Powerbelt3D Zero recensione prova su strada test drive valutazioni


Powerbelt3D Zero è una delle pochissime opzioni disponibili per una stampante 3D a nastro , in cui la superficie di stampa funge da trasportatore. Questo trasforma l’asse Z in uno di lunghezza infinita, poiché la stampa può semplicemente continuare fino a quando il nastro trasportatore gira. Puoi anche stampare in 3D quantità “infinite” di piccoli oggetti mentre si staccano dal letto mentre i successivi vengono stampati in 3D.

Le poche stampanti 3D da cintura disponibili variano notevolmente nel prezzo, con il modello di punta che è il dispositivo Blackbelt3D originale . Dalla sua introduzione sono state annunciate molte altre stampanti 3D da cintura.

Uno di questi è Powerbelt3D Zero, annunciato lo scorso anno . Ha dimostrato di essere estremamente popolare, probabilmente a causa del suo prezzo minimo di soli 399 dollari al momento del lancio. Uno dei motivi del prezzo basso è che si tratta di un kit e gli acquirenti devono assemblarlo prima dell’uso.

In modo impressionante, le persone dietro Powerbelt3D hanno recentemente annunciato di essere state in grado di spedire tutte le unità ai loro finanziatori di crowdfunding, qualcosa che molti Kickstarter non fanno mai nel mercato della stampa 3D. Adam Fasnacht di Powerbelt3D spiega:

“Siamo entusiasti di annunciare che abbiamo spedito con successo tutte le stampanti dall’inventario! È stato un viaggio abbastanza lungo per arrivare a questo punto. Tutte le stampanti acquistate nella nostra campagna di preordine poco meno di 1 anno fa, così come tutte le stampanti acquistate quest’anno (ordine non arretrato) sono state spedite ai rispettivi proprietari. È stato fantastico ascoltare il feedback dei nostri primi utenti, che ci aiuterà a creare prodotti ancora migliori in futuro “.

Ma con qualsiasi articolo a basso prezzo non puoi aspettarti la perfezione, poiché le decisioni di progettazione della macchina cercano di ottenere un prezzo così basso. C’è da aspettarselo, ma che tipo di esperienza puoi aspettarti con questo dispositivo?

Powerbelt3D Zero Experience
Non ho provato personalmente Powerbelt3D Zero, ma risulta che uno dei nostri lettori l’ha fatto. Lykle Schepers è il fondatore di Zesty Technology , i produttori dell’estrusore Nimble , e sa un paio di cose sull’hardware della stampante 3D. Ha ottenuto uno dei primi kit Powerbelt3D Zero spediti ed è stato in grado di far funzionare la macchina.

Ma il suo occhio attento all’hardware ha notato una serie di potenziali miglioramenti al dispositivo. Non sono sicuro che la gente di Powerbelt3D sarebbe in grado di implementarli, poiché alcuni potrebbero far cambiare il prezzo della macchina.

Tuttavia, sembra che a Schepers piaccia davvero la macchina.

Pensieri di Schepers:

La stampante non è una stampante facile da montare e soprattutto il sistema di cintura CoreXY è difficile da installare. Il fatto che non ci sia un manuale di costruzione non aiuta, anche se c’è un video del processo di assemblaggio. È incompleto e pieno di errori.

Nel complesso, il design sembra ok. È molto più largo della superficie stampabile, ma non è un problema. Il telaio è abbastanza inclinato ed è un po ‘fragile, forse sarebbe stato bello aggiungere un supporto all’estremità superiore? Utilizza gli onnipresenti profili con scanalatura a V con angoli e staffe in lamiera d’acciaio. Nel complesso il telaio sembra piuttosto buono e farà il lavoro.

Powerbelt3D CoreXY
Un lettore controlla il kit della stampante 3D Zero Powerbelt3D
Sfregamento delle cinghie sul Powerbelt3D Zero [Fonte: Lykle Schepers]
Il sistema CoreXY stesso è difettoso. Nessuna delle cinghie che devono correre parallele, lo fa. Ogni cintura non è su un unico piano, quindi la cintura deve piegarsi su e giù. Una parte della cintura CoreXY scorre all’interno del profilo 20 × 20, ma agli angoli di quella cintura no. Usa la ruota con scanalatura a V per piegarsi, sfregandola contro con il lato dentato.

