscolare, l’osso o la cornea. Pertanto, è essenziale offrire a ricercatori e scienziati diversi biomateriali per aiutare il loro lavoro. REGEMAT si sta concentrando su sette: termoplastici, collageni, alginati, agarosi, gelatina metacrilile (GelMA), nanocellulosa e diversi tipi di supporti cellulari compatibili con le cellule utilizzate. Tutti i biomateriali dovrebbero essere facili da stampare, gestire e consentire ai ricercatori di affrontare alcune delle sfide che devono affrontare mentre lavorano.

I nuovi biomateriali per il bioprinting 3D saranno disponibili sulla pagina web dell’azienda (che rilanceranno a breve), oltre che attraverso i loro uffici. REGEMAT 3D ha accordi con diversi partner nazionali e internazionali per la fabbricazione di questi prodotti. I primi ad essere venduti commercialmente saranno nanocellulosa, collagene e alginato.

La società di biotecnologie Granada, con sede in Spagna, ha venduto le sue macchine agli utenti in più di 25 paesi. Per anni, l’azienda ha lavorato con gruppi di ricerca presso l’Università di Granada in terapie avanzate , ha partecipato a un progetto congiunto per lo sviluppo di nuove terapie per la rigenerazione della cartilagine e ha collaborato con l’Ospedale universitario di La Paz, dove il fondatore di REGEMAT 3D coordina la piattaforma di ingegneria e stampa dei tessuti 3D (PITI3D) , che fornisce ingredienti e processi per generare tessuti funzionali. Fin dalla sua origine, il La startup si è concentrata sulla medicina rigenerativa, sviluppando hardware e software personalizzati richiesti e richiesti da alcuni dei principali ospedali e università di ricerca della regione. Sviluppano i propri sistemi di bioprinting – le macchine BIO V1 – e li personalizzano per le applicazioni dei loro utenti in base ai requisiti di ciascuna indagine.

Lo scorso gennaio, un gruppo di ricercatori guidati dall’Università di Granada e REGEMAT 3D, ha pubblicato un articolo accademico sullo sviluppo di un processo di biofabbricazione 3D volume per volume che divide la parte stampata in diversi volumi e inietta le cellule dopo ogni volume ha stato stampato, una volta diminuita la temperatura delle fibre termoplastiche stampate. Questo aiuta a superare i problemi che sorgono quando si lavora in bioprinting 3D con materiali termoplastici ad alte temperature: uno dei biomateriali che presto comincerà a commercializzare, con cui l’azienda è molto familiare e ha lavorato a lungo.

Per continuare a sviluppare nuovi biomateriali e lanciare nuovi prodotti, l’azienda spagnola, guidata dal fondatore e CEO José Manuel Baena , è riuscita a raccogliere 320.000 euro nel mezzo dell’ultimo round finanziario . REGEMAT 3D, insieme alla consociata Breca, non stanno solo lanciando la nuova serie di biomateriali, ma stanno anche espandendo la loro presenza in Brasile, dove la società ha già iniziato a commercializzare i suoi prodotti, e in Cina, dove hanno chiuso un accordo con il distributore cinese ApgBio, con sede a Shanghai, che è responsabile per l’introduzione di apparecchiature di bioprinting nel paese per la rigenerazione di organi o tessuti. Aziende come REGEMAT 3D si stanno attrezzando per produrre biomateriali di massa, fornendo ai ricercatori più opzioni quando si tratta di bioprinting per medicina rigenerativa e terapie avanzate, di solito tenendo a mente come i corpi dei pazienti reagiranno ai nuovi materiali e se saranno compatibili. La Spagna, come molti altri paesi europei, si sta rapidamente avvicinando al mondo della bioprinting, che oggi è guidato da società con sede negli Stati Uniti, ma è promettente in molti paesi sviluppati.

Be the first to comment on "REGEMAT 3D lancerà un catalogo di biomateriali"

Leave a comment