Quartiere 91: ecosistema di stampa 3D end-to-end all’aeroporto internazionale di Pittsburgh

Esistono molti cluster di stampa 3D in tutto il mondo, specializzati in aree come la bioprinting 3D e la ricerca . Ma non ne abbiamo mai visto uno che includa tutti gli elementi della catena di approvvigionamento AM in un unico spazio – fino ad ora. L’aeroporto internazionale di Pittsburgh, gestito dall’autorità aeroportuale della Contea di Allegheny , ha appena presentato il suo epicentro di stampa 3D innovativo. Neighbourhood 91 , sviluppato con l’ Università di Pittsburgh , il Barnes Group Advisors (TBGA) e altri partner, è una strategia cluster unica incentrata sul rendere redditizia e scalabile l’industria della stampa 3D.

“La regione di Pittsburgh è sempre stata un leader mondiale nella produzione. Ora che l’industria si è evoluta nella produzione additiva e nella stampa 3D, e attraverso il vicinato 91, abbiamo gettato le basi per diventare l’epicentro globale “, ha dichiarato Rich Fitzgerald, dirigente della contea di Allegheny. “Il concetto di vicinato creerà enormi efficienze, ma altrettanto importante è sfruttare le università della nostra regione, che forniranno la ricerca e lo sviluppo necessari e alimenteranno la forza lavoro per riempire questi posti di lavoro.”

Questo ecosistema è stato creato per collegare tutti i componenti della catena di approvvigionamento AM, dalla produzione di polvere e stampa 3D alla post-elaborazione e spedizione. È la prima aggiunta al nuovo Pittsburgh Airport Innovation Campus di 195 acri . Il suo nome si basa sui 90 quartieri della città e il vicinato 91 sarà costruito adiacente alla pista e al terminal dell’aeroporto, con la costruzione prevista per iniziare nel 2020.
Christina Cassotis, CEO di Pittsburgh International Airport, ha dichiarato: “Parte della nostra visione di aeroporto è far progredire il ruolo della regione come leader mondiale. La produzione additiva è alla ricerca di un posto da chiamare casa e nessuno l’ha fatto accadere – fino ad ora. La regione di Pittsburgh si adatta perfettamente alla sua storia e ai suoi beni di oggi. E il nostro aeroporto sta aprendo la strada per farlo insieme ai nostri partner universitari “.

Il primo inquilino di Neighborhood 91 sarà Arencibia , un fornitore di gas argon della Pennsylvania. La società di gestione del gas industriale ricicla i gas nella catena di approvvigionamento aerospaziale e AM, il che consente di risparmiare denaro e renderlo più efficiente, rendendolo un inquilino perfetto per il cluster.
“Il modello di vicinato 91 è l’innovazione al centro: sposare la collaborazione tecnologica, commerciale e pubblico-privato per cambiare radicalmente il settore. Questo è qualcosa che non sta accadendo altrove e siamo entusiasti di essere la base su cui è costruito il vicinato ”, ha dichiarato il presidente dell’azienda Joe Arencibia.

L’Arencibia ancorerà un intero ecosistema di produzione nel vicinato 91, tra cui polvere per stampa 3D, parti, post-produzione, prove e analisi.

“È un ottimo esempio di quando le economie di scala funzionano a entrambe le estremità. Avendo un impianto centrale in cui trattiamo il gas di tutti, le nostre economie di scala sono migliori. Allo stesso modo, i più piccoli produttori di additivi che forse sarebbero stati normalmente troppo piccoli per trarre vantaggio dal gas che ricicliamo, ora possono partecipare come gruppo in una rete per ottenerne effettivamente i vantaggi e diventare molto più competitivi “, Arencibia detto .

Il concetto di vicinato 91 è incentrato sulla condivisione delle risorse di capitale al centro del processo di sviluppo. Il campus posizionerà tutti gli elementi della catena di approvvigionamento AM – compresa la fornitura di polvere comunale in loco – in un unico luogo concentrato. Si stima che il cluster contribuirà a ridurre i tempi di produzione dell’80% e i costi di trasporto di ancora di più.

Il cluster ospiterà un ecosistema di stampa 3D completo end-to-end, che includerà:

Accesso all’aeroporto
Argon, elio e altri gas nobili
Impianti di stoccaggio polveri comuni
Efficienza nella produzione, post-produzione e consegna
Polvere, parti, prove e analisi
Costi di trasporto ridotti
I clienti degli inquilini risparmiano denaro dalla stampa su richiesta
“L’idea è che la parte non dovrà mai lasciare il campus fino a quando non sarà pronta per andare dal cliente. Oggi la catena di approvvigionamento per la produzione additiva è molto frammentata. Ad esempio, una parte potrebbe andare dalla Virginia dell’Ovest al Texas, dal Michigan al Canada, prima di essere spedita a un cliente all’estero “, ha dichiarato John Barnes, fondatore e direttore di The Barnes Group Advisors.

Grazie alla sua ricerca e sviluppo e allo sviluppo della forza lavoro, insieme ai programmi di pilotaggio per aiutare a migliorare la pipeline professionale e la ricerca applicata sulla produzione additiva, l’Università di Pittsburgh è stata un partner molto importante nello sviluppo dell’ecosistema di vicinato 91.

Il cancelliere dell’Università di Pittsburgh Patrick Gallagher ha dichiarato: “Neighbourhood 91 riunisce il tipo di ambiente collaborativo necessario per guidare l’odierna economia manifatturiera avanzata competitiva. Unisce la forza della regione nella produzione additiva e nelle industrie di materiali avanzati con il capitale intellettuale delle sue università di ricerca di livello mondiale. “

Be the first to comment on "Quartiere 91: ecosistema di stampa 3D end-to-end all’aeroporto internazionale di Pittsburgh"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi