Poietis sperimenta la pelle biostampatain 3d all’ospedale pubblico di Marsiglia

La società francese di bioprinting Poietis ha avviato una collaborazione di ricerca clinica con l’assistenza Publique – Hôpitaux de Marseille (AP-HM) per perseguire una sperimentazione clinica per il tessuto cutaneo bioprintato. Attraverso la partnership, Poietis e AP-HM mirano a condurre uno studio clinico di fase I per un prodotto terapeutico terapeutico avanzato innovativo (ATMP) per i problemi di guarigione della pelle. Il calendario per questa fase è di due anni.

L’obiettivo generale di Poietis è quello di rendere la bioprinting una soluzione praticabile per la produzione di tessuti umani, riducendo la domanda di trapianti di organi. Oggi l’azienda ha sul mercato una serie di prodotti di bioprinting basati sulla sua piattaforma di bioprinting di nuova generazione, tra cui l’NGB-R, per la ricerca in ingegneria dei tessuti in vitro, e l’NGB-C, per la produzione clinica di tessuti bioprintati impiantabili.

L’AP-HM di Marsiglia, da parte sua, gestisce un’unità di terapia cellulare (guidata dal professor Florence Sabatier) specializzata nella produzione di preparati per terapia cellulare (CTP) per le cure di routine, nonché nella consegna di medicinali per terapia cellulare per test clinici.

L’unità di terapia cellulare, chiamata Cell Culture and Therapy Laboratory (CCTL), è costituita da “aree di produzione in atmosfera controllata” che soddisfano gli standard stabiliti dalle Regole di buona pratica di fabbricazione per i medicinali sterili per uso umano e ATMP, nonché Regole di buona pratica per la preparazione, lo stoccaggio, il trasporto, la distribuzione e lo smaltimento di preparati per tessuti, cellule e terapia cellulare.

Il CCTL di AP-HM e il Dipartimento di Chirurgia Plastica e Restaurativa dell’ospedale e il Centro interregionale per le ustioni maggiori lavoreranno insieme per sviluppare una tecnica innovativa di rigenerazione della pelle usando la tecnologia di bioprinting di Poietis.

“Questa collaborazione è un ulteriore passo per Poietis e la sua ambizione di posizionare una bio-stampante in ogni ospedale per consentire la produzione di tessuti personalizzati e migliorare la gestione dei pazienti in attesa di trapianti”, ha dichiarato il dott. Fabien Guillemot, fondatore e presidente di Poietis . “Il completamento con successo di questo progetto aprirà la strada a importanti applicazioni della bioprinting in campo medico.”

Bertrand, chirurgo plastico dell’AP-HM, ha aggiunto: “La pelle bioprintata preparata da un semplice campione delle cellule del paziente semplificherebbe notevolmente la procedura chirurgica ed eviterebbe campioni di pelle di grandi dimensioni. Questa innovazione terapeutica “made in France” potrebbe essere una vera rivoluzione nel trattamento dei pazienti che richiedono un trapianto di pelle, come gravi ustioni. “

“Questa collaborazione riunirà tutte le competenze necessarie per produrre un tessuto bioprintato che può essere impiantato nell’uomo, in conformità con le normative europee”, ha dichiarato il dott. Magalon, farmacista-biologo dell’Unità di terapia cellulare. “Ma questo è solo un passo. Domani, l’obiettivo è quello di biografare i tessuti più complessi il più vicino possibile al paziente. È ipotizzabile che in futuro tutti i principali ospedali saranno dotati di bioprinter. Questo mi ricorda il successo della robotica chirurgica: un’innovazione rivoluzionaria che è diventata essenziale nella pratica quotidiana. “

Be the first to comment on "Poietis sperimenta la pelle biostampatain 3d all’ospedale pubblico di Marsiglia"

Leave a comment