Pin and Void brevetto di 3DKToys per il collegamento di parti stampate in 3D

3DKToys ha ottenuto il brevetto “Pin and Void” per il collegamento di parti stampate in 3D

Una società di giocattoli di stampa in 3d che si chiama 3DKToys ha ottenuto il brevetto per un metodo Pin and Void di collegamento di oggetti stampati 3D utilizzati nella loro linea di giocattoli stampabili in 3D. Tutto è iniziato quando Brian Quincy Robinson, CEO e co-fondatore di 3DKToys, ha voluto creare una bambola di dimensioni Barbie che potesse essere stampata in 3D su una piccola stampante 3D desktop con un volume di costruzione non superiore a 4 x 4 x 5,5 pollici.

Per creare la bambola Quin, aveva bisogno di un modo semplice e affidabile per collegare parti più piccole l’una all’altra per formare un giocattolo più grande. Creando spilli a forma di osso, le parti possono essere serrate a pressione insieme a giunture robuste e articolate. La bambola Quin è un concetto avvincente in quanto può essere personalizzata e aggiornata con UpKits che includono gomiti e ginocchia pieghevoli, una tuta spaziale e diverse espressioni facciali. La linea include anche NiQ, una action figure posabile e diversi mostri che combattono. Tutti i loro modelli sono stampabili in 3D, articolati e non richiedono materiale di supporto, levigatura o incollaggio.

I marketplace 3D gratuiti come il Thingiverse sono meravigliosi, ma la qualità dei modelli è incoerente, con scarse tolleranze e molti strapiombi che richiedono l’uso di materiale di supporto che danneggia le finiture superficiali. Tutti questi problemi hanno motivato il team di 3DKToys a sviluppare i loro giocattoli stampabili in 3D che evitano tutti questi problemi. Ma la quantità di tempo e risorse disponibili in una linea completa di giocattoli di alta qualità non può essere eseguita gratuitamente, ed è qui che entra in gioco il brevetto. 3DKToys vende i propri prodotti come modelli digitali che i clienti possono stampare con le proprie stampanti 3D, e i modelli digitali sono notoriamente difficili da proteggere su Internet.

Alcuni individui stavano acquistando i file e caricandoli illegalmente in siti di condivisione file come GitHub e Dropbox. Questo brevetto ora consente a 3DKToys di citare in giudizio coloro che violano il contratto con l’utente finale. Tecnicamente, il brevetto potrebbe essere utilizzato per limitare la vendita di qualsiasi oggetto stampato in 3D che utilizza un metodo di connessione pin e vuoto, incluso il contenuto originale. È un po ‘strano perché il metodo è incredibilmente semplice; Io stesso ho progettato parti che si incastrano insieme in questo modo ed è il meccanismo di base di ogni fibbia collimabile. Ma è più probabile che 3DKToys intenda usare il brevetto per proteggere le loro altre proprietà intellettuali, cioè le bambole stesse.

In ogni caso, stanno festeggiando il ricevimento del brevetto offrendo gratuitamente il modello 3D del loro giocattolo RUKIBOT, quindi scaricalo prima della fine della promozione. I loro giocattoli non sono solo per i bambini, sia. Poiché sono posizionabili e personalizzabili, sono ottimi per i produttori di film, specialmente quelli che creano film in stop-motion. Questi giocattoli sono un modo fantastico per coinvolgere i bambini nella stampa e nella progettazione 3D e la promozione arriva appena in tempo per le vacanze.

Be the first to comment on "Pin and Void brevetto di 3DKToys per il collegamento di parti stampate in 3D"

Leave a comment