Protesi per mani stampate in 3D controllate da degli occhiali per realtà aumentata

Ricercatori tedeschi sviluppano protesi per mani stampate in 3D controllate da occhiali per realtà aumentata

Nel recente controllo visivo senza contatto di protesi / esoscheletri manuali personalizzati mediante tracciamento mediante occhiali per realtà aumentata , i ricercatori tedeschi Simon Hazubski, Harald Hoppe e Andreas Otte (tutti dell’Università di Offenburg ) sviluppano un sistema unico per l’attivazione di protesi motorizzate a mano con comandi facili.

Create per aiutare gli amputati, le mani flessibili stampate in 3D sono integrate con esoscheletri motorizzati. L’unica interfaccia che il paziente deve usare è attraverso la realtà aumentata (AR) sotto forma di occhiali ottici trasparenti (OSTG), equipaggiati con una fotocamera frontale. I marker attaccati alla protesi sono LED a infrarossi o “punti incollati”. Quando i marker vengono riconosciuti, i sistemi di coordinate di ciascun dispositivo si collegano, grazie a un algoritmo speciale.

“La protesi della mano può essere qualsiasi protesi della mano motorizzata attiva o braccio robotico”, hanno affermato gli autori.

Il design consente di mantenere la direzione della vista tra gli occhiali AR e la protesi e non gli occhi, come ci si potrebbe aspettare. La protesi funziona anche da un pannello di controllo sovrapposto continuamente agli occhiali AR o solo se necessario, a seconda della direzione di visualizzazione.

“Nel caso più semplice, il pannello di controllo potrebbe contenere” pulsanti “virtuali che si attivano quando lo sguardo dello spettatore persiste per più di un secondo, ad esempio”, hanno affermato i ricercatori. “Inoltre, l’utente può anche eseguire comandi sotto forma di movimenti minimi definiti della direzione di visualizzazione.”

I comandi per questo concetto in via di sviluppo potrebbero comportare i seguenti movimenti: chiusura della mano completamente, movimento nella direzione opposta, apertura della mano completamente, apertura e chiusura della mano a metà corsa e movimento del pollice. A seconda delle preferenze relative alla funzionalità della protesi, gli utenti possono personalizzare i comandi; in effetti, potrebbero essere in grado di espandere azioni come la disattivazione del dispositivo quando attivato da specifici contatti e pressioni.

Questo concetto protesico consentirà anche l’opzione di una telecamera impostata per il monitoraggio dello sguardo, con conseguente migliore precisione dei comandi dal pannello di controllo.

“Il solo utilizzo di occhiali AR – senza alcun altro complesso rilevamento del segnale da EMG, EOG o EEG – per controllare la protesi o la mano del robot è una novità e potrebbe semplificare l’usabilità dei dispositivi protesici per il paziente nel prossimo futuro”, hanno concluso i ricercatori.

“Un altro passo verso la personalizzazione delle protesi della mano negli amputati potrebbe essere quello di utilizzare un esoscheletro motorizzato standard facile da maneggiare ed economico invece di una sofisticata protesi motorizzata della mano e di sostituire la mano mancante con una scansione LASER della mano sana (se disponibile) o la mano di un volontario. Se è possibile scansionare una mano sana, i dati potrebbero essere specchiati sull’altro lato della persona per sostituire la mano mancante e stampati in 3D utilizzando materiale polimerico flessibile e leggero. Questa sostituzione personalizzata della mano potrebbe quindi essere dotata dell’esoscheletro allo stesso modo della mano di un tetraplegico. “

Be the first to comment on "Protesi per mani stampate in 3D controllate da degli occhiali per realtà aumentata"

Leave a comment