RAS il rifornimento in mare navale migliorato grazie alla stampa 3d

Il rifornimento in corso, noto anche come rifornimento in mare (RAS) è un metodo di trasferimento di rifornimenti da una nave all’altra mentre è in corso una missione navale. In un documento intitolato ” Futuro UNREP: tecnologie esistenti, concetti operativi e perché il rifornimento in mare deve evolversi “, gli autori sostengono che i metodi di rifornimento in corso devono avanzare e che hanno molte potenzialità per farlo grazie a tecnologia come la produzione additiva.

La produzione additiva è descritta nel documento come “una tecnologia con un potenziale significativo sia per l’industria che per il Dipartimento della Difesa”. Per quanto riguarda la Marina degli Stati Uniti, la promessa della produzione additiva risiede molto nella sua flessibilità e nelle sue potenzialità di produzione personalizzata. Il documento cita uno studio Deloitte del 2014 che evidenzia la capacità della tecnologia di consegnare la parte giusta nel posto giusto, nel momento giusto e nella giusta quantità. Il valore della produzione additiva, continua lo studio, include la capacità di produrre parti che sono:

Personalizzati singolarmente per scopi specifici
Prodotto nel punto di utilizzo effettivo
Creato su richiesta
Prodotto in quantità inferiori senza perdita di fedeltà del design
La produzione additiva è stata ampiamente accettata dalla Marina; nel 2015, l’allora segretario della Marina Ray Mabus ha emesso un memorandum per il capo delle operazioni navali, comandante del Corpo dei Marines, e l’assistente segretario della Marina (ricerca, sviluppo e acquisizione) per sviluppare ulteriormente e attuare la produzione additiva. Il memorandum emanava direttive per:

Aumentare lo sviluppo e l’integrazione di sistemi di produzione additiva
Sviluppa la capacità di qualificare e certificare parti di AM
Standardizzare il framework e gli strumenti digitali AM e abilitare l’integrazione del processo end-to-end
Stabilire la griglia di produzione digitale integrata avanzata DON
Mentre la stampa 3D viene utilizzata nella flotta navale, la carta sottolinea che non ha ancora raggiunto un utilizzo diffuso o una capacità industriale. Tuttavia, la Marina ha assistito a test di successo su bilance sempre più piccole.

Scafo del sottomarino stampato in 3D [Immagine: Energy.gov]
“Ad esempio, NAVAIR ha creato celle di innovazione e laboratori di fabbricazione in tutta la sua organizzazione per familiarizzare la sua forza lavoro con la tecnologia AM / 3DP”, afferma la carta. “I loro sforzi hanno portato alla produzione di una clip visiera per casco H-1 tramite stampa tridimensionale che è stata la prima parte di produzione additiva approvata per l’utilizzo e le operazioni della flotta nel sistema di fornitura della Marina. Inoltre, un progetto noto come 3-D Sailor sta cercando di estendere questo concetto alla produzione di pezzi in plastica di equipaggiamento per il ponte di volo, come i ganci del rivestimento galleggiante e i pannelli frontali del casco cranico, nonché lo sviluppo di pacchetti di dati tecnici digitali (TDP) per le rispettive parti. NAVIR ha anche prodotto con successo un collegamento e un raccordo per la navicella del motore Osprey MV22B, che è stato successivamente testato e pilotato nell’aeromobile. ”
La sperimentazione della Navy con la stampa 3D ha spaziato dal molto piccolo, come una clip radio , al molto grande, come uno scafo sottomarino . Oltre alle nuove parti come queste, la produzione additiva può anche aiutare riproducendo parti obsolete.

Diverse sfide rimangono ancora all’adozione diffusa della produzione additiva in Marina, secondo il rapporto Deloitte, tra cui test e qualifiche delle parti, sicurezza delle informazioni e delle comunicazioni, formazione e sviluppo di skillset necessari, problemi di proprietà intellettuale e governance AM a livello di DOD.

Ulteriori metodi di rifornimento in corso sono discussi nel documento, tra cui basamenti sottomarini, veicoli sottomarini autonomi e senza equipaggio e spedizioni autonome.

“Poiché il futuro del settore marittimo continua a crescere in complessità e concorrenza da concorrenti vicini come la Cina, è fondamentale che i concetti di rifornimento in corso si adattino per garantire la compatibilità sia con gli orientamenti strategici sia con gli ambienti operativi contestati”, conclude il documento. “… Inoltre, persistono minacce alla capacità degli Stati Uniti di mantenere un vantaggio militare comparato rispetto ai potenziali avversari, comprese le sfide dei processi interni e l’aumento della Cina nella regione Asia-Pacifico. Al fine di mantenere la superiorità in tutti i domini di guerra, una rivisitazione dei processi e delle operazioni attuali è fondamentale, in particolare i metodi di rifornimento e logistica in mare “.

Be the first to comment on "RAS il rifornimento in mare navale migliorato grazie alla stampa 3d"

Leave a comment