Phrozen Shuffle e Phrozen Shuffle XL prova su strada test drive

Le Phrozen Shuffle e Phrozen Shuffle XL offrono un’eccellente qualità di stampa, ma non sono prive di difetti.
Il segmento di stampa 3D desktop basato su resina  ha preso vita negli ultimi anni grazie a Formlabs che ha aperto la strada con la Form 1 e con macchine di successo come Peopoly Moai e Anycubic Photon che hanno reso popolare il formato.

Una società che offre macchine nella stessa sfera, ma operando alquanto fuori dal radar  è Phrozen. Un produttore con sede a Taiwan, Phrozen ha promosso con successo sia la piattaforma di crowdfunding taiwanese FlyingV su Kickstarter per lanciare precedenti stampanti 3D basate su LCD.

L’ultimo progetto di Phrozen, Phrozen Make , è una stampante 3D desktop LCD che promette stampe veloci, stampa wireless e compatibilità con materiali di terze parti. Spedita ai sostenitori entro febbraio di quest’anno, la società è passata rapidamente a sviluppare cose più grandi e migliori. Vale a dire, la Phrozen Shuffle  e la Phrozen Shuffle XL.

Oltre alla facilità quasi necessaria di una vasca per film FEP, la Phrozen Shuffle vanta il motore ottico ParaLED proprietario di Phrozen. Essenzialmente una matrice di LED che corrisponde allo schermo da 5,5 pollici di 2K, ParaLED è ottimizzato per emettere la sua luce il più vicino possibile al parallelo. Questo dovrebbe tradursi in stampe più nitide, più velocemente.

Nel breve lasso di tempo, laPhrozen Shuffle ci saluta con gioia alla qualità di stampa (una mossa che ora chiameremo Shuffle shuffle) e rimugina le opportunità perse.

Fianco a parte c’è poca differenza tra Phrozen Shuffle e Phrozen Shuffle XL
PRO
Utilità e aspetto
Stampa coerente e di alta qualità
Conveniente rispetto a sistemi simili
CONTRO
Sconcertanti scelte di design
Forte
Frustrante / scarsa documentazione
Interfaccia utente gonfio e flusso di lavoro generale

Abbiamo sentito grandi cose sulla rigidità e sulla qualità di stampa di Phrozen Shuffle prima di averne messo le mani. Queste due cose sono assicurate. È una robusta bestia di  stampante che emette stampe stellari con dettagli elevati. Tuttavia, molti problemi di interfaccia utente, software e processi la trattengono come ottimale per una semplice raccomandazione per tutti gli utenti.

Una sbirciatina all’interno di Phrozen Shuffle con una vite a ricircolo di sfere e due binari di guida a vista
C’è un po ‘di ironia sul fatto che il segmento del mercato della stampa 3D desktop che si sta riscaldando in questo momento è quello che non richiede alcun tipo di calore per fare i suoi affari. Stiamo parlando, ovviamente, di stampanti 3D che stampano resina. SLA, nel suo termine più ampio, ma le armi preferite di questo particolare campo di battaglia sono le lampade UV e gli schermi LCD HD che le mascherano.

La Phrozen Shuffle utilizza una propaggine della stampa 3D di Stereolitografia (SLA) nota come Stereolithography mascherata (MSLA). In sostanza, uno schermo LCD con un’alta densità di pixel si trova tra la vasca di resina con fondo trasparente e una serie di LED che emettono luce UV. Qualunque modello che hai tagliato viene trasformato in immagini istantanee di interi livelli, che vengono visualizzati come una maschera sul LED.

La vasca di resina a fondo trasparente di Phrozen Shuffle. Oltre, uno schermo LCD 2K da 5,5 pollici
La luce UV brilla per il numero richiesto di secondi per impostare la resina, passando attraverso la maschera e indurendo uno strato di resina sulla piastra di costruzione, che è stata abbassata e spinta contro il fondo trasparente della vasca di resina. Il processo si ripete per tutti i livelli successivi.

Si potrebbe paragonarlo alla stampa 3D Digital Light Processing (DLP), nel senso che un’intera sezione viene impostata immediatamente nella resina. Invece di proiettori di DLP estremamente complessi e costosi, tuttavia, vengono utilizzate tecnologie a basso costo come schermi LCD e LED UV, rendendo il metodo uno dei più diffusi tra i produttori di stampanti desktop 3D in competizione per il budget.

