Perchè In-Q-Tel della CIA investe su Voxel8, Arevo e Fuel3D ?

In-Q-Tel e stampa 3D, parte 2: cosa vuole con la stampa 3D?

Conoscendo alcuni retroscena di In-Q-Tel, ci siamo chiesti in particolare cosa cercasse l’azienda da Voxel8, Arevo e Fuel3D. Finora abbiamo ricevuto risposte pari a “nessun commento” da ciascuna impresa, sebbene Arevo fosse l’unica a dire esplicitamente che non poteva commentare la loro relazione con In-Q-Tel. Per quanto riguarda Voxel8 e Fuel3D, semplicemente non abbiamo avuto risposta.

Esistono, naturalmente, potenziali applicazioni che potremmo teorizzare per ogni avvio. Voxel8 è stato almeno pubblico sul suo lavoro con un altro governo senza scopo di lucro, la MITER Corporation. Con il dipartimento dei sensori e dei sistemi elettromagnetici MITRE, Voxel8 ha contribuito alla creazione di array di antenne a fasi a banda larga utilizzando la stampante 3D iniziale Developer Kit. Questo sistema è stato in grado di stampare plastica contemporaneamente con inchiostro d’argento conduttivo. Secondo quanto riferito, l’antenna era meno costosa, più leggera e con prestazioni migliori di un predecessore in metallo realizzato con tecniche tradizionali. A causa delle funzionalità 3D dell’antenna, era più sensato utilizzare la stampa 3D per fabbricare l’array rispetto ad altri metodi.

È interessante notare che, in un rapporto In-Q-Tel del 2012 , gli autori di un capitolo hanno proposto che la comunità dell’intelligence potrebbe utilizzare una stampante 3D per l’elettronica per la fabbricazione di elettronica incorporata, compresi gli array di antenne. Altre applicazioni della stampa 3D descritte dagli autori sono state la capacità di incorporare “firme del sensore elettromagnetico o ottico individualizzato” nelle parti stampate. È quindi possibile che il lavoro svolto da Voxel8 con MITRE sia simile a quello che la comunità dell’intelligence sta cercando all’avvio.

Per quanto riguarda Arevo e Fuel3D, ci sono meno prove per quali applicazioni potrebbe servire la tecnologia o, in realtà, le applicazioni sono piuttosto ampie. Arevo è dedicato alla stampa 3D di materiale di rinforzo continuo , come la fibra di carbonio. Ciò potrebbe significare la stampa 3D di strutture robuste, resistenti e leggere per quasi ogni caso d’uso, dai veicoli aerei senza equipaggio a custodie più robuste per attrezzature militari.

Quando Fuel3D ha annunciato il suo investimento da parte dell’intelligence statunitense, si è concentrato sul suo esclusivo scanner 3D intuitivo in grado di catturare un modello 3D a colori ad alta risoluzione in meno di 0,1 secondi. Questo potrebbe essere usato per sostituire le parti nel campo di battaglia o eseguire il riconoscimento facciale delle persone di interesse.

È interessante notare che tutte e tre le startup sono attualmente coinvolte in attività che sembrano lontane dall’intelligence militare come si potrebbe immaginare. Sebbene Fuel3D originariamente presentasse regolarmente il suo prodotto Scanify per la scansione facciale, ora è più focalizzato sulla scansione 3D medica, in particolare per monitorare la crescita del tumore . Tuttavia, esegue ancora la scansione del viso per l’acquisto di occhiali. Arevo dimostra principalmente la stampa di compositi per la fabbricazione di telai per biciclette. Voxel8 non lavora più pubblicamente sulla stampa 3D elettronica, ma vende invece sistemi per la stampa 3D di abbigliamento sportivo.

Potrebbe essere un cliché evidenziarlo, le organizzazioni di intelligence e in particolare la CIA usano tutti i mezzi possibili per eseguire le loro operazioni. In almeno un caso , In-Q-Tel è stato utilizzato per sfruttare i suoi investimenti nella Silicon Valley per eseguire la sorveglianza. Nel 2016, la Open Source Enterprise della CIA ha contratto Dataminr tramite In-Q-Tel per setacciare i dati grezzi di Twitter. Tangenzialmente correlata è la storia di Narus , che ha fornito hardware in grado di analizzare le comunicazioni Internet, ad AT&T a cui ha avuto accesso l’NSA. Le informazioni recuperate dal dispositivo Narus STA 6400 potrebbero quindi essere estratte da Attensity , una società investita da In-Q-Tel.

