Piano preoperatorio con stampa 3D nella fissazione interna ed esterna per fratture del plateau tibiale complesso

Stampa 3D di modelli medici per la pianificazione preoperatoria nelle fratture curative del plateau tibiale

La stampa 3D svolge un ruolo importante nel processo di pianificazione chirurgica, delineato in ” Piano preoperatorio con stampa 3D nella fissazione interna ed esterna per fratture del plateau tibiale complesso “, di ricercatori cinesi Wei-yong Wu MM, Wei-guo Xu MD, Chun-you Wan MD e Min Fang MM. In questo studio, i ricercatori utilizzano modelli stampati in 3D per valutare gli effetti del trattamento a breve termine di fratture complicate del plateau tibiale, con fissazione sia interna che esterna. Sono stati in grado di esaminare e trattare 34 pazienti diversi con un fissatore esterno e 35 con fissazione interna.

Gli scienziati medici continuano gli studi in corso per trovare modi per guarire i pazienti più rapidamente, mentre sia la rigenerazione ossea che la guarigione ossea presentano sfide, presentando così una costante necessità di una tecnologia più progressiva. I ricercatori sottolineano che l’uno o il due percento di tutte le fratture nei pazienti si trovano nel plateau tibiale, mentre l’otto percento di loro si trova negli anziani. Questi tipi di lesioni sono spesso accompagnati da estese lesioni dei tessuti molli, che rendono gli interventi chirurgici ancora più complessi.

“Gli obiettivi del trattamento in tali fratture del plateau tibiale ad alta energia sono di mantenere la stabilità articolare, la congruità e l’allineamento senza molta dissezione dei tessuti molli, contribuendo così alla mobilizzazione precoce dell’articolazione del ginocchio”, affermano i ricercatori. “Ciò richiede che un chirurgo abbia una chiara comprensione della morfologia della frattura e scelga un metodo di fissazione ragionevole in base alla morfologia della frattura.

“La riduzione aperta e la fissazione interna del plateau tibiale individuale aiutano a mantenere la congruità articolare anatomica e il ripristino dell’allineamento meccanico e consentono una mobilizzazione precoce dell’articolazione del ginocchio. Tuttavia, è spesso richiesta un’ampia esposizione del lato laterale e mediale; la combinazione del danno originale alla lesione con l’ampio approccio chirurgico ha portato a un alto tasso di complicanze, inclusi problemi di guarigione delle ferite e infezione “.

Mentre la fissazione esterna (EF) è anche nota per essere un metodo efficace, ci sono ancora problemi con infezione e collasso e i fissatori possono portare a rigidità articolare. Il collasso è un problema generale, che induce i chirurghi a cercare modi migliori per trattare le fratture del plateau tibiale. La stampa 3D arriva come un miglioramento rispetto ai raggi X e alle TC, consentendo a medici e chirurghi di esaminare le fratture più da vicino, insieme alla preparazione per interventi chirurgici. L’interruzione può essere ricreata in forma 3D, consentendo ai medici di vedere non solo la lesione, ma anche qualsiasi punto di collasso. Le informazioni che possono essere in grado di raccogliere sono fondamentali per consentire loro di creare piani chirurgici e metodi di riduzione migliori.

In questo studio, gli scienziati hanno osservato due diversi metodi di fissazione con l’aggiunta della stampa 3D, creato piani chirurgici migliorati ed erano in grado di analizzare meglio i pro ei contro della fissazione interna ed esterna. Alla fine, hanno scoperto che entrambi i tipi di trattamento chirurgico erano efficaci, senza “alcuna associazione tra la qualità della riduzione e i metodi di fissazione”. Hanno anche scoperto che con la stampa 3D c’erano meno infezioni e meno traumi in chirurgia.

“L’uso della tecnologia di stampa 3D può porre rimedio ai limiti della visualizzazione della superficie del giunto nella fissazione esterna, per ottenere una qualità di riduzione simile alla fissazione interna”, hanno concluso i ricercatori.

“L’uso di modelli stampati in 3D nelle fratture del plateau tibiale preoperatoriamente può eliminare efficacemente gli svantaggi della visualizzazione articolare limitata nel trattamento di fissazione esterna e migliorare la qualità della riduzione. In combinazione con la stampa 3D, la fissazione esterna per complesse fratture del plateau tibiale può ridurre efficacemente il sanguinamento intraoperatorio, il tempo di intervento intraoperatorio e i giorni di ricovero e garantire una qualità di riduzione soddisfacente e la funzione postoperatoria. “

Paziente di sesso maschile, 45 anni. Frattura dell’altopiano tibiale di tipo VI di Schatzker causata da un incidente stradale. Durante l’operazione sono stati rilevati spaccature e collassi della superficie articolare. La fissazione esterna combinata con una fissazione interna limitata ha mantenuto la stabilità della superficie articolare. Dopo 3 mesi, il fissatore esterno è stato rimosso. La funzione dell’articolazione del ginocchio era buona 2 anni dopo l’intervento chirurgico.

I modelli stampati in 3D possono essere ampiamente utilizzati nella pianificazione chirurgica e i professionisti medici di tutto il mondo hanno iniziato a trarne vantaggio per educare i pazienti, nonché per formare gli studenti di medicina, e permettendo ai chirurghi stessi di trascorrere settimane a volte studiando e praticando un modello mentre prepararsi per un raro intervento chirurgico , o che potrebbe non essere mai stato eseguito prima. Cosa ne pensi di questa notizia? Fateci sapere i vostri pensieri! Partecipa alla discussione su questo e altri argomenti sulla stampa 3D su 3DPrintBoard.com .

Be the first to comment on "Piano preoperatorio con stampa 3D nella fissazione interna ed esterna per fratture del plateau tibiale complesso"

Leave a comment