Perchè la CIA tramite In-Q-Tel investe nella stampa 3d

In-Q-Tel e stampa 3D, Parte 1: Cosa c’è in-Q-Tel?
Una società di capitali di rischio chiamata In-Q-Tel ha investito in tre startup nella tampa e scansione 3D: Voxel8 , Arevo e Fuel3D . Se non riconosci il nome In-Q-Tel, potresti riconoscere la sua organizzazione madre, la Central Intelligence Agency (CIA) . Data la controversa storia e il presente della CIA, il fatto che l’unità di spionaggio statunitense sia coinvolta nel capitale di rischio può far sollevare qualche sopracciglio.

Coloro che sono immersi nel mondo delle startup hanno più che familiarità con l’idea di società di capitali di rischio, che cercano investitori che si uniscano a loro nel conferimento di capitale a nuove imprese in cambio di un pezzo di proprietà e un posto nel consiglio di amministrazione. L’idea che la CIA ne abbia una potrebbe essere un po ‘meno familiare.

Cosa vuole l’agenzia di spionaggio più conosciuta al mondo con le startup tecnologiche? O, davvero, come funziona il braccio di capitale di rischio della CIA? E cosa significa un investimento da In-Q-Tel per le aziende che lo ricevono?

Il business degli investimenti non è una novità per la CIA. Dopotutto, è stato istituito da un gruppo di avvocati e banchieri di Wall Street guidati da Allen Dulles. In-Q-Tel era una sorta di introito degli anni ’90 sul rapporto dell’agenzia di spionaggio con il capitale. Fondata nel 1999, In-Q-Tel è stata creata come mezzo per estendere ulteriormente gli sforzi di ricerca e sviluppo della CIA nel settore privato. Con la bolla dot-com che ha visto l’ascesa della Silicon Valley, l’organizzazione di spionaggio ha suggerito che potrebbe essere in ritardo in termini di mantenimento di un vantaggio nello sviluppo tecnologico, in particolare per quanto riguarda il settore in espansione delle tecnologie dell’informazione.

Secondo un funzionario della CIA , “la CIA non poteva competere per l’innovazione e il talento IT con la stessa velocità e agilità che potevano avere sul mercato commerciale, le cui attività sono guidate da” tempo di Internet “e profitto”. Il dottor Ruth David, all’epoca capo della direzione scientifica e tecnologica della CIA, propose l’idea di esternalizzare parte della ricerca e sviluppo dell’agenzia al settore privato. George Tenet, all’epoca direttore della Central Intelligence, fu ispirato a fondare In-Q-Tel, la prima società di capitali di rischio del governo degli Stati Uniti.

Seal in lobby at CIA headquarters in Langley, Virginia, USA

La società di venture capital è legalmente distinta dalla CIA e si collega all’organizzazione tramite un ufficio all’interno della CIA chiamato In-Q-Tel Interface Center (QIC). QIC trasmette problemi non classificati che l’agenzia di spionaggio desidera rivolgere a In-Q-Tel, che cerca quindi startup con possibili soluzioni tecnologiche.

In generale, l’obiettivo delle società di capitali di rischio è quello di rendere una società abbastanza preziosa da poter essere acquistata da una società più grande o diventare pubblica a un prezzo molto maggiore rispetto all’investimento di capitale. Ciò solleva la questione di come il governo degli Stati Uniti tramite In-Q-Tel sarebbe coinvolto in un simile accordo finanziario. I dirigenti aziendali per la sicurezza nazionale, che hanno redatto un rapporto su In-Q-Tel nel 2001, lo descrivono dicendo che era “il più analogo a un’entità di capitale di rischio strategico aziendale, come quelli gestiti dalle principali società tecnologiche.”

In-Q-Tel riceve capitale d’investimento annuale dal budget della CIA per la direzione della scienza e della tecnologia. La cifra più recente che possiamo trovare è di circa 37 milioni di dollari nel 2005, ma il budget è classificato e In-Q-Tel potrebbe avere accesso a un numero ancora maggiore di finanziamenti annuali della CIA da miliardi di dollari.

Secondo Spies for Hire: The Secret World of Intelligence Outsourcing , In-Q-Tel contribuisce tra $ 500.000 e $ 3 milioni a una startup promettente. Il 15-20 percento di tale investimento viene utilizzato per stabilire l’equità nella società. In-Q-Tel assume quindi un ruolo consultivo all’interno del consiglio di avvio. Ciò non solo consente all’impresa di venture capital di guidare lo sviluppo del prodotto, ma consente anche a In-Q-Tel, e quindi alla CIA, di conoscere qualsiasi notizia prima che lo facciano gli altri.

In quanto società senza fini di lucro, i profitti realizzati dagli investimenti vengono reintegrati in In-Q-Tel, inclusi nuovi progetti e compensi per i dipendenti In-Q-Tel. Circa il 20-40 percento dello stipendio di un dipendente è investito in un fondo. Secondo un articolo sulla società di venture capital del Northwestern Journal of International Law & Business, “per ogni tre dollari investe In-Q-Tel, viene investito anche un dollaro dal fondo per i dipendenti”. Nel 2005 , ex progettista di videogiochi e In Il CEO di Q-Tel, Gilman Louie, ha dichiarato che l’azienda stava ottenendo rendimenti del 26 percento.

Secondo CrunchBase News , In-Q-Tel ha gestito $ 327 milioni in attività nette nel 2014, mentre il suo CEO ha guadagnato $ 1,5 milioni ogni anno con $ 276.000 in compenso aggiuntivo al momento. $ 120 milioni di dollari dell’azienda sono detenuti in titoli negoziati pubblicamente, mentre $ 132 milioni sono stati detenuti in warrant .

Sebbene In-Q-Tel rimanga di competenza della CIA e del Congresso degli Stati Uniti, anche l’FBI, l’NSA e il Dipartimento della Sicurezza interna hanno utilizzato l’impresa di venture capital per i propri investimenti. Non possiamo sapere esattamente cosa In-Q-Tel ha ottenuto dai suoi investimenti, in termini di tecnologia, né possiamo sapere quanto è stato versato in ogni startup.

Siamo in grado di conoscere alcune delle oltre 167 aziende in cui In-Q-Tel ha investito e il tipo di tecnologie che producono. La tecnologia spazia da software e biotecnologie a sensori e data center. Alcune delle startup più importanti in cui In-Q-Tel ha avuto un ruolo sono KeyHole Inc , che ha continuato a servire le basi per Google Earth, così come Palantir, la società fondata da Peter Thiel che ha collegato database di intelligence ed è stata sotto il fuoco per il suo ruolo nelle espulsioni Agenzia per l’ immigrazione e l’applicazione doganale (ICE).

Cosa potrebbe desiderare In-Q-Tel con la stampa 3D e la tecnologia di scansione 3D? Nella seconda parte di questa serie, daremo un’occhiata più da vicino.

Be the first to comment on "Perchè la CIA tramite In-Q-Tel investe nella stampa 3d"

Leave a comment