In effetti, è probabile che vedremo questo particolare segmento riscaldarsi nel 2019, con quello che potresti considerare produttori premium come Zortrax e Prusa Research che tentano di mettere il loro timbro su stampanti MSLA 3D nel prossimo futuro.

Il sistema di movimento di Phrozen Shuffle e la piastra di costruzione. Notare le viti su entrambi i lati per consentire un facile livellamento
Rispetto alla tradizionale stampa 3D SLA, che utilizza un laser per tracciare lo strato nella resina, MSLA offre il vantaggio di avere tempi di polimerizzazione per ogni strato. Finché il numero di livelli è lo stesso, una lastra completa di parti richiede lo stesso tempo di stampa di un singolo pezzo.

Puoi argomentare in modo opposto perché SLA sia più veloce nel produrre parti di piccole dimensioni poiché il laser lampeggiante e ti manca deve tracciare solo un piccolo strato (piuttosto che attendere il tempo di polimerizzazione del livello prerequisito). In breve, MSLA può aumentare la produttività per lotti di parti.

Confronto affiancato delle piastre di costruzione di Phrozen Shuffle e Phrozen Shuffle XL
La Phrozen Shuffle utilizza uno schermo LCD 2K da 5,5 pollici, che presumiamo significasse una risoluzione di 2560 x 1440. Stampando su questo schermo di dimensioni smartphone, Phrozen afferma una risoluzione XY di 47 micron (0,047 mm), un livello di dettaglio eccellente batte anche le dimensioni del punto laser del Formlabs Form 2, la principale competitore per le desktop.

Scalando fino al Phrozen Shuffle XL, uno schermo da 8 pollici alla stessa risoluzione produce una risoluzione massima XY di 85 micron (0,085 mm). Sulla carta, questo mette il Phrozen Shuffle XL nello stesso campo del Peopoly Moai, con le sue dimensioni spot da 70 micron.

Mettendo questo in prospettiva, siamo già estasiati dalle stampe sul Moai, quindi anche la risoluzione “inferiore” di Shuffle XL risulta in stampe sorprendentemente dettagliate.

PHROZEN SHUFFLE (XL) REVIEWA Heavy Hitter

Siamo fan del design pesante e interamente in metallo di Phrozen Shuffle.
Spegnendo il Phrozen Shuffle è una splendida lastra di una macchina, con un rivestimento nero verniciato a polvere e fili in alluminio spazzolato esposti attorno ai bordi. Sembra il business.

Contrariamente a questo aspetto professionale, tuttavia, è la pelle lurida di Phrozen di NanoDLP, il software host / di controllo della stampante utilizzato sia in Phrozen Shuffle che in Shuffle XL. Accensione del Phrozen Shuffle ti saluta con uno schermo di avvio malva datato che mischia le sfumature di rosso e viola quando viene caricato nella navigazione della directory della stampante. Non è bello, e le piccole icone e letture di file che si ottengono sono inclini ai mishits quando si naviga nei menu delle stampanti.

Dal punto di vista meccanico, Phrozen Shuffle offre esattamente ciò che si vorrebbe in una macchina con un solo asse mobile: la rigidità. Scavando l’asta filettata o la vite di comando comunemente presente nelle stampanti desktop 3D, Phrozen ha optato per la precisione e la stabilità offerte da una vite a ricircolo di sfere. Non solo, questo robusto albero di metallo lavorato collega con doppie guide lineari per rigidità e precisione nel movimento dell’asse Z.

Progettato per il movimento costante dell’asse Z.
L’interfaccia di stampa è gestita da una vasca di resina con fondo FEP che fa un lavoro utile qui. Nelle nostre dozzine di ore di stampa sia su Phrozen Shuffle che su Phrozen Shuffle XL, non abbiamo visto una piega o un’ammaccatura nel FEP.

Se è necessario sostituire il FEP, e alla fine lo farai, il processo dovrebbe essere banale con la vasca con le viti che tirerà un foglio di ricambio per te.

I meccanismi interni di Phrozen Shuffle sono, stranamente, esternamente visibili nella necessità di collegare la stampante su se stessa.

