Pompei una grande villa scansionata in 3d prima dell’eruzione del Vesuvio

Un Enorme progetto di scansione 3D consente di camminare in una grande casa di Pompei prima dell’eruzione del Vesuvio.

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato la tecnologia di scansione 3D per ricostruire una casa dell’antica città romana di Pompei. Il modello 3D generato mostra ciò che avremmo visto della casa prima che fosse distrutta dall’eruzione del Vesuvio nel 79 dC.

Gli storici sono stati affascinati con l’antica città romana di Pompei per secoli. Fondata nel VI o VII secolo aC, la città aveva un sistema avanzato di acqua, l’anfiteatro, e una popolazione di circa 11.000 abitanti prima che fosse distrutta dall’eruzione del Vesuvio nel 79 dC. sotto strati e strati di cenere vulcanica, la città è rimasta incredibilmente ben conservata fino alla sua riscoperta nel 18 ° secolo . I resti di Pompei si sono dimostrati incredibilmente illuminanti per gli storici, ma i ricercatori stanno ancora cercando di trovare nuovi modi per conoscere meglio la città distrutta. La tecnologia di scansione 3D, per esempio, ha consentito ad un gruppo di ricercatori dell’Università di Lund di generare un modello virtuale di una grande casa, mostrando esattamente come l’edificio fosse prima della sua distruzione.

Dal 2000, la Università ha portato avanti diversi progetti sotto la guida di Anne-Marie Leander Touati, ex dell’ Istituto Svedese di Roma e ora professore di Archeologia Classica e Storia antica presso l’Università di Lund. Il gruppo si propone di documentare l’antica città nel modo più completo possibile, in caso di ulteriore distruzione causata dai terremoti o altro ( noi italiani compresi col nostro comportamento) . Dal 2010, la ricerca è stata gestita dal Dipartimento di Archeologia e Storia Antica a Lund.

Utilizzando la tecnologia di scansione 3D di Faro uno specialista della scansione con sede in Florida , i ricercatori di Lund sono stati in grado di raccogliere grandi quantità di dati visivi su Pompei, dati che possono essere utilizzati per creare restauri virtuali di edifici come la Casa di Cecilio Giocondo, mostrato nel video sotto. Il quartiere della città è stato sottoposto a scansione 3D durante il lavoro sul campo tra il 2011-2012 ed i primi modelli 3D della città in rovina sono stati completati. “Combinando le nuove tecnologie con i metodi più tradizionali, possiamo descrivere Pompei in maggior dettaglio e con maggiore precisione di quanto non fosse possibile in precedenza”, ha commentato Nicolò Dell’Unto, una archeologa digitale presso l’Università di Lund.

Per ricreare la Casa di Cecilio Giocondo, i ricercatori hanno utilizzato  il laser nella tecnologia di scansione 3D per raccogliere immagini 3D dell’edificio. Un drone è stata poi utilizzato per raccogliere immagini aeree del sito. Dopo che i dati video sono stati analizzati utilizzando un software speciale, la struttura poligonale risultante è stata arricchita con i colori immessi manualmente. Le fotografie digitali sono state poi aggiunte al modello 3D per migliorare l’aspetto delle pareti e dei pavimenti, creando una visualizzazione 3D credibile e riconoscibile.

Mentre lavoravano a Pompei, i ricercatori hanno scoperto i pavimenti dal 79 dC, hanno eseguito studi dettagliati dello sviluppo edilizio attraverso la storia, e pulito e documentato tre grandi patrimoni di ricchi, una taverna, una lavanderia, una panetteria e vari giardini. Il loro lavoro ha scoperto numerosi piccoli dettagli sulla vita di Pompei prima dell’eruzione. In un giardino, per esempio, i ricercatori hanno scoperto che alcuni rubinetti su una fontana erano aperti al momento dell’eruzione, questo significa che l’acqua scorreva mentre la cenere vulcanica cadeva su Pompei.

Ogni tanto i ricercatori scoprono strati completamente intatti. In un negozio, per esempio, hanno trovato tre finestre completamente intatte fatte con del traslucido di gesso cristallino impilate una contro l’altra. Queste finestre si ritiene siano arrivate da Roma. Studiando i sistemi idrici e fognari, i ricercatori sono stati anche in grado di interpretare le gerarchie sociali della città antica, imparando che i rivenditori e i ristoranti  dipendevano dalle grandi famiglie ricche per l’acqua.

Anche se il lavoro dei ricercatori è vario e comprende molti progetti, una delle zone più importanti della loro ricerca è l’utilizzo della tecnologia 3D. Le ricostruzioni digitali degli edifici di Pompei forniscono una nuova prospettiva sulla vita in città. “La cosa affascinante è che si sta entrando nella storia”, ha detto Touati. “State entrando in una casa con muri di quattro o cinque metri di altezza . Possiamo immaginare noi stessi all’interno; come  tornare indietro  nel tempo. C’è molto materiale per discutere di come le persone vivevano lì 2000 anni fa “.

I ricercatori sperano di completare il progetto quest’anno o il prossimo. Un documento di ricerca che documenta le loro scoperte è stato pubblicato su Scires.

Be the first to comment on "Pompei una grande villa scansionata in 3d prima dell’eruzione del Vesuvio"

Leave a comment