Recensione della stampante 3D IDEX XL CraftBot Flow prova su strada test drive

RECENSIONE: CRAFTBOT FLOW IDEX XL – UN’OFFICINA ADATTA PER STAMPANTE 3D IDEX FFF ​​DI GRANDE FORMATO

Progettata dal produttore ungherese Craftunique , CraftBot Flow IDEX XL è una macchina FFF a doppio estrusione indipendente (IDEX) di grande formato. Al prezzo di $ 3999 , il sistema è destinato a ingegneri, designer, architetti e artisti che desiderano produrre stampe di livello professionale di grandi dimensioni per scopi funzionali, artistici o di prototipazione.

La grande camera di costruzione di CraftBot potrebbe non essere esattamente ciò che immagini quando senti il ​​termine “grande formato”. Il team di progettazione ha scelto di concentrarsi sull’altezza del modello piuttosto che sull’area del piano di stampa, offrendo alla stampante un volume di costruzione di 425 x 250 x 500 mm. Ciò fornisce agli utenti ben 56 litri di volume potenziale con cui giocare, e l’area del piano di stampa non è ancora nulla da ridire. Anche se confrontato con il telaio massiccio della stampante che misura 635 x 450 x 790 mm, è chiaro che Craftunique ha fatto un uso efficiente dello spazio durante la progettazione della macchina.

CraftBot dispone anche di un sistema IDEX, in base al quale i due hotend interamente in metallo sono alloggiati in due testine di stampa separate che sono bloccate insieme su un cavalletto nell’asse Y ma libere di muoversi indipendentemente nell’asse X. Una temperatura massima dell’ugello di 300 ° C consente a CraftBot di stampare alcuni dei filamenti termoplastici più resistenti tra cui ABS, PET-G, PVA e nylon.

La maggior parte delle funzionalità della stampante, come il caricamento e lo scaricamento del filamento, è accessibile tramite il touchscreen a colori da 5 ”sul lato anteriore. Le opzioni di connettività includono una porta USB, Wi-Fi e un cloud 3D. Una moltitudine di funzioni di qualità della vita rendono anche CraftBot un piacere da usare, tra cui una fotocamera integrata per il monitoraggio remoto e i timelapse e un sensore di monitoraggio del filamento per la pausa di stampa e la continuazione usando l’altro estrusore. L’indicatore di stato a LED funge anche da display RGB personalizzabile, facendo sentire CraftBot come a casa in qualsiasi uomo (o donna).

Dove vediamo molte stampanti “fratello maggiore” che raddoppiano l’area del piano di stampa, IDEX XL ha invece scelto di raddoppiare l’altezza della camera di costruzione rispetto al suo predecessore, l’ IDEX CraftBox Flow . La scelta del design piuttosto non convenzionale è probabilmente ciò che i professionisti dell’arte e dell’architettura stanno cercando: scommettiamo che CraftBot potrebbe stampare un grattacielo Burj Khalifa medio.

Il corpo di 38 kg di IDEX XL è tra i più puliti che abbiamo mai visto nell’industria della stampa 3D. Il telaio in acciaio verniciato a polvere a forma aperta è delimitato da fogli di plexiglass su entrambi i lati, che ci danno una visione libera della camera di costruzione. All’ispezione degli angoli interni, abbiamo faticato a trovare eventuali cavi allentati in giro, facendoci credere che Craftunique abbia un team dedicato alla gestione dei fili in ufficio. I due portarocchetti della stampante possono essere fissati in qualsiasi punto lungo la parte superiore dei lati sinistro o destro della stampante per comodità.

La piastra di costruzione in metallo è coperta da un foglio magnetico flessibile rimovibile, garantendo superfici lisce sul lato inferiore delle stampe e una facile rimozione delle parti. Il letto è in grado di riscaldare fino a 110 ° C, fornendo un’adesione aggiuntiva per i materiali che ne hanno bisogno. Viaggia anche lungo un binario lineare per una maggiore stabilità.

Il livellamento del letto e la calibrazione degli ugelli sono semi-automatici e durano circa 10 minuti in totale, con l’utente che deve solo girare le ruote sotto il letto per calibrarlo perfettamente (con la guida del touchscreen). L’ attivazione della “Modalità guidata” consentirà alla stampante di calibrare i propri ugelli. Nel complesso, un processo molto intuitivo e facile da usare.

