Produzione digitale di stecca occlusale: dalla scansione intraorale alla stampa 3D

Splint occlusale stampato in 3D offre sollievo in poche settimane
Nella recente pubblicazione ” Produzione digitale di stecca occlusale: dalla scansione intraorale alla stampa 3D “, i ricercatori hanno esplorato l’uso di un nuovo flusso di lavoro digitale per creare stecche occlusali intraorali. Questi dispositivi sono utilizzati dai dentisti per trattare i disturbi temporo-mandibolari mentre costringono i muscoli a rilassarsi, proteggere i denti e altro ancora.

Mentre la tecnologia 3D continua a progredire, anche i processi di produzione all’interno dell’odontoiatria, con scansione 3D, tecnologia CAD e stampanti 3D per la fabbricazione di protesi dentali e una vasta gamma di altri dispositivi.

Per questo caso, i ricercatori hanno scelto di studiare un uomo di 44 anni che presenta problemi ai muscoli della mascella. Quando i medici esaminarono il suo sistema masticatorio, non furono in grado di trovare alcuna condizione di salute, tranne il dolore che emanava dai suoi muscoli temporali anteriori e dai muscoli pterigoidi esterni. Si sospettava che potesse avere l’abitudine di stringere la mascella, causando così dolore. I medici hanno deciso di adattarlo a una stecca occlusale intraorale per fermare il dolore e iniziare a “riposizionare” la mandibola.

“Con l’accuratezza e l’efficienza del flusso di lavoro digitale, la stecca sarebbe fabbricata con scanner intraorali digitali e una stampante 3D”, hanno affermato i ricercatori.

Il team ha utilizzato uno scanner per fotografare tutti i denti, salvando un file .stl letto per la stampa 3D. Le prime scansioni, tuttavia, riguardavano sia il modello virtuale inferiore che quello superiore. L’impostazione iniziale ha consentito ai parametri di includere:

“Il piano del morso è stato progettato per essere trattenuto dai denti mandibolari, secondo le preferenze del paziente, e i denti mascellari hanno avuto un singolo contatto con l’apparecchio”, hanno spiegato i ricercatori.

Stecca progettata sui calchi digitali.

Un 3D ProJet MJP 3600 Dental di 3D Systems è stato utilizzato per stampare in 3D la stecca intraorale, con resina acrilica VisiJet® M3 Stoneplast, realizzata per studi dentistici. Una volta inseriti e valutati, i medici hanno scoperto che la stecca occlusale intraorale aveva bisogno di un piccolo aggiustamento. Il paziente doveva indossare la stecca mentre dormiva o mentre era a casa durante il giorno. Il dolore si attenuò dopo tre settimane; tuttavia, il paziente è stato incaricato di continuare a utilizzare la stecca per altri sei mesi.

“Il flusso di lavoro presentato ha consentito una notevole riduzione della complessità e del tempo totale delle procedure di laboratorio. Sebbene in questo caso gli autori abbiano inviato la scansione d’impronta al laboratorio odontotecnico, la possibilità di produrre lo stesso apparecchio nella clinica dentale dovrebbe essere considerata in quanto le stampanti 3D stanno diventando più popolari all’interno dello studio dentistico. Tuttavia, la produzione alla poltrona potrebbe richiedere molto tempo per il dentista e gli autori preferiscono in questo momento delegare la progettazione e la produzione all’odontotecnico, che ha familiarità con il software CAD e le stampanti 3D ”, hanno concluso i ricercatori.

“Dopo che la relazione centrica è stata registrata con manipolazione bimanuale, la tecnica includeva scansioni intraorali degli archi mascellari e mandibolari, registrazione digitale della relazione verticale, progettazione assistita da computer della stecca occlusale intraorale e quindi prodotta con una stampante 3D multi-jet. La tecnica presentata consente una produzione di laboratorio efficiente in termini di tempo, che potrebbe anche essere eseguita a bordo poltrona nello studio dentistico. Lo splint consegnato è accurato e preciso e può essere riprodotto in qualsiasi momento se necessario. “

Be the first to comment on "Produzione digitale di stecca occlusale: dalla scansione intraorale alla stampa 3D"

Leave a comment