PostProcess Technologies e la Johns Hopkins University tecnologie di post-stampa

PostProcess Technologies, un’azienda di stampa 3D di Buffalo, New York, collabora con la Johns Hopkins University per automatizzare le tecnologie di post-stampa per i modelli chirurgici stampati in 3D.

La post-elaborazione, la fase del processo di stampa 3D che comporta la rimozione di supporti, la pulizia, la levigatura e in altri modi la finitura di una parte stampata in 3D, ha ottenuto un plauso questa settimana con il lancio della stampante 3D Velox di Structo , una  stampante desktop in-one che incorpora la post-elaborazione automatizzata.

Ma c’è un’altra società nel mondo della produzione additiva la cui intera filosofia è incentrata sulla semplificazione (e sull’accelerazione) dell’atto di post-elaborazione. Quella compagnia è PostProcess Technologies di New York, che ha appena annunciato un’entusiasmante collaborazione con il Carnegie Center for Surgical Innovation della Johns Hopkins University.

Nell’ambito dell’accordo tra PostProcess Technologies e Johns Hopkins, la società di stampa 3D aiuterà ad automatizzare le tecnologie di post-stampa per la stampa 3D del centro universitario.

Utilizzando la tecnologia PostProcess, il Carnegie Center for Surgical Innovation è già stato in grado di ridurre il tempo complessivo del ciclo e migliorare la coerenza dei suoi modelli di organi stampati in 3D, specifici per paziente per i chirurghi.

Questi modelli sono in genere utilizzati per mostrare a un chirurgo l’aspetto di un paziente, dando al medico una visione chiara di ciò a cui presto affronteranno. Su alcuni modelli stampati in 3D è anche possibile esercitarsi.

La nuova installazione di Johns Hopkins utilizza la soluzione CENTI di PostProcess Technologies, utilizzata per rimuovere il materiale di supporto dalle parti Polyjet in un ingombro compatto da banco. CENTI utilizza detergenti proprietari e un software personalizzato che guida “l’agitazione ottimizzata e l’erogazione di energia” e ha una busta di lavoro di 19,5 x 11,5 x 6 pollici (495 x 292 x 152 mm).

Il Carnegie Center for Surgical Innovation prevede di espandere le sue operazioni di stampa 3D medicale e presto utilizzerà le sue attrezzature di produzione additive per applicazioni didattiche e didattiche, prototipi di ingegneria, dispositivi di laboratorio stampati personalizzati e modelli di educazione del paziente.

L’anno scorso, PostProcess Technologies ha raccolto  4 milioni di dollari per migliorare e distribuire i suoi sistemi di finitura superficiale di stampa 3D .

Be the first to comment on "PostProcess Technologies e la Johns Hopkins University tecnologie di post-stampa"

Leave a comment