Un lettore controlla il kit della stampante 3D Zero Powerbelt3D
Il motore passo-passo sul Powerbelt3D Zero blocca l’accesso ai bulloni di regolazione [Fonte: Lykle Schepers]
Non c’è modo di regolare la tensione, a parte giocherellare con le fascette. Lo stepper è montato ad angolo, poiché le viti per la piastra di montaggio si trovano sotto un bordo dello stepper, quindi non c’è modo di usare quelle viti per regolare la posizione dello stepper. Tuttavia, questo è stato risolto nella prossima versione.

Il carrello X è molto grande, specialmente nella direzione X. Ecco perché, nonostante la stampante sia larga circa 60 cm, l’area stampabile è larga solo 20 cm. Cambiare il sistema CoreXY può migliorare questo.

Un lettore controlla il kit della stampante 3D Zero Powerbelt3D
Le cinghie del Powerbelt3D Zero non sono parallele [Fonte: Lykle Schepers]
Perché questo è un problema? Se le cinghie sono angolate e non parallele, la tensione cambia in base alla posizione. In questo caso, più in alto vai, più strette diventano le cinture. Ma poiché una cinghia tira sul lato superiore del carrello X e l’altra sul lato inferiore, cerca di inclinare il carrello e questo inceppa il carrello Y. Strofinare una cintura su qualcosa non è mai una buona scelta di design, a meno che tu non stia progettando un sistema frenante.

Quello che vorrei vedere sono cinture dritte parallele, tutte della stessa altezza. Pulegge dentate quando i denti sono all’interno della curva, ruote lisce dove si trovano all’esterno. Tensione regolabile. Minore travaso, avvicinando le cinghie tra loro sul carrello X.

Un lettore controlla il kit della stampante 3D Zero Powerbelt3D
Design alternativo del sistema di movimento per Powerbelt3D Zero [Fonte: Lykle Schepers]
Personalmente preferisco che le cinture corrano ad altezze diverse, cintura sinistra sotto la cintura destra. Questo rende l’attraversamento nella parte superiore meno un problema, senza che le cinghie si sfregino insieme.

Per il carrello X, invece di utilizzare una singola piastra di acciaio, guarda una parte stampata in 3D che può essere resa molto più compatta.

Il sistema di movimento è costituito da profili e ruote con scanalatura a V. Questo è normalmente un sistema abbastanza funzionante, ma questo non ha opzioni di regolazione. Nessuna delle ruote ha un dado eccentrico per regolare il gioco. Inoltre, le ruote sono molto lontane dalle piastre a cui sono imbullonate, con lunghi distanziali in plastica.

Perché questo è un problema? Non è possibile regolare la pressione della ruota sulla scanalatura a V. Non c’è modo di assicurarsi che le ruote funzionino senza intoppi, senza gioco. Questo combinato con le cinghie non parallele, si traduce in un blocco quando il movimento è + X almeno sulla mia stampante.

Un lettore controlla il kit della stampante 3D Zero Powerbelt3D
[Fonte: Lykle Schepers]
Il distanziatore lungo significa che si fletteranno, soprattutto a causa della loro lunghezza e del distanziatore in plastica morbida. Flessione nelle ruote significa che non funzionano correttamente, aumentando i problemi con la mancanza di capacità di messa a punto.

Quello che vorrei vedere è l’aggiunta di dadi eccentrici alle ruote interne del carrello Y e alle due ruote inferiori del carrello X. Ridurre la distanza delle lastre dai profili 20 × 20. Uso di componenti standard, come le parti OpenBuild.

Testina di stampa Zero Powerbelt3D
L’hot end è una miscela di parti diverse. Un clone V6 con un ugello MK8. Il filo sull’ugello è molto più corto rispetto al V6. Risultato: la rottura del calore si avvita fino ad ora, la parte a parete sottile si trova all’interno del blocco termico. E come da istruzioni, devono esserci 10 mm tra il blocco termico e il dissipatore di calore. Quindi la pausa termica è solo all’interno del dissipatore di calore da 2 o 3 fili.