Effettivamente, l’esecuzione di NanoDLP conferisce a Shuffle la capacità di operare in modo indipendente, suddividendo gli STL a bordo di ciò che sembra essere il suo Raspberry Pi incorporato. Servendo da cervelli che scricchiolano il numero, questo Pi – a nostra conoscenza – alimenta le istruzioni per la scheda madre di Phrozen, e quindi richiede una connessione permanente tra i due. Un cavo USB comicamente corto fornito nella confezione si occupa di questo, con la connessione pericolosamente tesa che spunta dal retro della stampante.

Esiste la nostra garanzia … Mean Well alimentatore, connessioni crimpate, Raspberry Pi e l’array ParaLED di Phrozen prendono il centro della scena all’interno dello Shuffle
Tale connessione sembra essere la conseguenza di affidarsi al Pi per leggere i tuoi modelli 3D tramite USB e anche effettuare questa connessione alla scheda madre tramite USB. Il Raspberry Pi ha quattro porte USB 2.0 in un singolo cluster – al quale è necessario accedere per poter caricare le tue stampe – rendendo impossibile un ordinato collegamento interno con le schede.

Mantenere tutte queste parti fresche sotto carico ci sono due enormi ventole  particolarmente rumorose e sempre attive. Il rumore ambientale di Phrozen Shuffle è quello di un aereo che gira a 35.000 piedi.

I processi non raffinati

Prima di poter stampare qualsiasi cosa, è necessario collegare la stampante a se stessa
Tip tap toccando l’interfaccia utente di Phrozen Shuffle per impostare una stampa lascia un pensiero ben visibile in mente – questo è goffo.

Il processo richiede di navigare verso il file che hai preparato, abbinarlo a un profilo di resina precaricato, e quindi trasferirlo dalla chiavetta USB alla memoria della stampante. Solo per trovare nuovamente la stampa dal menu Piatti della stampante (le lastre sono il gergo di Phrozen per i lavori di stampa) e confermare di volerlo stampare.

Nel complesso, il processo è scomodo e inutilmente ostruttivo.

La cover per vasca in resina di Shuffle XL ti offre un elegante tappetino per il mouse se sei in un pizzico
La stessa mano pesante arriva quando si tenta di utilizzare resine diverse da quelle di Phrozen, che hanno profili precaricati sulla stampante per l’uso. Per configurare nuovi profili resina, è necessario collegare Phrozen Shuffle a una rete tramite cavo LAN e toccare l’IP assegnato ai computer nel browser Web (è necessario essere sulla stessa rete).

Una volta collegato alla nostra stampante tramite la rete, puoi accedere alle opzioni di configurazione avanzate, la possibilità di inviare stampe direttamente alla stampante (anche se dovremmo sconsigliarlo per il numero totale di timeout di altri errori che abbiamo riscontrato) e impostare nuovi profili di resina.

Interfaccia di controllo / controllo della stampante NanoDLP di Phrozen, accessibile tramite browser web quando Shuffle si trova sulla rete locale
Il manuale utente di Phrozen – che è sconcertantemente protetto da password – indica le variabili rilevanti che potresti dover regolare durante la creazione di un profilo di resina, ma non arriva a spiegare cosa fanno o come potresti trovare l’impostazione corretta di una particolare resina. Scoprire l’ambiente in cui entrare può essere un processo di sperimentazione che richiede molto tempo, curare la nuova resina “cieca” e regolarla in base a come reagisce al tempo di esposizione corrente.

Accesso negato, a meno che tu non abbia la password.
Non ottieni consigli o consigli su come procedere, e ci sono poche risorse a portata di mano che la descrivono in dettaglio. Phrozen non sta risolvendo un problema qui con lo Shuffle, il che è un vero peccato considerando quanto lo Shuffle sia in grado di bruciare la resina dell’azienda utilizzando i suoi profili in resina preconfigurati.

Diamine, anche il NanoDLP – il software di host / controllo stampante su cui è in funzione Phrozen Shuffle – ha un test di esposizione in resina incorporato per aiutare a determinare tali cose, ma non ne parla nel manuale segreto di Phrozen.

L’atto di prendere un modello 3D e prepararlo per la stampa su Phrozen Shuffle evidenzia anche la mancanza di maturità nello spazio desktop / hobbista per il software che prepara le stampe per SLA / MSLA.

La documentazione di Phrozen ti porta nella direzione di Meshmixer per la generazione di supporto, una fase necessaria quando si stampa con resina, prima di trasferire il file su Asiga STOMP per generare un file SLC. Se tu, come noi, trovi Meshmixer un eccellente strumento di riparazione e trasformazione, ma un po ‘ingombrante per la generazione del supporto, allora, ovviamente, puoi optare per un’affettatrice alternativa con generazione di supporto.

