Qrons impianti stampabili 3D per il trattamento delle lesioni cerebrali

Qrons sta sviluppando impianti stampabili 3D per il trattamento delle lesioni cerebrali

Ogni anno traumi cranici (TBI) colpiscono in media 69 milioni di persone in tutto il mondo . Sebbene il numero sia inferiore all’uno percento della popolazione globale totale, è abbastanza grande da attirare l’attenzione di ricercatori e aziende che cercano di alleviare il dolore e la sofferenza correlati all’infortunio, che di solito è il risultato di una caduta, un infortunio sportivo e in particolare gli incidenti stradali. Negli Stati Uniti, è una delle principali cause di morte e disabilità tra bambini e giovani adulti. Con così tante aziende biotecnologiche che emergono per risolvere, attraverso la bioprinting, molte afflizioni e malattie comuni, una di queste ha sviluppato soluzioni avanzate basate su cellule staminali dal 2016 per combattere le lesioni neuronali, con particolare attenzione a TBI e commozioni cerebrali.

Qrons , con sede a New York, sta ora andando oltre con la sua ricerca innovativa dopo aver annunciato un accordo con il Dartmouth College , nel New Hampshire, per una licenza mondiale esclusiva per lo sviluppo di materiali biocompatibili 3D stampabili innovativi per il trattamento di lesioni cerebrali penetranti e altro ancora.

L’accordo, firmato il 2 ottobre, consente a Qrons di utilizzare un processo 3D brevettato intitolato Materiali basati su molecole interbloccate meccanicamente per la stampa 3D come parte dei suoi impianti stampabili 3D specifici per lesioni per il trattamento di lesioni cerebrali penetranti. Qrons è anche una parte finanziatrice di un accordo di ricerca sponsorizzato con Dartmouth per far avanzare la licenza o la proprietà di proprietà intellettuale aggiuntiva e il team di ricerca dell’azienda sta già lavorando a stretto contatto con Chenfeng Ke, l’inventore del processo 3D con licenza e un assistente professore presso dell’università Dipartimento di Chimica , di sviluppare innovative di stampa 3D, i materiali avanzati biocompatibili.

Chenfeng Ke è attualmente alla guida del Ke Functional Materials Group Lab presso Dartmouth, che si concentra su sintesi e applicazioni di materiali polimerici per applicazioni di stoccaggio / separazione e stampa 3D. Secondo il laboratorio, lo schema di ricerca si sovrappone alla sintesi organica, all’ingegneria dei cristalli, alla sintesi dei polimeri, alla caratterizzazione dei materiali e alla stampa 3D, con un’enfasi sul design di materiali polimerici che sono assemblati in modo non casuale .

“Siamo entusiasti di collaborare con Qrons e continuare lo sviluppo di idrogel intelligenti con funzionalità di stampa 3D per il trattamento delle lesioni traumatiche al cervello”, ha affermato Ke, che è anche membro del Comitato consultivo scientifico di Qrons.

Oggi, gli attuali trattamenti per aiutare i pazienti a ritrovare la funzione dopo un focus sulla TBI nel ridurre le lesioni secondarie, principalmente la riabilitazione in un ospedale o in un centro di terapia specializzato. Di solito coinvolge un fisioterapista e uno specialista occupazionale per aiutare i pazienti a imparare di nuovo come camminare, parlare e svolgere altre attività quotidiane. Qrons afferma che questo trattamento può parzialmente ridurre ulteriori danni ma fare poco o nulla per curare il cervello.

In Qrons, i ricercatori utilizzano un approccio multidisciplinare per trattare questa condizione altamente complessa, integrando un ponteggio stampabile 3D personalizzato con cellule staminali mesenchimali (MSC) ingegnerizzate e innovative che mirano a lesioni cerebrali per rigenerare il tessuto danneggiato. La società suggerisce che queste MSC geneticamente modificate offrono un meccanismo per secernere un flusso continuo di agenti neuro-protettivi e neuro-rigenerativi per guidare i meccanismi di riparazione del TBI. Gli agenti possono prevenire ulteriori danni neuronali e hanno il potenziale per stimolare i neuroni a migrare verso il sito della lesione, ricrescere i processi assonali e rigenerare il tessuto cerebrale.

Qrons ha già due candidati per il trattamento di TBI, entrambi che integrano MSC proprietari, modificati e materiale sintetico intelligente. Il QS100, un idrogel sintetico MSCs impiantabile stampabile in 3D specifico per le lesioni, per il trattamento di lesioni cerebrali penetranti, e il QS200, un idrogel sintetico MSC iniettabile per il trattamento di lesioni diffuse comunemente indicato come commozioni cerebrali.

L’esclusiva licenza mondiale per materiali stampabili in 3D nei settori della salute umana e animale migliorerà la ricerca dell’azienda, portando a ulteriori innovazioni in un campo di nicchia.

“La proprietà intellettuale coperta da questa licenza è stata fondamentale per aiutarci a far avanzare la nostra ricerca sul trattamento delle lesioni cerebrali penetranti”, ha commentato Ido Merfeld, cofondatore di Qrons e responsabile del prodotto. “Riteniamo che la combinazione dell’idrogel proprietario di Qrons con capacità di stampa 3D personalizzabili sia un approccio innovativo nel trattamento delle lesioni traumatiche al cervello, per le quali esistono trattamenti limitati”.

Una delle 111 aziende di bioprinting nel mondo , Qrons si sta muovendo rapidamente alla ricerca di nuove tecniche per promuovere il recupero neurale. Nel corso degli ultimi tre anni, hanno stretto accordi di ricerca con la Ariel University , con sede in Israele per sviluppare e commercializzare prodotti per la rigenerazione e la riparazione dei tessuti neuronali, completato i primi esperimenti su animali in vivo per il QS100 e stanno per iniziare esperimenti preclinici per il QS200.

Jonah Meer, anche co-fondatrice e CEO, ha affermato che “vi è una grande necessità per i nostri trattamenti promettenti, e questa tecnologia è parte integrante del nostro lavoro per lo sviluppo di materiali innovativi stampabili in 3D e biocompatibili avanzati”.

Poiché l’impatto diffuso di TBI continua a crescere, soluzioni come quelle proposte da Qrons potrebbero significare uno stile di vita diverso per i sopravvissuti.

Be the first to comment on "Qrons impianti stampabili 3D per il trattamento delle lesioni cerebrali"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi