PTC : la trasformazione digitale sta arrivando

La conferenza annuale degli utenti di PTC al Seaport District di Boston ha diffuso un messaggio unificante per i partecipanti quest’anno: Digital Transformation sta arrivando.

Dalla dimostrazione di realtà aumentata e dimostrazioni di Internet of Things (IIOT), a un’esibizione dei partner e display interattivi per la sicurezza informatica, quest’anno ci siamo concentrati sulle tecnologie inbound e sulla loro importanza per il nostro futuro connesso.

Selezionare i colloqui incentrati sulla produzione additiva e sulla progettazione generativa; una tecnologia evidenziata durante l’intervento del CEO Jim Heppelman grazie all’acquisizione di Frustum da parte di PTC alla fine del 2018. Frustum fa ora parte del Reality Lab di PTC, dove le tecnologie sono incubate in preparazione di un lancio commerciale completo.

Per quanto riguarda lo sfondo, la tecnologia di base di Frustum era un flusso di lavoro iterativo di progettazione e modellazione che consentiva agli utenti di applicare strutture reticolari, ottimizzazione della topologia e vari vincoli di produzione geometrica a una progettazione di parti. Il software utilizza anche l’apprendimento automatico addestrato sui risultati dell’analisi degli elementi finiti (FEA) di potenziali progetti di parti per ridurre il rigore computazionale richiesto per convergere su un design ottimale.

Il fondatore e CEO di Frustum, Jesse Coors-Blankenship, è ora Senior VP of Technology e ha offerto ai partecipanti una panoramica e un aggiornamento adeguati durante la sua presentazione dal titolo “The Generative Era of CAD”. Jesse ha presentato una struttura sistematica per riflettere sui livelli di autonomia nella progettazione generativa. Ogni livello è definito da un’innovazione che inizia con l’ottimizzazione della topologia iterativa e orientata alle funzionalità per il livello zero. Il primo livello è definito da progetti fabbricabili e un processo interattivo tra designer e software. Il secondo livello è considerato parzialmente generativo e sposta la valutazione del progetto e l’iterazione in un’architettura cloud. Il livello tre applica quindi l’intelligenza artificiale all’evoluzione simulata dei progetti applicando varie simulazioni multifisiche (elettromagnetiche e termiche come esempi oltre la simulazione meccanica). Il quarto livello è considerato altamente generativo, un processo iterativo abilitato all’apprendimento automatico che tiene conto di considerazioni a livello di sistema. Nella sua forma definitiva, il quinto livello prevede l’elaborazione del linguaggio naturale per un’interazione senza interruzioni tra il progettista e una piattaforma di progettazione completamente autonoma.

Per quanto riguarda l’integrazione nell’offerta di software PTC, la funzionalità di progettazione generativa verrà rilasciata in concomitanza con Creo v7 come funzionalità a costo aggiuntivo quando la nuova versione verrà rilasciata a marzo 2019. Questa versione sarà designata come funzionalità generativa di livello uno al rilascio, le geometrie realizzabili rappresentano il principale punto di vendita per i produttori che utilizzano la stampa 3D e lo stampaggio a iniezione.

Nel considerare i vincoli oltre gli stress fisici e i fattori di sicurezza, Jesse ha osservato che l’intenzione per lo sviluppo del design generativo di PTC a lungo termine includerebbe un’API o un meccanismo simile per consentire agli utenti di inserire considerazioni economiche, di sostenibilità e di produzione nell’ottimizzazione generale. La strategia di progettazione generativa di PTC supporta chiaramente CREO come un software di progettazione della piattaforma che è più accessibile agli utenti attraverso livelli di esperienza e con particolare attenzione alla progettazione per specifiche tecnologie di produzione.

Be the first to comment on "PTC : la trasformazione digitale sta arrivando"

Leave a comment