Il principale vantaggio del sistema IDEX è la possibilità di utilizzare entrambi gli hotend contemporaneamente. Poiché si muovono indipendentemente sull’asse X, gli utenti sono in grado di utilizzare le modalità “duplicato” e “specchio” della stampante. L’uso di queste modalità raddoppia efficacemente il potenziale di output di CraftBot, sebbene i due modelli debbano essere identici. La modalità duplicata crea una copia carbone di una parte sull’altro lato del letto, identica per dimensioni e orientamento. La modalità specchio crea una parte di dimensioni identiche sull’altro lato del letto, ma viene specchiata al centro dell’area di costruzione. Poiché il peso di ogni singola testina di stampa viene ridotto a causa dell’alloggiamento di un solo hotend, entrambi sono in grado di viaggiare un po ‘più velocemente, con conseguente riduzione dei tempi di stampa.

CraftBot accetta filamenti di diametro 1,75 mm ed espelle attraverso un ugello di diametro 0,4 mm. La massima velocità di stampa della stampante è di 200 mm / se l’altezza dello strato più fine è di 50 micron rispettabile.

Craftunique fornisce il proprio software di slicing per la preparazione dei file su CraftBot – CraftWare . Vale la pena notare, tuttavia, che la stampante è compatibile con una moltitudine di affettatrici open-source come Cura, Simplify3D e Slic3r. La prima cosa che viene visualizzata quando carichi CraftWare è l’abbondanza di colori vivaci sullo schermo, certamente non evita di usare l’intera tavolozza per codificare a colori le sue funzioni.

Per quanto riguarda la funzionalità, non è molto diverso dalla maggior parte delle affettatrici sul mercato. Caricate un modello 3D, traducete, ridimensionate, ruotate, supportate ed esportate un gcode. Le funzioni di base sono abbastanza intuitive da consentire a un principiante di prenderlo in mano dopo aver frugato nei menu per alcuni minuti. Per i veterani della stampa 3D, la finestra dell ‘”utente avanzato” consente di accedere a una serie di parametri più sofisticati come temperature, velocità e riempimenti. Inizialmente abbiamo trovato questa modalità avanzata un po ‘complicata da affrontare, tuttavia. Ad esempio, non è del tutto chiaro come l’affettatrice gestisca il riempimento o quale sia la differenza tra le varie opzioni.

Gli utenti hanno anche la possibilità di utilizzare il cloud 3D basato sul web della stampante per la gestione della stampa. Un’interfaccia utente ben congegnata e la personalizzazione dei menu rendono il cloud un piacere da usare. CraftBot consente inoltre agli utenti di modificare alcuni dei parametri più semplici come la temperatura una volta che la stampa è già iniziata: un’aggiunta ponderata e gradita.

È tempo di vedere di cosa è fatto veramente CraftBot. Il nostro regime di test completo è progettato per spingere i limiti delle stampanti ad esso soggette, offrendo una panoramica di tutto ciò che il sistema può (e non può) fare.

Abbiamo iniziato stampando una serie di gruppi meccanici su CraftBot: un gruppo di dadi e bulloni e un sistema di ingranaggi differenziali. Questi test sono utili per determinare la precisione dimensionale di una stampante in quanto si assemblano facilmente e funzionano senza problemi con tolleranze strette.

Tutto sommato, entrambi i sistemi sono stati stampati correttamente. Il dado e il bullone si avvitano con facilità e c’è poco gioco nell’assemblaggio; potrebbe sicuramente essere usato in pratica come parte funzionale. Gli ingranaggi differenziali hanno una qualità superficiale molto elevata ma ci sono alcuni difetti minori nelle zone di contatto causati da cicatrici di supporto. Il meccanismo funziona ancora bene e la resistenza all’attrito è minima.