Perché questo è un problema? Ci sono due potenziali problemi con l’hot end. Nel video di istruzioni l’ugello MK8 è avvitato completamente nel blocco termico e serrato su di esso. Quindi il blocco termico viene avvitato fino in fondo. Non c’è modo di stringerlo abbastanza, quindi mi aspetto molte perdite tra l’ugello e il termostato.

Se non si avvita molto il termofreno nel dissipatore di calore, si ottengono intasamenti dovuti allo scorrimento termico. La pausa termica non può scaricare il suo calore abbastanza velocemente.

Quello che vorrei vedere qui è la coerenza. Usa una marca di hot end e fallo funzionare. Ad esempio, sembra che l’hot end di tipo Creality si adatterà e funzionerà con l’angolo di 35 gradi scelto. Altrimenti, usa il Mosquito o un ugello V6 adattato.

Cinghia Powerbelt3D Zero Print
La cintura stampata. La superficie di stampa è realizzata utilizzando un supporto di cartone ondulato con un foglio di plastica liscio incollato sulla parte superiore. Perché il cartone ondulato? Perché non usare semplicemente il foglio di plastica che vi è attaccato?

Perché questo è un problema? Il cartone ondulato è un buon isolante termico. L’aggiunta di un isolante tra un letto riscaldato e la superficie di stampa non è una buona idea. Inoltre, il cartone ondulato è proprio questo, ondulato. L’obiettivo è ottenere una superficie di costruzione liscia e piatta, quindi perché aggiungere l’ondulazione? Mi aspetto che la banda Z avvenga proprio per questo.

Quello che vorrei vedere è il modo in cui NAK 3D Design lo fa. Cintura in acciaio con superficie Buildtak. O una superficie in PEI rivestita a spruzzo. Almeno togli il cartone!

Firmware e documentazione di Powerbelt3D
Il sistema di controllo. Non sono riuscito a farlo funzionare. Per uno, utilizza una vecchia versione di Marlin (corretta nel design aggiornato) e c’è un problema con i cavi di fine corsa che si surriscaldano. Il display sembra essere un bel display ma non funziona (ancora). Per ora, i test continuano sull’eccellente scheda Duet 2. I materiali forniti sembrano essere buoni, ma non funzionano insieme.

Quello che mi piacerebbe vedere qui è che viene utilizzata la scheda Duet Maestro. La configurazione del firmware RepRap è molto più semplice e ci sono innumerevoli configurazioni disponibili per CoreXY. Perfino un configuratore perfetto per crearne uno tuo.

Infine, la documentazione. O meglio, la mancanza di qualsivoglia. Lo so, fare un manuale non è un lavoro divertente, dovevo già farne 4 per il Nimble. Ma se vuoi vendere un prodotto (soprattutto se si tratta di un kit) devi avere un buon manuale. Una buona sequenza di assemblaggio, diagrammi chiari cosa va dove e quale parte usare. Il video di assemblaggio aiuta, ma è pieno di errori e non contiene le parti più recenti.

A causa dei ritardi di Covid, Powerbelt3D ha dovuto attendere molto prima di poter essere spedito. Momento perfetto per costruire il manuale.

Conclusione di Powerbelt3D
La cosa interessante è che, detto tutto questo, la stampante mi piace ancora. È un design risolvibile, ha un gruppo Facebook attivo, Powerbelt3D sta comunicando attivamente e quando ho avuto bisogno di aiuto con una o due delle parti (nel mio processo di progettazione per un sistema CoreXY migliorato) hanno inviato rapidamente i file richiesti. Inoltre, per me il motivo principale per cui tengo la stampante, è la stampante da cintura più economica in circolazione e dal momento che ho bisogno di una stampante da cintura, ci tengo.

La mia conclusione personale: se hai le capacità e le conoscenze per armeggiare e migliorare, è una stampante funzionante che può essere realizzata per funzionare bene. Non è per la folla plug and play.

Be the first to comment on "Powerbelt3D Zero recensione prova su strada test drive valutazioni"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi