Public Autoquoter di MakerOS per le quotazioni dei prezzi della stampa 3D

MakerOS lancia Public Autoquoter , strumento personalizzabile per le quotazioni dei prezzi della stampa 3D

La società di software di Detroit MakerOS ha annunciato il suo ultimo prodotto per l’industria della stampa 3D il Public Autoquoter. Il nuovo strumento consente alle aziende di generare quotazioni rapide e precise dei prezzi dei clienti direttamente attraverso i loro siti web.

Public Autoquoter è l’ultima aggiunta della start up alla piattaforma di gestione aziendale MakerOS basata su cloud per utenti di stampanti 3D, negozi  e designer. La start up, inizialmente lanciata nel 2015, è cresciuta notevolmente negli ultimi anni, anche raccogliendo 530 mila dollari per perfezionare il proprio software di gestione aziendale.

Il suo nuovo strumento, Public Autoquoter, ha una serie di funzionalità che garantiscono l’attenzione delle aziende. Essi includono: facile integrazione e personalizzazione; La capacità di etichettare la piattaforma; Colori personalizzati, loghi, testo e email; Compatibilità con WordPress, Square Space e altre piattaforme web; Un motore di quotazione personalizzabile con capacità e prezzi variabili; E altro ancora.

Il Fondatore e CEO di MakerOS Mike Moceri ha commentato il nuovo strumento, dicendo: “Questo è il sistema di quotazione automatica che ho sognato da oltre 4 anni. Le aziende che utilizzano MakerOS possono ottenere con facilità la personalizzazione e l’implementazione senza compromettere la loro linea di fondo; È un cambio strategico per l’industria della stampa 3D “.

Gli strumenti di quotazione dei prezzi per i lavori di stampa 3D possono essere estremamente vantaggiosi per le aziende, in quanto consentono ai potenziali clienti di avere un’idea di quanto costa un determinato lavoro a seconda dei materiali utilizzati e di altri fattori.

Oltre alla generazione di preventivi, Public Autoquoter offre agli utenti la possibilità di collegare facilmente i propri siti web alla propria pagina di autoquotatori personalizzati e di incorporare iframes con una singola riga di codice html. Una delle caratteristiche più note del prodotto è la sua capacità di essere collegata a un inventario di un determinato utente, che consente di analizzare più accuratamente costi, prezzi e utilizzo.

Infine, gli utenti possono trarre beneficio da un tool di recupero pubblico “auto abbandono” che, come lo capisco, consente alle aziende di raggiungere i clienti che hanno lasciato i loro carrelli di spesa online senza eseguire un ordine. L’idea per questo è di consentire alle aziende di “convertire” i clienti che si sono fermati prima di acquistare.

Per utilizzare e accedere al nuovo tool di quote 3D, gli utenti con un account MakerOS attivato possono semplicemente passare al sottodominio MakerOS e digitare “/ start-a-quote” alla fine dell’URL della pagina. Fintanto che gli utenti hanno un conto bancario allegato all’account e un sistema di tariffazione entrato nelle impostazioni del Public Autoquotter, lo strumento deve essere attivato e pronto per essere utilizzato.

Be the first to comment on "Public Autoquoter di MakerOS per le quotazioni dei prezzi della stampa 3D"

Leave a comment