Riteniamo che l’affettatrice abbia avuto delle difficoltà nel generare supporti automatici nelle aree più complesse del sistema di ingranaggi differenziali. Inizialmente era sovra-supportato, quindi abbiamo dovuto rimuovere alcune delle connessioni non necessarie e rivedere dove dovrebbero essere i supporti. Una volta stampati, abbiamo riscontrato che i supporti sono abbastanza difficili da rimuovere, con conseguenti cicatrici moderate. In questo caso, si è rivelato non problematico, ma può causare problemi in parti molto sensibili alla tolleranza.

Quindi sottoponiamo CraftBot al test di retrazione, che è una misura della qualità degli estrusori del sistema. Il test consiste in nove punte disposte in una formazione a griglia. Se gli estrusori non sono in grado di trattenere con successo il PLA fuso durante il viaggio tra i picchi, avremmo delle stringhe sgradevoli sulle nostre mani.

Fortunatamente, non è arrivato a questo. La capacità di retrazione di CraftBot è praticamente perfetta e non vi è stata alcuna incordatura tra le punte. Un successo clamoroso!

Il prossimo è stata la nostra scultura rinascimentale su larga scala. Questo test è stato progettato per determinare come la stampante gestisce le stampe lunghe (cinque giorni per questa), come la stampante gestisce le stampe alte (495 mm) e quanto funziona effettivamente il sensore di monitoraggio del filamento (puoi scommettere che abbiamo bruciato alcune bobine) .

Il risultato? Una stampa degna dello stesso da Vinci. Le curve erano lisce e le linee di strato erano praticamente invisibili. Con stampe più alte, tendiamo a vedere la qualità deteriorarsi mentre il letto si sposta lungo l’asse Z a causa della maggiore inerzia causata dalle vibrazioni attraverso il telaio della stampante. La robusta struttura in acciaio del CraftBot ha fatto un ottimo lavoro per smorzare le vibrazioni, quindi la qualità è rimasta molto elevata durante la stampa. Il sensore del filamento ha anche messo in pausa e riavviato la stampa esattamente nei punti giusti, rendendola fin troppo uniforme.

A che serve un ugello a 300 ° C se riesce a gestire solo il PLA? Il nostro test in nylon PET-G + ci ha anche dato la possibilità di provare la doppia modalità di estrusione della stampante. Il contenitore a doppio materiale è uscito alla grande. La differenza tra i due colori nella zona dell’interfaccia è nitida e l’intera struttura sembra molto solida, quasi come se fosse fatta di un materiale.

Abbiamo quindi stampato una serie di contenitori tassellati in legno PLA e filamento Flex. Non abbiamo visto stringhe o deformazioni su qualsiasi parte di entrambi i contenitori. Il vaso Flex ritorna anche alla sua forma originale dopo una significativa deformazione.

Infine, abbiamo fornito un supporto in PVA idrosolubile su CraftBot. La stampa si è rivelata molto pulita, con i supporti in PVA posizionati esattamente nelle aree pertinenti. Dopo aver immerso la stampa in acqua, il modello è emerso con un supporto minimo cicatrici dopo praticamente nessuna post-elaborazione.

Il verdetto

Craftunique ha fatto qualcosa di molto speciale con Flow IDEX XL. Una pletora di funzionalità accuratamente progettate rendono questa gemma nascosta una fantastica stampante 3D di grande formato per professionisti. La qualità di stampa è esattamente ciò che ti aspetteresti da una macchina di livello professionale e l’affettatrice colorata ti guiderà attraverso il processo. Uno dei veri punti deboli di questa stampante è il materiale di supporto fisico: è costantemente difficile da rimuovere. Forse il team di Craftunique può rivedere i parametri predefiniti associati ai supporti automatici sull’affettatrice CraftWare per rendere i supporti più inclini a staccarsi. Detto questo, la stampante fa tutto il resto bene e ci siamo divertiti molto ad usarlo.

Come per molte delle stampanti 3D di Craftunique, Flow IDEX XL viene fornito con una garanzia di cinque anni. Alla fine di maggio, la società rilascerà anche un attacco per cupola e sportello chiudibile a chiave per la stampante, offrendo agli utenti la possibilità di operazioni chiuse, aggiungendo funzionalità e un livello di personalizzazione al sistema.

Be the first to comment on "Recensione della stampante 3D IDEX XL CraftBot Flow prova su strada test drive"

Leave a comment