Lo strofinare qui per noi, utilizzando il software Asura di Peopoly per la generazione del supporto, è che STOMP non riconosce i file .stl generati in Asura, riconducendoli a Meshmixer per riesportarlo come un STL. Tre programmi solo per una stampa poxy sembrano un passo indietro per preparare le stampe per una macchina raffinata come la Phrozen Shuffle.

ChiTu DLP – l’affettatrice usata da Anycubic per la sua stampante Photon MSLA 3D – sembra essere un’opzione praticabile. Una cosa degna di nota è che gli assi X e Y di Phrozen Shuffle, per qualsiasi motivo, sono invertiti. Avrai bisogno di capovolgere le tue stampe di 90 gradi per la Shuffle per stamparle correttamente orientate sulla piastra di stampa. Non sappiamo perché.

La visualizzazione di directory di una chiavetta USB piena di file .SLC. Lo scorrimento li rinfresca in vista.
Un’ulteriore lieve irritazione su entrambe le nostre unità di revisione è arrivata nell’interfaccia utente delle stampanti che non mostrava il contenuto di una penna USB fino a quando non si tenta di scorrere verso il basso, l’azione apparentemente rinfrescando la pagina e facendo jogging dei file in vista. L’abbiamo scoperto solo per caso, dopo alcuni minuti pensando che stessimo facendo qualcosa di sbagliato con la stampante.

Altre piccole cose, come la barra di avanzamento non effettiva che indica il progresso dell’azione attuale, si sommano a un senso di ruvidità che si disappresta sull’apparente qualità dell’hardware.

PHROZEN SHUFFLE (XL) REVIEWe stampe mozzafiato

Quale recensione della stampante SLA sarebbe completa senza una torre Eiffel?
Dopo alcune ore di stampa con Phrozen Shuffle e Phrozen Shuffle XL, siamo abbastanza fiduciosi nel concludere che entrambe sono macchine di produttività serie capaci di sfornare modelli altamente dettagliati.

Non è esagerato affermare che, tra le stampanti desktop 3D a basso costo, le stampanti MSLA soffiano la maggior parte dei fratelli estrusi di filamenti fusi dall’acqua per i dettagli di stampa, specialmente per i casi d’uso che richiedono molti dettagli ben confezionati. È notevole e non invecchia mai.

Un’ottima soluzione per le revisioni della stampante: la miniatura D & D sempre affidabile
Hai mai desiderato vedere i pulsanti e lo stelo della valvola su una tromba lunga 15mm nelle mani di un mostro scheletro reso alla vita assurda? Nemmeno noi, ma ne abbiamo stampato uno perché il Phrozen Shuffle può. Per essere precisi, il Phrozen Shuffle XL – tecnicamente la risoluzione più bassa delle due stampanti – può.

Doot doot! I tuoi occhi non ti ingannano – questo minuscolo scheletro di Doom che suona una tromba è comicamente non minaccioso accanto a un accendino di dimensioni normali
Non abbiamo gli strumenti per verificare l’affermazione di Phrozen di 47 e 85 micron di risoluzione XY per Shuffle e Shuffle XL, ma dal nostro tempo di stampa con entrambe le macchine abbiamo scoperto che sono possibili caratteristiche sottili, come una ringhiera di sicurezza una torre Eiffel alta 4 cm). Non aspettarti che tali funzioni sopravvivano sempre oltre il lavaggio e la cura del modello.

Eiffel Towers – a perdita d’occhio. Le strane stringhe di capelli randagi che vedi sono parapetti staccati dalla modella
È possibile stampare fino al bordo della lastra di stampa, ma abbiamo riscontrato che alcune distorsioni e la perdita di dettagli sono un difetto comune su stampe altrimenti fini. Questo potrebbe essere attribuito alla forza di pelatura quando si utilizza la FEP, o eventualmente anche la fluttuazione della temperatura nella resina sul bordo del serbatoio. È generalmente sicuro stampare nel mezzo del piatto.

