Photocentric Daylight Polymer Printing

Molto più di un semplice dispositivo in grado di effettuare chiamate, inviare e-mail, riprodurre musica, scattare foto e condividere tali immagini sui social media, i telefoni cellulari sono in grado di compiere imprese sorprendenti se abbinati alla stampa 3D. Possono essere trasformati in microscopi e altri dispositivi medici e persino utilizzati per alimentare una stampante 3D . Ma un’altra tendenza che sta prendendo piede sta usando il tuo smartphone come una vera stampante 3D.

Nel 2015, i ricercatori del MIT stavano lavorando per sviluppare nuovi algoritmi in grado di sfruttare la luce polarizzata dagli smartphone per la stampa 3D. Quello stesso anno, abbiamo sentito parlare dell’OLO (ora chiamato ONO ), la prima stampante 3D per smartphone al mondo. Il 2015 è stato chiaramente un momento importante per questo tipo di lavoro, poiché un professore di ingegneria meccanica presso  Taiwan Tech ha  anche creato una stampante 3D basata su smartphone quell’anno. In quasi tutti questi casi, la luce emanata dallo schermo del telefono è stata utilizzata per polimerizzare la resina, anziché utilizzare le luci UV.

Quindi ora è il 2018 – cosa succede oggi con le stampanti 3D per smartphone? Produttore chimico specializzato Photocentric , fondato nel 2002 e specializzato in fotopolimerizzazione a luce visibile, produce la gamma di stampanti 3D Liquid Crystal e commercializza la prima stampante 3D basata su uno schermo LCD due anni fa.

“Invece di utilizzare un laser o un proiettore per polimerizzare il polimero, utilizziamo schermi LCD non modificati e il nostro polimero Daylight appositamente formulato”, si legge nel sito web della società. “Tutte le altre stampanti 3D che polimerizzano la resina utilizzano una combinazione di luce diurna e UV a intensità notevolmente più elevate. Siamo stati in grado di realizzare questo lavoro sviluppando le resine più delicate al mondo. Utilizzando schermi di produzione di massa progettati per l’uso in dispositivi mobili, i dispositivi palmari ci consentono di utilizzare gli schermi a più alta risoluzione, offrendo un fenomenale rapporto qualità-prezzo, che possiamo quindi trasferire ai nostri clienti. Le opportunità sono illimitate; schermi a risoluzione sempre più elevata che diventano disponibili in tutti i formati, dai cellulari ai televisori di grande formato forniscono i sistemi di imaging a costi più bassi mai immaginati. Chiamiamo questo Daylight Polymer Printing. ”

Mentre la stampa 3D viene utilizzata sia per la produzione su piccola scala che su larga scala in molti settori, Photocentric, che detiene i brevetti nelle tecnologie di fotopolimerizzazione visibile, ritiene che la tecnologia costi ancora troppo per essere adottata su vasta scala. Ecco perché la società si concentra sull’utilizzo degli schermi LCD con cui interagiamo ogni giorno su TV, smartphone, laptop e tablet per trasformare la stampa 3D e renderla meno costosa.

Per stampare in 3D un oggetto con stampanti 3D a base di resina, il materiale è solitamente polimerizzato e indurito con un laser o un proiettore di luce digitale. Tuttavia, Photocentric utilizza l’illuminazione dello schermo LCD per ridurre i costi della stampa 3D, in modo che la tecnologia possa essere utilizzata in più applicazioni.

La ricerca sui fotopolimeri di Photocentric è stata supportata dalle sovvenzioni di Innovate UK e dell’industria privata da quando la società ha aperto le sue porte. La sua idea iniziale era quella di confezionare liquidi sensibili alla luce in bustine al fine di creare timbri per applicazioni nella lavorazione artigianale e in ufficio, e l’azienda ha intrapreso il passo successivo necessario nello sviluppo di attrezzature su piccola scala per elaborare i pacchetti per creare timbri – questo ha vinto il Fotocentrico un premio Queen’s nel 2016 e un secondo quest’anno per la “straordinaria crescita delle vendite all’estero”.

L’azienda, che impiega 90 persone nella sua sede di Peterborough, avrà un fatturato di oltre 7 milioni di sterline nel Regno Unito entro la fine dell’anno. La sua filiale americana in Arizona, che ha 35 dipendenti supplementari, dovrebbe aggiungere a quel numero di vendite di 3 milioni di sterline. La compagnia è certamente molto ambiziosa e ottimista riguardo alle sue possibilità.

“Il nostro obiettivo è raggiungere 100 milioni di sterline in 5 anni e diventare il più grande produttore di fotopolimeri per la stampa 3D nel mondo”, ha affermato Holt.
Ora, Photocentric è totalmente focalizzato sull’alimentazione della stampa 3D utilizzando l’illuminazione degli schermi LCD, principalmente dalla parte visibile dello spettro, necessaria quando si tratta di schermi di visualizzazione. Potrebbe essere il futuro della stampa 3D industriale, un giorno.

“Oggi sembra ovvio che la più alta risoluzione, il più grande formato e la più economica fonte di luce digitale disponibile sia lo schermo di visualizzazione che tutti usiamo nelle nostre tasche o sulle nostre pareti”, ha detto Paul Holt, il fondatore di Photocentric. “Ma può funzionare solo nella stampa 3D perché i nostri fotopolimeri possono indurire in luce all’interno dello spettro visibile.

“Ora stiamo facendo ricerche su tutti i formati di stampanti 3D con schermi LCD dal nano – utilizzando piccoli schermi da cuffie per la realtà virtuale vicino agli occhi – fino a cellulari, tablet, fino agli schermi TV più grandi. In effetti, abbiamo appena vinto un finanziamento per realizzare quella che sarà la più grande stampante 3D al mondo, basata su uno schermo HDTV da 98 pollici. Il nostro obiettivo è cambiare la produzione mondiale, non solo la stampa 3D, rendendo la stampa 3D a basso costo, su larga scala e funzionale “.
In termini di rendere la tecnologia più accessibile, ci sono milioni di schermi a LED prodotti dall’industria elettronica. Sembra che quasi ogni trimestre, i telefoni cellulari, i tablet e gli schermi TV cambiano di dimensioni e convenienza. Se questo settore prende spunto da Photocentric e focalizza i suoi sforzi di ricerca e sviluppo sull’uso di questi schermi per la stampa 3D, la tecnologia diventerà inevitabilmente meno costosa.

Tuttavia, non aspettarti di utilizzare lo schermo LCD del tuo cellulare per realizzare grandi oggetti stampati in 3D. Indipendentemente dall’ingegnosità dell’idea, l’emissione luminosa sarà probabilmente piuttosto bassa e non sufficiente per fabbricare parti di grandi dimensioni. Ma potrebbe essere utile quando si stampano molti oggetti più piccoli in 3D.

Per quanto riguarda i prossimi passi di Photocentric? La società sta ora esaminando la stampa 3D in metallo.

“Questa volta usiamo la luce e un legante per fissare la forma di una formulazione ricca di metallo usando la luce degli schermi LCD”, ha spiegato Holt. “L’oggetto verrà quindi riscaldato lentamente per rimuovere il legante e la sinterizzazione (fondere insieme) il metallo. Questa tecnologia può quindi essere applicata a tutti i piccoli volumi di produzione di parti metalliche. ”
Mentre la stampa 3D in metallo potrebbe avere un impatto importante sulla produzione dei materiali, il lavoro di stampa 3D che Photocentric sta facendo con i metalli è ancora per lo più limitato al laboratorio e non è ancora una soluzione funzionante.

Be the first to comment on "Photocentric Daylight Polymer Printing"

Leave a comment