Plantoids i robot con le ruote che fanno vivere le nostre piantine

Plantoids: i robot  stampati in 3d intelligenti che aiutano a mantenere in vita le vostre piante Citizen

Una specie di miracolo per chi non possiede il pollice verde.

La Citizen Scientific Workshop (CSW) ha lanciato una campagna su Kickstarter per Plantoids, dei robot stampabili in 3D che mettono delle ruote sotto le vostre piante. Ogni dispositivo stampato in 3D cerca luce solare e aria fresca per dare al suo passeggero verde le migliori possibilità di buona salute.

Mai sentito parlare di pollice verde? Stanchi di vedere le vostre piante e i vostri fiori  morire al primo segno di avversità? Questi adorabili Plantoidis potrebbero cadere a fagiolo.

Creati da Citizen Scientific Workshop e ora oggetto di una campagna su Kickstarter  , il kit Plantoids Robotics è una soluzione per mantenere vive e sane le piante. Il robot Plantoid è essenzialmente un piccolo e autonomo veicolo stampato in 3D per una pianta, che permette alla flora di muoversi.

Questo muoversi può essere enormemente vantaggioso per le piante. Per la vegetazione che richiede molta luce solare, per esempio, un robot Plantoid può traghettare l’impianto in una stanza per catturare più luce solare possibile.

Ma il movimento è tutt’altro che casuale. Una combinazione di  apparecchiature di rilevazione intelligenti e di intelligenza artificiale consente al robot di sapere dove deve andare a trarre beneficio per l’impianto, mentre le sue ruote e le tracce possono anche gestire un terreno esterno dolce per la massima copertura.

“Utilizzando una suite sensoriale basata su Arduino per fornire dati sulla qualità della vita del suo centro vegetale, un Plantoid può autonomamente esplorare il proprio ambiente alla ricerca della posizione migliore per la propria prosperità”, spiega David Ultis di CSW.

E non è solo la luce del sole che conta. Il kit base Plantoids contiene apparecchiature di misura per l’umidità del suolo, della temperatura dell’aria e dell’umidità, della luce ambientale e della qualità dell’aria, che svolgono una grande parte nella salute di una pianta. E mentre il robot a ruote non può necessariamente trovare aree di pressione differente all’interno di una stanza, può spegnere un allarme (altoparlante e luce LED) per informarti di alcuni fattori che devono essere esaminati.

Essendo in formato kit, i Plantoids possono anche diventare un interessante progetto scolastico dando agli studenti la possibilità di conoscere la robotica e la biologia allo stesso tempo.

“Con i Plantoid Robots, stiamo portando nuove attività educative nelle case, nelle aule e nei giardini di tutto il mondo”, dice Ultis. “Il nostro primo progetto pilota è stato organizzato in collaborazione con il nostro giardino botanico locale ed è servito a cambiare la prospettiva su che tipo di istruzione può essere promossa attorno alla tecnologia e alla conservazione, facendo dei robot i loro habitat perfetto”.

Non dovete andare a scuola per trarre vantaggio da un robot Plantoid. Chiunque sia interessato a progetti di piante e fai da te potrebbe probabilmente divertirsi con questi piccoli robot, soprattutto quelli curiosi di robotica e intelligenza artificiale. Indipendentemente, GEEK.COM riferisce che parte dei robot Plantoid sono costituiti da parti stampate 3D, ma la campagna Kickstarter non offre ulteriori informazioni sui materiali o sui processi utilizzati. Da ciò che possiamo vedere, i pezzi traslucidi piatti sembrano l’opera di una taglierina laser, ma le parti di collegamento più piccole potrebbero essere stampate in 3D.

Con nove giorni ancora prima della chiusura , i Plantoid  hanno raccolto  3.225 dollari sui 5.000 dell’obiettivo, suggerendo che il progetto potrebbe anche farcela. Il kit  starter iniziale è disponibile per 64 dollari, mentre sono disponibili pacchetti completi per insegnanti e utenti avanzati.

C’è anche un’altra buona ragione per sostenere  il progetto Plantoid: se la campagna raggiunge l’obiettivo di 5000 dollari , CSW rilascerà la sua unità più avanzata, il PlantoidX. Questi sono descritti come ” grandi robot orientati alla ricerca”.

Il PlantoidX aggiorna le funzionalità di calcolo di Plantoid con un computer a bordo Raspberry Pi o ODROID e utilizza il software denominato MyRobotLab per espandere la propria gamma di funzioni. Gli utenti possono anche utilizzare un’applicazione smartphone Plantoid per controllare manualmente il robot.

Un piccolo rimando al film 2002 la nuova odissea ?

E poi ce l’hanno la copertura anti gatti ?

 

Be the first to comment on "Plantoids i robot con le ruote che fanno vivere le nostre piantine"

Leave a comment