Progettazione incentrata sull’utente di un dispositivo di assistenza personalizzato per supportare l’alimentazione per malati di Parkinson

Il malato di Parkinson aiuta a sviluppare dispositivi assistivi stampati in 3D per l’alimentazione

Nel recente pubblicato ” Progettazione incentrata sull’utente di un dispositivo di assistenza personalizzato per supportare l’alimentazione “, i ricercatori brasiliani esplorano la progettazione di un dispositivo medico per i pazienti con Parkinson o altre malattie che causano tremori alle mani. Ottenere nutrizione è fondamentale per la salute e, con tale dispositivo, l’utente mantiene anche l’indipendenza.

Gli autori hanno suggerito l’approccio basato sull’utente, con la stampa 3D utilizzata per migliorare e perfezionare il design alla fine. Nel complesso, sono stati in grado di aprire la comunicazione tra i membri del team di progettazione, offrire una chiara identificazione delle esigenze di progettazione, promuovere una riduzione dei tempi di ricerca e sviluppo e offrire una serie di soluzioni nuove e “inventive”. Qui, l’utente che ha aiutato i ricercatori nello studio era un maschio di 60 anni con Parkinson.

Mentre la tecnologia di assistenza è stata fortemente influenzata dalla stampa 3D, in questo studio si dimostra anche come uno strumento di progettazione sostanziale. Il processo di progettazione per lo studio è stato composto da queste tre fasi:

Design informativo e concettuale
Produzione
Test e perfezionamento

Fasi e compiti di progettazione

Design concettuale

Il modello concettuale consisteva in:

Cavo principale in cui sono fissati altri pezzi
Tappo per contenere posate
Tappo di chiusura posteriore
Copertura ergonomica
Cinturino regolabile
“Il cavo contiene anche quattro cavità interne, che possono o meno essere riempite con acqua, per un totale di cinque possibili configurazioni di peso per il dispositivo, il più pesante essendo il doppio del suo peso completamente vuoto”, hanno affermato i ricercatori.

Le caratteristiche principali del design erano:

Sistema meccanico
Fluido non tossico per l’equilibrio dei tremori
Facilità di montaggio / smontaggio
Area di contatto della mano migliorata
Il dispositivo alla fine ha soddisfatto tutti i requisiti di progettazione degli utenti, oltre a offrire un potenziale di personalizzazione molto conveniente.

“L’uso della stampa 3D per la generazione di prototipi e prototipi ha permesso una migliore visualizzazione delle soluzioni tecniche proposte, facilitando il processo di perfezionamento del concetto di prodotto. Ha inoltre consentito una maggiore e più efficace partecipazione delle parti interessate (terapisti occupazionali, utenti finali) al processo di progettazione attraverso l’interazione e i test con i prototipi, collaborando in modo significativo per un approccio progettuale incentrato sull’utente “, hanno concluso i ricercatori.

“I test a caso singolo con gli utenti saranno fondamentali nella valutazione della funzionalità del prodotto e dei possibili miglioramenti futuri. Sebbene i risultati con l’uso dell’AD senza cavità riempita (fase di intervento B) non siano ancora stati conclusivi, si prevede che ciò possa cambiare con l’inizio del riempimento della cavità (fase di intervento C). “

Be the first to comment on "Progettazione incentrata sull’utente di un dispositivo di assistenza personalizzato per supportare l’alimentazione per malati di Parkinson"

Leave a comment