Più stampe con Phrozen Shuffle e Shuffle XL
Sia il Phrozen Shuffle che il Phrozen Shuffle XL vantano un generoso volume di 200 mm di volume nell’asse Z, una distesa di spazio che non vedevamo l’ora di provare sul grande Shuffle XL. Sotto (nella foto) la stampa è ampiamente esemplificativa della qualità della macchina, anche se notiamo uno spostamento del livello maiuscolo così sottile a metà strada. Questo spostamento del livello non è attribuibile alla meccanica della stampante poiché nessun altro modello stampato oltre tale altezza mostra lo stesso errore. È possibile che a quel livello la forza di sbucciatura fosse così grande da far cadere le cose.

Una grande stampa sul Phrozen Shuffle XL
In effetti, in tutta la nostra stampa con Phrozen Shuffle e Phrozen Shuffle XL, abbiamo trovato risultati soddisfacenti che, per i prezzi di circa $ 700 e $ 1.200 rispettivamente, sembrano giustificati.
RECENSIONE DI PHROZEN SHUFFLE (XL)Ma ne vale la pena?

Dal nostro punto di vista, Phrozen Shuffle (e Shuffle XL) è una stampante 3D affidabile e di alta qualità, con numerosi difetti di processo che possono frustrare il lavoro con la macchina
Il Phrozen Shuffle è entrato nel mercato come risposta a sistemi MSLA fragili e economici, offrendo una qualità di stampa e una rigidità sorprendenti, anche se con un flusso di lavoro opaco ma gestibile alla fine.

Personaggi del calibro dell’originale Prusa SL1 e Zortrax Inkspire appaiono all’orizzonte: entrambe le macchine (in formato cartaceo) offrono una maggiore connettività, soluzioni software dedicate e funzionalità aggiuntive come il rilevamento della resina e la purificazione dell’aria. Temiamo che il Phrozen Shuffle sembrerà presto datato contro le stampanti che rispondono alle carenze dello Shuffle.

All’interno del Phrozen Shuffle XL
Secondo la nostra opinione, Phrozen potrebbe migliorare la posizione di Shuffle con una soluzione più pulita per la preparazione della stampa e una guida più efficace per l’elaborazione di nuovi profili di resina e modifiche all’interfaccia utente e all’usabilità. Per come stanno le cose, la sua piccola comunità e la scarsa documentazione lasciano la sensazione di Shuffle alquanto inaccessibile.

Tuttavia, se sei esperto nella stampa 3D in resina, in particolare MSLA e ciò che è necessario per configurare i profili per nuovi materiali, il Phrozen Shuffle è un degno complemento al tuo arsenale; meccanica che è più robusta della maggior parte, un minor numero di parti mobili e un grande volume di stampa lo garantiscono.

Una solida stampante MSLA che sicuramente conquisterà alcuni fan
La XL, in particolare, è un’opzione attraente per il volume di stampa aggiuntivo che offre; abbiamo riscontrato una piccola differenza nella qualità di stampa per la sua risoluzione XY inferiore.

In definitiva se il Phrozen Shuffle o Phrozen Shuffle XL è per te scende al tuo budget rispetto alle tue intenzioni. Ci sono alternative più economiche là fuori che vantano una qualità di stampa simile ma mancano della rigidità e della robustezza dell’assemblaggio dell’asse Z di Phrozen. Se stai cercando la longevità, la tua ricerca potrebbe essere finita.

Specifiche tecniche :

Tecnologia di stampa: stereolitografia mascherata basata su LCD (MSLA)
LCD: 5,5 pollici 2K (Shuffle), 8 pollici 2K (Shuffle XL) 405nm Modulo ottico a matrice ParaLED
Volume di costruzione: 120 x 68 x 200 mm (Shuffle), 190 x 120 x 200 (Shuffle XL)
Risoluzione dello strato Z:  10 micron
Risoluzione XY: 47 micons (Shuffle), 85 micron (Shuffle XL)
Interfaccia utente: touchscreen a colori, browser web
Connettività: USB, LAN
Costruire il livellamento della piattaforma:  livellamento assistito
Materiali:  resine adatte per stampanti LCD a 405 nm
SOFTWARE
Pacchetto software: host / controllo NanoDLP dalla pelle congelata tramite browser Web e LAN
Tipi di file: STL (fino a 100mb), SLC, ZIP
PESO E DIMENSIONI
Peso: 16kg (Shuffle), 21kg (Shuffle XL)
Dimensioni: 250 x 225 x 450 mm (Shuffle), 315 x 285 x 450 mm (Shuffle XL)

 

Be the first to comment on "Phrozen Shuffle e Phrozen Shuffle XL prova su strada test drive"

Leave a comment