Portia de Rossi General Public Synography copie di dipinti stampate in 3d per democratizzare l’arte

La parola “democratizzazione” è spesso usata quando si parla di stampa 3D. La tecnologia democratizza la creazione e la produzione, consentendo alle persone di creare e personalizzare i propri prodotti piuttosto che acquistarli. Un grande punto di forza della tecnologia è che rende accessibile al grande pubblico quella che un tempo era il mecenatismo delle grandi corporazioni e dello Stato,  la nuova società dell’attrice Portia de Rossi, vuole fare esattamente questo. Vale a dire, la società intende utilizzare la stampa 3D per rendere la collezione d’arte accessibile alle masse, piuttosto che solo all’élite.

General Public utilizza una tecnologia chiamata Synography, sviluppata dalla de Rossi con Fujifilm , che utilizza la stampa 3D per riprodurre la trama e le pennellate di un dipinto, piuttosto che una semplice copia. Descrive il dipinto originale come uno “stampo per scultura”, dal quale possono essere fatte più copie. Lo confronta anche con una copia di una fotografia. Con la fotografia, nulla è perso nella transizione dall’originale alla riproduzione, a differenza dei dipinti, che perdono la loro consistenza e gran parte della loro “realtà” quando vengono trasformati in una stampa 2D. La sinografia conserva quella realtà, lasciando che il tocco reale della mano dell’artista emerga nelle pennellate e nella trama della pittura.

Le copie stampate in 3D di dipinti sono inusuali, anche se non nuove di zecca , motivo per cui l’approccio di General Public potrebbe sorprenderlo, almeno all’inizio. Molto è stato discusso circa l’ etica dell’uso della stampa 3D per riprodurre l’arte , ma quando si arriva ad esso, in che modo una scultura o una pittura stampata in 3D è diversa da una riproduzione modellata di una famosa scultura venduta in un negozio di souvenir del museo, o Stampa 2D di un dipinto? L’originale avrà sempre valore per essere l’originale, per essere stato effettivamente toccato e creato dall’artista, e de Rossi ha detto che la risposta degli artisti al pubblico è stata per la maggior parte positiva finora.

“Vediamo il Synograph come un aggiornamento sulla stampa tradizionale, piatta, simile a un poster; non è in competizione con un originale “, ha detto ad artnet . “Tuttavia, spero che il Synograph cambi il modo in cui guardiamo all’arte. Un romanzo non è meno brillante perché ci sono migliaia di copie in circolazione. Il mio obiettivo è che la Synograph sconvolga l’idea antiquata secondo cui la scarsità è il modo in cui dovremmo valutare l’arte. Dovrebbe essere prezioso perché è buono, non perché è raro. ”
Il motto di General Public è “artisti di supporto, non arte”, anche se questo è un po ‘fuorviante – “artisti di supporto e arte, non galleristi”, la società è tutto di apprezzamento dell’arte, e un motto più adatta potrebbe essere Sarà un business come questo una ferita gallerie e proprietari di musei? È improbabile, credo; le persone sono ancora spazzate via dalle copie originali dei romanzi anche se, come ha detto de Rossi, ci possono essere migliaia di copie là fuori. Un’opera d’arte che è arrivata direttamente dalle mani del suo creatore ha una sorta di magia su di esso, qualcosa che fa sentire le persone come se stessero in piedi in presenza di brillantezza, anche se l’artista potrebbe essere lontano da tempo.Nessuno protesta le registrazioni restaurate la cui qualità sonora consente di ascoltare ogni cigolio nello studio di registrazione, ogni respiro dell’artista, e la pittura è davvero l’unico mezzo che non è stato riprodotto fino a quel punto di vicinanza all’originale.

“Come artista, ho visto ogni altra forma d’arte usare la tecnologia per ritagliare l’intermediario, democratizzare l’arte e potenziare l’artista”, ha detto de Rossi. “Ad esempio, la stampa e Internet hanno rivoluzionato la scrittura; il fonografo e l’MP3 hanno rivoluzionato la musica. Eppure le carriere dei pittori sono ancora controllate dai galleristi. Voglio che i pittori abbiano la possibilità di vendere edizioni dei loro dipinti per massimizzare la loro redditività. Voglio anche che le persone che apprezzano veramente questi artisti siano in grado di possedere e apprezzare le loro opere come l’artista intendeva che fossero apprezzate e non solo quelle facoltose. ”
General Public offre un mix eclettico di stampe, inclusi artisti emergenti e affermati, nonché l’arte nel pubblico dominio e dipinti anonimi del mercato delle pulci. Le riproduzioni non sono ancora a buon mercato – circa $ 1.000 in media, ma questo è un cambiamento in tasca rispetto a un originale.

Be the first to comment on "Portia de Rossi General Public Synography copie di dipinti stampate in 3d per democratizzare l’arte"

Leave a comment