Project Miliquant forum per l’innovazione nella tecnologica quantistica vi partecipa anche Nanoscribe

Project Miliquant: Nanoscribe partecipa alla collaborazione utilizzando la stampa 3D in Quantum Technology Research

Nanoscribe ci ha impressionato a livello micro e nano ormai da anni nella stampa 3D, dal loro lavoro con la plasmonica alla micro-ottica e molti altri progetti legati alla microfabbricazione industriale. Ora, il produttore tedesco sta sviluppando laser a diodi miniaturizzati, a frequenza e resistenti al potere con altri leader del settore, per includere:

Q.ant
Zeiss
Bosch
Johannes Gutenberg-Università Mainz
Università Paderborn
Il gruppo si è unito per il progetto triennale Miliquant , finanziato dal Ministero federale tedesco dell’Istruzione e della ricerca (abbreviato in BMBF per il Bundesministerium für Bildung und Forschung ). Si tratta di un forum tecnologico e innovativo in cui i componenti stampati in 3D per le sorgenti luminose create dalle società saranno utilizzati nell’innovazione tecnologica quantistica, adatti per applicazioni come diagnostica medica, guida autonoma e procedure di imaging come la microscopia a infrarossi delle cellule.

Il loro obiettivo è quello di lavorare su molteplici esperimenti in laboratorio per lo sviluppo di sensori e sistemi di imaging principalmente per uso industriale. Saranno necessari sforzi complessi di ricerca e sviluppo per sviluppare componenti robusti, insieme a nuovi approcci per l’assemblaggio e la produzione, che portino all’assemblaggio di un gruppo così dinamico che lavorerà insieme con un obiettivo comune.

“Con le nostre stampanti 3D, i componenti micro-ottici ad alta precisione possono essere prodotti nel più breve tempo con la risoluzione submicrometrica e l’enorme libertà di progettazione”, ha affermato Michael Thiel, Chief Science Officer di Nanoscribe. “Siamo felici di contribuire con il nostro profondo know-how al progetto MiLiQuant per l’ulteriore sviluppo delle tecnologie di packaging”.

Utilizzando la polimerizzazione a due fotoni (2PP), il team Nanoscribe può stampare parti e prototipi in 3D con prestazioni e accuratezza eccezionalmente elevate, e progetti ottici complessi possono essere fabbricati direttamente su componenti come sfaccettature laser, fibre di vetro e microchip.

“Le strutture stampate raggiungono una qualità ottica con rugosità superficiale dell’ordine di pochi nanometri”, afferma il team Nanoscribe nel suo comunicato stampa più recente riguardante la multi-collaborazione per la loro ultima avventura. “Nel progetto MiLiQuant, i componenti stampati verranno assemblati con altri elementi in un pacchetto compatto.”

Nanoscribe ha contribuito al mondo della tecnologia dal 2007, nato da un team di ricercatori dell’Istituto di tecnologia di Karlsruhe (KIT) determinato a trasformare la scienza in erba della microfabbricazione. Scavando in quello che originariamente era un ambito di ricerca estremamente di nicchia, iniziarono ad espandere lo studio della polimerizzazione a due fotoni (2PP) e a mettere in moto le basi per la Nanoscribe con sede in Germania.

Mentre il team tecnologico in erba ha intuito il vasto potenziale delle stampanti 3D a base 2PP e di altri articoli, li ha resi disponibili alle aziende di tutto il mondo, insieme a soluzioni software 3D, materiali di stampa 3D e una serie di processi di accompagnamento per fornire soluzioni complete. Attualmente Nanoscribe impiega 60 membri del team, che gestiscono anche una filiale a Shanghai con piani futuri o la creazione di uno anche negli Stati Uniti. Le stampanti 3D Nanoscribe sono utilizzate su micro, nano e meso scala per la progettazione e la fabbricazione di componenti utilizzati in molte diverse applicazioni scientifiche oggi.

Be the first to comment on "Project Miliquant forum per l’innovazione nella tecnologica quantistica vi partecipa anche Nanoscribe"

Leave a comment