Rapido Internet of things e le miniere

IMCRC è un centro di ricerca cooperativa dedicato ad aiutare le aziende australiane ad aumentare la loro rilevanza globale attraverso l’innovazione guidata dalla ricerca nel settore manifatturiero. Il suo ultimo progetto prevede una partnership con il business di Mineral Technologies di Downer e l’ unità di sviluppo tecnologico avanzata della University of Technology di Sydney Rapido. Le tre organizzazioni lavoreranno insieme per ricercare soluzioni in grado di far progredire il modo in cui i polimeri compositi vengono utilizzati per fabbricare attrezzature per la separazione minerale e creare nuove tecnologie di produzione.

La stampa 3D sarà coinvolta nel progetto, che è previsto per un periodo di tre anni. Il lavoro si svolgerà presso una nuova struttura produttiva additiva presso il campus di Broadway della University of Technology e coinvolgerà Rapido, una unità di prototipazione rapida creata dall’università nel 2016 per aiutare l’industria, il governo e i partner della comunità a trasformare idee e problemi in soluzioni e prodotti .

Secondo il direttore di Rapido Herve Harvard, l’unità sta cercando partnership di ricerca per coinvolgere il personale e gli studenti in progetti che aiutino a colmare il divario tra industria e università. Due studenti di dottorato saranno assegnati al progetto con IMCRC e Mineral Technologies.

“La collaborazione con Rapido sfrutta una capacità unica in termini di ampiezza e profondità di competenze e di servizi avanzati offerti da UTS”, ha affermato Harvard. “Possiamo riunire team multi-specializzati per sfruttare l’esperienza di ingegneri altamente performanti che hanno una vasta esperienza nella ricerca e nello sviluppo commerciale insieme a ricercatori che portano competenze accademiche di livello mondiale in settori tecnologici chiave. Questo progetto dimostra come UTS sta diventando un’università leader nella produzione additiva e, in questo particolare contesto, leader nella capacità di sviluppare tecnologie di stampa 3D su misura adatte alla produzione di parti funzionali. ”

Secondo de Andrade, il progetto si concentrerà sulla fornitura di prodotti stampati in 3D con sensori collegati a Internet of Things incorporati. I sensori indirizzeranno gli operatori a raccomandazioni di setpoint ottimali in tempo reale.

“Questo progetto definirà una tecnica di deposizione accelerata e di polimerizzazione per AM che accelererà il modo in cui i polimeri compositi vengono depositati per fabbricare le nostre apparecchiature per la separazione minerale, in particolare le spirali gravitazionali”, ha affermato de Andrade. “Prevediamo di vedere impatti ambientali positivi, come la riduzione del bisogno di sostanze chimiche e la riduzione della contaminazione dell’aria, che migliorerà in modo significativo l’ambiente operativo per la nostra forza lavoro manifatturiera”.
I partner si aspettano che lo sviluppo di nuovi metodi di produzione additiva attirerà la prossima generazione di ingegneri e altri lavoratori che diventeranno esperti nella creazione di stampanti 3D, programmazione di profili e sviluppo di mesh CAD.

L’amministratore delegato di IMCRC David Chuter ritiene che l’uso della tecnologia di produzione additiva non influirà solo sul processo di fabbricazione delle attrezzature minerarie, ma influenzerà anche le operazioni associate della supply chain, soprattutto quando tale tecnologia è dotata di sensori IoT.

“L’attrezzatura per la separazione minerale viene spesso utilizzata in un ambiente remoto e ostile”, ha affermato. “L’uso di spirali a gravità dotate di sensori IoT offrirà a Mineral Technologies un quadro chiaro delle prestazioni del prodotto. Vediamo anche che questo approccio innovativo e la ricerca produttiva potrebbero portare benefici per altri settori, come l’agricoltura verticale e altre applicazioni “.

Be the first to comment on "Rapido Internet of things e le miniere"

Leave a comment