Quanto sono efficaci le scogliere stampate in 3D?

I ricercatori della School of Marine Science and Policy dell’Università del Delaware stanno esaminando il concetto di modelli stampati in 3D posizionati in prossimità di coralli e pesci, affrontando le preoccupazioni relative alla tossicità e alla lisciviazione chimica. Nel recente articolo pubblicato “Gli oggetti stampati in 3D non influiscono sul comportamento della fauna associata al corallo o sulla sopravvivenza di un corallo che si deposita “, gli autori Emily J. Ruhl e Danielle L. Dixson descrivono le loro scoperte sull’uso dei modelli stampati in 3D nel corallo ricerca comportamentale sulla barriera corallina.

Precedenti ricerche sono state condotte con successo sugli oggetti stampati in 3D nell’ambiente, dallo studio del comportamento degli animali e dell’habitat all’utilizzo di gusci stampati in 3D per offrire stabilità ai letti di ostriche. E non devi vivere su un’isola o vicino alla spiaggia per essere consapevole che i sistemi di barriera corallina oggi sono nei guai, spesso con poco a sinistra dei loro habitat un tempo fiorenti. Ruhl e Dixson vedono un grande potenziale nella stampa 3D per “far avanzare la disciplina dell’ecologia comportamentale della barriera corallina”.

Per questo studio, il team ha sperimentato l’uso di scheletri naturali e stampati in 3D posizionati in mezzo a cromis blu-verde, insieme alla ricerca del tasso di sopravvivenza del corallo di senape caraibica su un substrato stampato in 3D. Nel creare i modelli, hanno fotografato il corallo da 50 diverse angolazioni, utilizzando un semplice iPhone. Dopo aver convertito i file in progetti 3D, hanno stampato i modelli in dimensioni reali sulle seguenti varietà di stampanti 3D:

LulzBot Taz 5
LulzBot Taz 6
Makerbot Replicator 2
I ricercatori hanno quindi acclimatato i modelli stampati in 3D nell’acqua di mare per una settimana, dopo di che è stata istituita una “disposizione in stile caffetteria”:

“Tutti e cinque i trattamenti al corallo di una singola specie sono stati organizzati in un modello circolare distanziato di 50 cm di distanza dai coralli direttamente adiacenti in un serbatoio di 1,8 m di diametro riempito a 45 cm. Per ogni prova, le specie di corallo e l’ordine di trattamento sono stati randomizzati. Un singolo pesce è stato posto in un diametro 18 centimetri maglia cilindro (1cm 2 ) al centro della vasca sperimentale e lasciato abituare per 15 minuti ( A . Formosa n = 29, p . Damicornis n = 15). La costruzione del cilindro ha permesso ai pesci di osservare tutti i trattamenti dell’habitat senza avervi accesso. Dopo il periodo di assuefazione, il cilindro è stato lentamente sollevato per iniziare il periodo di osservazione di 15 minuti. “

Gli autori hanno registrato l’habitat senza sosta e nel complesso hanno scoperto che la sperimentazione di oggetti stampati in 3D in situ ha prodotto risultati positivi, dimostrando l’idoneità per la valutazione di una serie di comportamenti e abitudini della barriera corallina.

“Poiché gli ecosistemi della barriera corallina sono ambienti altamente dinamici, gli studi sul campo sono il prossimo passo per studiare l’efficacia dell’utilizzo di oggetti stampati in 3D per facilitare la ricerca ecologica”, hanno concluso gli autori.

“Mentre gli studi di insediamento dei coralli in situ non sono in genere dannosi per i sistemi di barriera corallina, il substrato stampato in 3D potrebbe consentire nuove metodologie per condurre questa ricerca. Ad esempio, il substrato stampato potrebbe essere progettato per confrontare i tassi di insediamento, la crescita e la sopravvivenza di diverse specie di coralli attraverso specifiche complessità superficiali o microhabitat criptici. Queste informazioni potrebbero informare le pratiche di gestione adattando gli sforzi alle esigenze delle singole specie. “

Mentre molti utenti e ricercatori oggi sono preoccupati per l’impatto della stampa 3D sull’ambiente, la tecnologia è stata utilizzata in molti progetti diversi per aiutare a salvarlo, dalla preparazione per liberare l’oceano dai rifiuti di plastica fino alla rimozione di inquinanti dall’aria e persino fermare lo spreco alimentare .

Be the first to comment on "Quanto sono efficaci le scogliere stampate in 3D?"

Leave a comment