Anche se le startup non hanno avuto scrupoli etici con l’impresa di investimento, ci si chiede se potrebbero essere turbati dal punto di vista finanziario. In un articolo del New York Post che da allora è stato rimosso da Internet, ma è stato conservato qui , è stato riferito che “più di quattro dozzine di addetti ai lavori” di In-Q-Tel potrebbero aver partecipato a un programma di pump-and-dump che ha comportato l’incremento delle azioni in penny e la vendita di azioni a scopo di lucro. La Posta ha riferito:

Seal in lobby at CIA headquarters in Langley, Virginia, USA

Allo stesso modo in cui In-Q-Tel ha investito in Electro-Energy quando era ancora detenuto privatamente e si preparava a diventare pubblico attraverso una “fusione inversa” con una società di coperture azionarie penny defunta, il fondo ha investito in Ionatron nell’ottobre del 2003 quando era ancora di proprietà privata e controllata da un uomo d’affari di nome Robert Howard.

I documenti mostrano che inizialmente In-Q-Tel ha accettato di pagare $ 500.000 per 1.028.076 azioni, il che rappresenta un prezzo imputato stranamente preciso di 48,6 centesimi per azione. Successivamente si è fusa con un penny fallito nel settore delle erbacce e dei semi di erba e ha iniziato a fare trading nell’aprile dello scorso anno sulla bacheca Over The Counter a circa $ 3 per azione.

Trasmettendo informazioni dai documenti depositati presso la SEC, la Posta scrive che In-Q-Tel ha quindi ritirato il proprio investimento, disponendo di saldare con solo 725.000 azioni anziché i quasi 1,03 milioni. Sulla base del sistema obbligatorio di fondi per i dipendenti menzionato nella prima parte, il 75 percento di queste azioni era detenuto da In-Q-Tel e il restante 25 percento era detenuto dai dipendenti in un’entità a scopo di lucro denominata “In-Q-Tel Employees Fund LLC “.

Tutte le 725.000 azioni sono state vendute il 18 marzo 2005, provocando il crollo del titolo, ma compensando un profitto del 1.400 percento per i dipendenti In-Q-Tel, secondo The Post , con 17 che hanno portato a casa oltre $ 50.000 ciascuno. L’autore non sostiene che il pump-and-dump fosse intenzionale e suggerisce che In-Q-Tel potrebbe essere semplicemente uscito dall’incertezza sulla tecnologia di Ionatron. Tuttavia, ci sono ovvi problemi che devono essere considerati in relazione alle imposte pubbliche che finanziano i capricci di investimento di un’impresa sostenuta dalla CIA.

È ovviamente a discrezione di qualsiasi startup da cui accettano investimenti, ma comprendere le applicazioni di una tecnologia nel suo contesto politico potrebbe essere cruciale per prendere una tale decisione. In effetti, potrebbe essere a causa del ruolo della CIA negli affari globali e nazionali che un’azienda potrebbe scegliere di lavorare con In-Q-Tel. In caso contrario, gli inventori intraprendenti potrebbero prendere in considerazione una lettera scritta dal padre della cibernetica, Norbert Wiener, e pubblicata su The Atlantic. Senza pubblicare l’intera lettera, ecco un breve estratto che cattura l’essenza:

Ho ricevuto da te una nota in cui dichiari di essere impegnato in un progetto riguardante i missili controllati e in cui richiedi una copia di un documento che ho scritto per il National Defense Research Committee durante la guerra …

[Quando ti rivolgi a me per informazioni sui missili controllati, ci sono diverse considerazioni che determinano la mia risposta. In passato, la cortesia degli studiosi ha reso consuetudine fornire informazioni scientifiche a qualsiasi persona che le cercasse seriamente. Tuttavia, dobbiamo affrontare questi fatti: la politica del governo stesso durante e dopo la guerra, ad esempio nel bombardamento di Hiroshima e Nagasaki, ha chiarito che fornire informazioni scientifiche non è un atto necessariamente innocente e può comportare il più grave conseguenze. Non si può quindi evitare di riconsiderare la consuetudine consolidata dello scienziato di fornire informazioni a ogni persona che può indagare su di lui. Lo scambio di idee che è una delle grandi tradizioni della scienza deve ovviamente ricevere alcune limitazioni quando lo scienziato diventa arbitro della vita e della morte …
L’uso pratico dei missili guidati può essere solo quello di uccidere indiscriminatamente civili stranieri e non fornisce alcuna protezione ai civili in questo paese …

Se quindi non desidero partecipare al bombardamento o all’avvelenamento di popoli indifesi – e certamente non lo faccio – devo assumermi una seria responsabilità nei confronti di coloro ai quali divulgo le mie idee scientifiche. Dal momento che è ovvio che con uno sforzo sufficiente è possibile ottenere il mio materiale, anche se è fuori stampa, posso solo protestare pro forma rifiutandomi di darti qualsiasi informazione riguardante il mio lavoro passato. Tuttavia, mi rallegro del fatto che il mio materiale non sia prontamente disponibile, in quanto mi dà l’opportunità di sollevare questa grave questione morale. Non mi aspetto di pubblicare alcun mio futuro lavoro che possa arrecare danno alle mani di militaristi irresponsabili.

Be the first to comment on "Perchè In-Q-Tel della CIA investe su Voxel8, Arevo e Fuel3D ?"

Leave a comment