Printrbot chiude i battenti

Printrbot chiude le porte gli appassionati di stampa 3D ovunque sono dispiaciuti.

In un mercato competitivo, è difficile per qualsiasi azienda stare davanti agli altri, ed è un fatto triste che anche alcune delle aziende più popolari e longeve soccombano al maltempo. Printrbot, fondata nel 2011, aveva legioni di fan che amavano la convenienza delle stampanti, la facilità di assemblaggio e utilizzo e la libertà open source. Le stampanti 3D Printrbot erano stampanti 3D per le persone – solo poche centinaia di dollari, fornivano l’accesso alla tecnologia di stampa 3D per le persone che prima non erano in grado di permetterselo e, sebbene fossero semplici, erano di alta qualità. Meglio di tutti, potresti renderli tuoi, armeggiare con loro e creare macchine nuove e uniche, come hanno fatto molti utenti. La compagnia era etica, diretta e onesta. Alcune aziende di stampanti 3D open source semplicemente scaricano file e non condividono. Printrbot condivideva diligentemente i suoi file sorgente ed era una rara vera compagnia open source.

Printrbot ha una grande comunità di fan, così tanti sono scioccati e rattristati oggi per sapere che l’azienda sta chiudendo le porte, citando vendite basse.

“Le vendite basse hanno portato a decisioni difficili”, afferma il messaggio che saluta i visitatori del sito Web Printrbot. “Saremo per sempre grati a tutte le persone che abbiamo incontrato e servite negli anni. Grazie a tutti.”
Brook Drumm
Il sito afferma inoltre che ulteriori informazioni saranno disponibili in futuro, ma non subito – Il fondatore Brook Drumm non sarà disponibile per un commento per un po ‘.

Il lutto è già iniziato nella comunità di Printrbot, con i fan che esprimono la loro tristezza attraverso i social media.

“Triste notizia per la stampa desktop 3D”, ha twittato Mike Grauer Jr. “Printrbot non c’è più. Ha chiuso i battenti. Adoro quella compagnia. Buoni prodotti. ”
“Sono scioccato, ho seguito #Printrbot dal 2011”, ha detto l’utente @ Afro3dP. “Brook è stato sicuramente un avventuriero unico nel suo genere nel mondo della stampa 3D.”
“La mia prima stampante è stata un @ printrbot , quindi questo mi rende ancora più triste”, ha dichiarato l’utente di Twitter Andrew Sink. “Brook era un eccellente leader della comunità, e spero che si rialzi. Ragazzi, vi mancheranno! ”
Printrbot Simple Metal
Le stampanti 3D Printrbot erano le prime stampanti 3D di molte persone, poiché all’epoca erano economiche quanto una stampante 3D. Da allora, le cose sono cambiate e il mercato è stato invaso da stampanti 3D economiche. Alcuni di loro sono chiaramente “ottieni quello per cui paghi”, ma ci sono anche un sacco di stampanti di qualità là fuori a prezzi accessibili, il che significa che Printrbot ha guadagnato molta più concorrenza sin dai suoi primi giorni. La compagnia aveva molti fan fedeli, ma ce n’erano anche molti altri che erano influenzati dalle macchine più economiche trovate su Kickstarter e altrove.

Non è che Printrbot non sia cresciuto e sia cambiato insieme al mercato – ha fatto molto bene, infatti, adattandosi ai mutevoli interessi dei consumatori. Negli ultimi anni, la società ha iniziato a spostarsi verso un’angolazione più prosumer, introducendo una nuova versione di Simple Metal nel 2016 con caratteristiche professionali, il che è stato ottimo per chi è alla ricerca di qualcosa di più high-end ma ancora dal lato economico. La sua base clienti originale, tuttavia, potrebbe essere rimasta a desiderare di vedere le nuove introduzioni di stampanti 3D con i cartellini dei prezzi che salivano a $ 1.000 o superiore.

L’anno scorso, Printrbot ha iniziato ad essere ancora più sperimentale con un cenno alla produzione di massa, in quanto ha svelato il concetto di Printrbelt : una stampante 3D in stile nastro trasportatore in grado di stampare continuamente e creare articoli di qualsiasi lunghezza. Un concetto affascinante, certo, ma molto lontano dai suoi inizi semplici da hacker, forse facendo sentire la sua base clienti originale un po ‘alienata.

Printrbot Play
Mentre è triste per un’azienda stessa quando si chiude, sono i clienti fedeli che ne soffrono insieme, e molti utenti e fan di Printrbot sono lasciati con un senso di perdita. Printrbot significava molte cose diverse per molte persone diverse – per alcuni, era la loro prima introduzione alla stampa 3D o la loro prima possibilità di costruire una stampante 3D e diventare intime con il funzionamento di una macchina meravigliosa. Per gli altri, era una via d’accesso all’hacking, una stampante che poteva essere fatta propria. Molte persone hanno fatto cose incredibili con le stampanti 3D Printrbot, alcune addirittura modificandole per essere potenzialmente in grado di salvare vite .

Stampanti 3D come Printrbot sono, per la loro stessa natura, costruttori di comunità, mentre gli utenti si collegano online per condividere suggerimenti e consigli e per mostrare le cose uniche che creano. Riunioni come Midwest RepRap Festival prosperano su stampanti 3D come queste, con produttori di tutto il mondo che si uniscono per dimostrare le incredibili cose che possono essere fatte con una macchina semplice ed economica. Con la chiusura di Printrbot arriva anche la chiusura della sua comunità, ed è altrettanto triste, se non più triste.

Drumm ha dimostrato di essere una mente brillante e creativa nel settore della stampa 3D, e sebbene alcuni possano essere stati delusi nel vedere Printrbot allontanarsi dalle radici degli hacker negli ultimi anni, la società non ha mai smesso di offrire qualità; Spero che Drumm rimanga nel settore della stampa 3D e intraprenda nuove iniziative dopo un po ‘. Printrbot ed i suoi fan hanno imparato una lezione crudele che molte altre aziende, affermate o appena agli inizi, hanno imparato – ci sono troppe stampanti 3D sul mercato, e man mano che diventano sempre più accessibili, restare competitivi è un compito difficile, non importa quanto sia amata la compagnia.

Be the first to comment on "Printrbot chiude i battenti"

Leave a comment