Quanto sono accurati i modelli dentali stampati in 3D? Uno studio risponde alla domanda

Le tecnologie di stampa e scansione 3D stanno digitalizzando l’odontoiatria. Invece del modo antiquato di prendere i calchi per impianti, apparecchi , ponti e dentiere  sempre più dentisti e odontotecnici stanno invece esaminando l’anatomia dentale dei loro pazienti con le nuove tecnologie. Queste scansioni vengono quindi utilizzate per la stampa 3D di modelli dentali. Questo non è solo più facile per il paziente, ma è più veloce. Mentre molti studi dentistici inviano i loro file digitali ai laboratori per stamparli in 3D, c’è anche un numero crescente di uffici con le proprie stampanti 3D, il che significa che possono stampare immediatamente i modelli mentre i pazienti attendono.

Quanto sono accurati questi modelli, però? Questa è la domanda che un gruppo di ricercatori dell’Università dell’Oklahoma chiede in un documento intitolato ” Precisione di modelli dentali stampati in 3d e ricostruiti da impronte digitali intraorali . “

“Una tecnologia digitale in rapida evoluzione nell’ortodonzia è la modellazione unita  alla stampa tridimensionale (3D), che favorisce la transizione da un flusso di lavoro clinico più tradizionale verso un formato quasi esclusivamente digitale”, affermano i ricercatori. “C’è una letteratura limitata sulla precisione dei modelli dentali stampati in 3D. Lo scopo di questo studio era di valutare l’accuratezza di 2 tipi di tecniche di stampa 3D. ”
Questi due tipi di tecniche di stampa 3D erano l’elaborazione digitale della luce (DLP) e PolyJet. Per lo studio, i ricercatori hanno preso sia impressioni digitali e sia l’alginato tradizionale da 30 pazienti. Le impronte digitali sono state utilizzate per i modelli di stampa 3D utilizzando entrambe le tecniche di stampa DLP e PolyJet e le impronte di alginato sono state usate nel modo consueto. Le misure per i tre tipi di modello (digitale, DLP e Polyjet) sono state confrontate con i modelli in pietra.

Le misure del dente (dal primo molare al primo molare) includevano mesiodistali (larghezza della corona) e incisali / occlusali-gengivali (altezza della corona). Le misurazioni dell’arco includevano la profondità dell’arco e le larghezze intercanine e intermoliche. L’affidabilità intraosservativa dell’errore di misurazione ripetuto è stata valutata utilizzando i coefficienti di correlazione intraclasse.

“I coefficienti di correlazione intraclasse erano alti per tutte le misurazioni registrate, indicando che tutte le misurazioni su tutti i tipi di modello erano altamente riproducibili”, affermano i ricercatori. “C’erano alti gradi di accordo tra tutti i gruppi di modelli e tutte le misure, ad eccezione delle misurazioni dell’altezza della corona tra i modelli di pietra e DLP, dove la differenza media era statisticamente significativa.”
I ricercatori concludono, quindi, che le impronte digitali e i modelli stampati in 3D sono perfettamente fattibili per le applicazioni cliniche. Questa non è una conclusione sorprendente; l’accuratezza e la precisione della tecnologia di scansione e la stampa 3D sono state annunciate da molti. Questo studio, tuttavia, fornisce un supporto scientifico alle molte affermazioni date per scontate. Ciò dovrebbe incoraggiare molti professionisti dentali che potrebbero essere riluttanti a dedicarsi alla stampa 3D per dare una possibilità alla tecnologia; probabilmente i loro pazienti lo apprezzeranno molto e i risultati saranno altrettanto efficaci, se non di più, rispetto alle tecniche tradizionali meno confortevoli.

Gli autori del documento includono Gregory B. Brown, G. Fräns Currier, Onur Kadioglu e J. Peter Kierl.

Be the first to comment on "Quanto sono accurati i modelli dentali stampati in 3D? Uno studio risponde alla domanda"

Leave a comment