Procter & Gamble entra nel mondo del bioprinting con un concorso a Singapore

Quando si tratta di bioprinting 3D, non vi è dubbio che ci saranno miliardi di dollari di business da spartire  nel decennio prossimo. Con l’avanzare della tecnologia, ci sarà un gran numero di possibili applicazioni. Dai test di tossicità da farmaci all’eventuale bio-fabbricazione di organi umani reali, la stampa 3D sarà un fattore chiave di innovazioni mediche ne  futuro. Queste potenziali innovazioni,  innescano ulteriori finanziamenti per la R & S.

Procter e Gamble sede cincinnati ohioLo scorso aprile, abbiamo vsto l’accordo tra L’Oréal USA & Organovo per promuovere la ricerca e lo sviluppo che si svolgono all’interno dello spazio del bioprinting 3d , in particolare per la creazione di pelle stampabile in 3d. Quando un grande nome come la L’Oréal entra nel settore , altre società, ricercatori e investitori prendono nota. Oggi un nome ancora più grande sta per  entrare nella bio-stampa, nella speranza di scoprire applicazioni utili da  questa incredibile tecnologia.

Procter & Gamble,la grande corporation di 177 anni , con sede a Cincinnati, in Ohio, lancerà un importante concorso/borsa di studio a Singapore. Come parte di questo concorso chiederanno agli accademici di esplorare le idee in cui la loro azienda potrebbe  utilizzare la bio-stampa, l bioprinting  in modo benefico e redditizio. La competizione  sarà aperta a uno qualsiasi dei numerosi istituti di ricerca  di Singapore e la società spera che stimolerà idee per la tecnologia che potrebbero altrimenti essere sottovalutate.

“Vogliamo esaminare le possibilità di bioprinting. E’ sicuramente un settore emergente molto forte “, ha detto il professor Elena Lurie Luca,  capo della P & G Global business Life Sciences Open Innovation.

Questa ultima iniziativa di P & G è parte di un progetto  in collaborazione con l’Agenzia del governo di Singapore per la Scienza, la Tecnologia e la Ricerca  , che vale 60 milioni di dollari per un periodo di cinque anni.

“C’è molto interesse da parte delle e aziende di beni di consumo e delle big pharma nel bioprinting. La Strategia di P & G per lanciare un concorso  è probabilmente un modo molto conveniente di cercare di ottenere un quadro ampio di tutte le possibilità “, ha dichiarato Brian Derby, professore di scienza dei materiali presso l’Università di Manchester.

Con aziende come Organovo a spingere in avanti su numerosi fronti della bio-stampa, sarà interessante vedere quanto rapidamente la P & G sarà in grado di proseguire con le future applicazioni della bio-stampa. La società ha certamente tanti soldi a disposizione e con le ideegiusta  potrebbe spostare in avanti l’ago della bio-stampa nel corso dei prossimi anni.

Be the first to comment on "Procter & Gamble entra nel mondo del bioprinting con un concorso a Singapore"

Leave a comment