Progetto AMBOT la stampe 3d con sciami robotici

University of Arkansas: il gruppo di ricerca delega i compiti di stampa 3D al loro sciame di robot

“L’individualità è ciò che guida gli umani.” – Wenchao Zhou

La stampa 3D e la robotica sono state un gioco da decenni, e continuano ad avere un futuro insieme nella produzione. Quando si tratta del progetto AMBOT, Wenchao Zhou, Lucas Marques e Austin Williams stanno creando, tuttavia, è meno un affare uno contro uno e più uno sciame . O forse potresti considerarlo un intero team di costruzione mentre completano complesse attività di produzione, eseguono l’assemblaggio di oggetti, usano strumenti come cacciaviti e strumenti taglienti, saldano e persino fanno una qualche stampa 3D.

“In questo momento, stiamo cercando di capire il set minimo di robot necessari per una fabbrica digitale generica”, dice Zhou, professore di ingegneria meccanica presso l’ Università dell’Arkansas e direttore del laboratorio AM 3 . Lì, Zhou, Marques e Williams sono rinchiusi in un laboratorio austero che crea il futuro della tecnologia di stampa 3D.

Il team di giovani ricercatori comprende l’ovvio potenziale per la stampa 3D nella produzione. I vantaggi sono immediatamente allettanti, soprattutto per le grandi aziende e organizzazioni di tutto il mondo con vaste risorse come GE e NASA , tutte disponibili a provare nuove e brillanti tecnologie, incoraggiando i propri scienziati, ricercatori, ingegneri, stagisti e collaboratori studenti in tutto il mondo. Maggiore rapidità nei tempi di produzione di parti, capacità di progettare e produrre tutto in un laboratorio senza intermediari, accessibilità esponenziale in alcuni casi e funzionalità di prototipazione rapida rendono impossibile ignorare la stampa 3D.

Ma ci sono ancora così tanti ostacoli, ed è questo che AM 3 Lab vuole superare, creando opzioni ancora migliori in termini di scalabilità e velocità, e snellire problemi come strutture di supporto che causano maggiori costi, inibiscono l’efficienza e sono più scomodi trattare nel complesso. Questo è enormemente amplificato quando si fanno le parti per qualcosa di massiccio come un aereo militare .

La loro soluzione va ben oltre il “pensare fuori dagli schemi”, poiché hanno costruito un “veicolo” di stampa 3D autonomo (e mobile) in grado di lavorare con un gruppo di numeri grandi e non nominati finora. È qui che entra lo sciame, mentre i robot si uniscono come un equipaggio per fabbricare un aereo o una casa. La chiave, dal punto di vista di Zhou, è di consentire a ogni pezzo di essere completamente personalizzato.

AMBOTS è stata fondata quest’anno da Zhou, Marques e Williams, e il loro obiettivo è creare una mini-fabbrica presso il Arkansas Research and Technology Park e riempirla con migliaia di robot. Zhou ha già lavorato nella stampa 3D per oltre dieci anni, con progetti in corso in robotica più rudimentale, progredendo in quelli che ora sono i printbots più sofisticati, o AMBOTS.

Ogni robot è stampato all’80% in 3D. Il team si è divertito un po ‘con le loro caratteristiche, creando stili colorati e diversi, ognuno con un unicode che mostra quanto segue:

Ogni printbot ha ciascuno una stampante, una bobina di filamenti e un estrusore.

“La tecnologia di produzione è un simbolo del livello della civiltà umana”, afferma Zhou. “Per la maggior parte della storia umana, gli artigiani hanno personalizzato i prodotti, siano essi vestiti, scarpe o persino armi. Ma oggi, tutto è prodotto in serie, a causa dei costi. Vogliamo cambiare questo. Vogliamo costruire fabbriche autonome e generalizzate in grado di produrre qualsiasi cosa per chiunque, su richiesta e a basso costo “.

Be the first to comment on "Progetto AMBOT la stampe 3d con sciami robotici"

Leave a comment