Primo trapianto di faccia in Belgio grazie alla stampa 3d

Le tecnologie 3D sono una componente fondamentale della procedura di trapianto del primo volto in Belgio

Nonostante il fatto che nel film del 1997 Face Off il trasferimento di un volto da una persona all’altra sembri semplice come andare dal dentista per una pulizia di routine, la procedura stessa è, infatti, molto più recente di quella e ancora nelle prime fasi del suo sviluppo. È stato solo nel 2005 che il primo trapianto parziale di successo è stato eseguito su una donna in Francia che aveva perso naso, labbra, mento e parte delle sue guance quando veniva morsa dal suo stesso cane. Cinque anni dopo, nel 2010, il primo trapianto di tutto il viso è stato intrapreso in Spagna su un contadino che si era accidentalmente sparato in faccia, lasciandolo senza la capacità di mangiare o respirare da solo. In una procedura di 24 ore, i chirurghi sono stati in grado di rimuovere l’intera faccia del donatore e posizionarlo, in qualche modo simile a una maschera, sul viso del paziente.

Nel 2011, un paziente in Belgio è emerso che era un candidato per un trapianto di faccia piena. L’uomo ha sofferto di un grave trauma facciale che ha provocato una complessa deformità facciale che ha colpito sia i tessuti molli sia le ossa. Il team di chirurghi, guidato dal Prof. Phillip Blondeel, ha lavorato con la tecnologia 3D e ha compreso le potenzialità della modellazione 3D e della stampa per assistere a interventi medici unici e personalizzati. La procedura, il 19 ° trapianto di viso al mondo, è stata molto complessa poiché coinvolgeva non solo la pelle e i muscoli, ma una porzione significativa dell’osso a metà del viso. Per assistenza nella pianificazione e preparazione per la chirurgia, si sono rivolti al team di ingegneri clinici di Materialise che sono stati in grado di assisterli utilizzando il  software ProPlan CMF .

Il fatto che il paziente fosse sopravvissuto al trauma era un piccolo miracolo medico, ma ora spetta a Blondeel dirigere lo sforzo. Il primo passo è stato trovare un donatore adatto poiché, nonostante tutti i progressi nel bioprinting 3D, non è ancora possibile stampare in 3D un volto umano per il trapianto. Una volta incontrato un donatore, il passo successivo nella preparazione è stato quello di creare un modello 3D completo del volto e del cranio del paziente utilizzando la tecnologia di scansione e modellazione 3D. Un secondo modello di un cranio simile, ma non danneggiato, è stato anche creato come punto di riferimento per definire l’osso e il tessuto molle che avrebbe dovuto essere raccolto per il trapianto.

Il team ha anche stampato in 3D una varietà di modelli anatomici per aiutarli a pianificare il modo migliore per avvicinarsi alla chirurgia stessa. Questo sta diventando uno strumento sempre più comune utilizzato dai team chirurgici in quanto consente loro di visualizzare in anteprima la procedura in un modo che i modelli digitali non lo fanno. Di conseguenza, le procedure richiedono meno tempo e ci sono meno sorprese durante l’intervento chirurgico, il che aiuta a intraprendere l’intervento con maggiore successo.

La procedura chirurgica richiedeva che due gruppi di chirurghi lavorassero in tandem, uno che lavorava per preparare l’uomo a ricevere il trapianto e l’altro che lavorava per rimuovere l’osso e il tessuto facciale necessari dal donatore. Una volta rimosso il viso dal donatore, l’osso è stato fissato in posizione con placche e viti, i vasi sanguigni e i nervi sono stati collegati e, come fase finale, il tessuto molle è stato suturato insieme.

Nei mesi successivi all’intervento, il recupero del paziente ha incontrato ogni marker di successo. In omaggio all’uomo che aveva generosamente deciso di essere un donatore prima della sua morte, il team di Materialise ha anche creato una maschera mortuaria da una scansione eseguita prima dell’intervento chirurgico da presentare alla sua famiglia, un’applicazione per la quale la scansione 3D e la stampa 3D sono adatti .

Mentre siamo molto lontani dai trapianti di volti che diventano una procedura di routine, l’esperienza tecnologica, come quella fornita da Materialise, sta spostando l’operazione dal fantastico e nel regno del possibile e aiutando a raggiungere risultati positivi in ​​procedure complicate come questo. Tecnologie 3D stanno permettendo il trapianto del viso da condotte in tutto il mondo, garantendo precisione in casi complessi e rimodellare possibilità mediche.

Be the first to comment on "Primo trapianto di faccia in Belgio grazie alla stampa 3d"

Leave a comment