RAMA il progetto finanziato dalla Nasa per trasformare gli asteroidi in miniere

La NASA finanzia RAMA il progetto per trasformare gli asteroidi in astronavi minerarie con la stampa 3D entro il 2030

La Nasa e il progetto Rama per gli asteroidi 01Made In Spazio, lo sviluppatore di stampa 3D a gravità zero, non dorme sugli allori. Già nel mese di marzo, la società ha inviato la seconda versione rivoluzionaria della loro stampante 3D a gravità zero sulla ISS, ed è già al lavoro su un progetto ancora più ambizioso . Con l’aiuto di una sovvenzione della NASA , Made In Spazio sta lavorando a  RAMA (Reconstituting Asteroids into Mechanical Automata Ricostituzione Asteroidea con automi meccanici) il progetto, che mira a trasformare gli asteroidi in avamposti minerari nello spazio per materiali di stampa 3d con raccolte robotizzate e la costruzione di sistemi di propulsione meccanici.

E ‘un concetto molto ambizioso che probabilmente richiederà decenni per essere completato, ma potrebbe contribuire in modo significativo a rompere la barriera materiale che impedisce ulteriormente l’esplorazione dello spazio. “Oggi, dobbiamo portare le risorse dalla Terra,” spiega il  CTO Jason Dunn . “Ma quando si arriva a un punto di svolta in cui abbiamo bisogno di risorse nello spazio, allora la questione diventa, ‘Dove le troviamo  e come possiamo ottenerle ?’ Usare gli asteroidi è un modo per farlo “.

Il nucleo di questo problema può essere trovato nelle limitazioni finanziarie,  ogni chilo di materiali costa migliaia di dollari per essereinviato nello spazio o sulla luna . Se vogliamo raggiungere Marte, dobbiamo essere in grado di produrre in modo efficiente le attrezzature necessarie nello spazio, che è esattamente ciò che la stampa 3D è in grado di offrire alla NASA. E, visto che  diverse aziende e anche le agenzie spaziali di tutto il mondo stanno cercando di estrarre materiali nello spazio, perché non unire le due cose? Questo è in poche parole è il nocciolo di RAMA: un piano a lungo termine per consentire la colonizzazione dello spazio attraverso la produzione . Gli asteroidi come stazioni minerarie che saranno lentamente consumati per consentire la produzione.

Per fare ciò, abbiamo non solo bisogno di raggiungere gli asteroidi con le nostre stampanti 3D, ma anche prendere il controllo dei loro schemi orbitali per consegnare i materiali raccolti in punti specifici. La NASA  sta già studiando gli oggetti vicini alla Terra (NEO) e “Stiamo studiando quello che ci vuole per trasformare gli asteroidi in navicelle auto-alimentate “.

Made In Space  ruota essenzialmente intorno ai Seed Craft’, dei robot costruiti per  le miniere e le attrezzature per la stampa 3D necessarie per il lavoro. “Il viaggio inaugurale, è previsto alla fine degli anni 2030, verso un Near Earth Asteroid (NEA),   all’interno di  una dozzina di Distnze Lunari rispetto alla Terra ,

Arrivati sugli asteroidi i sistemi cominciano ad estrarre materiale che  viene automaticamente utilizzato per costruire la propulsione, la navigazione, l’energia per lo stoccaggio e altri sistemi chiave con l’aiuto della stampa 3D e altri strumenti di produzione compatti.   Questi asteroidi convertiti potrebbero diventare una soluzione molto più efficace rispetto all’invio di minatori (o robot) per ogni singolo  movimento . “RAMA-1 sarebbe stato programmato per alterare lentamente l’orbita dell’asteroide “, spiega Dunn. “Una volta che RAMA-1 identifica il suo nuovo percorso orbitale, può spostarsi su un altro asteroide.”

Questi asteroidi potrebbero diventare un veicolo spaziale una base per rendere la produzione più semplice possibile. Ciò significa assenza di motori a razzo a combustibile, o circuiti elettronici complessi. Invece, nello spazio si possono immaginare motori meccanici relativamente primitivi che creano lentamente propulsione. Catapulte, per esempio, potrebbero lanciare  massi nello spazio per influenzare la traiettoria di movimento dell’asteroide, . Il computer sarebbe analogico, come il meccanismo di Antikythera degli antichi greci ” , che è stato utilizzato per tracciare il moto dei corpi celesti.
Naturalmente tutto questo è estremamente ambizioso, e ci si può chiedere se sia fattibile. Made In Space riconosce anche che i progressi significativi in alcuni settori per l’utilizzo in sito delle risorse (ISRU) sono necessari per realizzare tutto questo. Se tuttova bene, Dunn ritiene che il progetto potrebbe essere realizzato alla fine degli anni 2030 – un tempo in cui  l’estrazione nello spazio è destinata a diventare un’industria vitale. Egli aggiunge che la stessa tecnologia potrebbe anche avere un enorme impatto sulla Terra, ad esempio come strumento di costruzione.

Per scoprire le potenzialità del progetto RAMA, la NASA ha assegnato il progetto una borsa dal suo programma NASA Innovative Advanced Concepts (CANI), che si concentra sui progetti per il futuro che non saranno operativi per almeno un altro decennio. Con la concessione di 100.000 dollari, l’azienda può finanziare gli studi di fattibilità iniziale per nove mesi. Se la ricerca esplorativa sarà sufficientemente promettente , una seconda borsa di studio  (del valore di  500.000 dollari) potrà essere erogata . Ma solo  il tempo ci dirà se il progetto RAMA è qualcosa di più di una speculazione fantascientifica , cioè un efficiente concetto di stampa 3D che potrebbe rinvigorire l’esplorazione spaziale.

Be the first to comment on "RAMA il progetto finanziato dalla Nasa per trasformare gli asteroidi in miniere"

Leave a comment