Perché il futuro della produzione digitale sarà un clic

Nonostante importanti sviluppi tecnologici, la stampa 3D intimidisce ancora molti nuovi utenti. Molte delle ipotesi relative alla stampa 3D sono intrise di confusione sui suoi usi, popolarità e prezzo. I consumatori spesso vedono le stampanti 3D come dispositivi da un milione di dollari quando, in realtà, la tecnologia di fascia consumer costa in media $ 700, con stampanti di qualità professionale che competono con le macchine industriali nella fascia di prezzo a metà cifra.

Questa convenienza ora semplifica l’acquisto di una stampante 3D, ma quando si tratta di utilizzare i dispositivi, il prezzo non è l’unico fattore. L’accessibilità deve migliorare affinché la rivoluzione della stampa 3D diventi realtà. Altrimenti, sia i consumatori che le aziende continueranno a vedere la stampa 3D come una tecnologia per il futuro, quando, in realtà, l’uso sfaccettato è sia qui che ora.

Quando il software riesce a collegare le stampanti 3D online direttamente con l’utente, senza latenza zero, consente agli utenti di passare dalla semplice progettazione alla produzione effettiva, che è stata una dichiarazione non consegnata della stampa 3D per anni. Quando un singolo utente può utilizzare una stampante 3D dall’impostazione iniziale alla creazione finale, anziché avere diversi lavoratori che gestiscono attività specifiche in ogni fase del processo, non vedremo solo l’adozione più ampia della tecnologia, ma una vera rivoluzione nel il modo in cui funziona la produzione.

Secondo il rapporto sullo stato della stampa 3D di Sculpteo 2019, l’80% delle aziende intervistate afferma che la stampa 3D ha notevolmente migliorato la velocità di produzione. Le industrie e le istituzioni educative stanno perdendo enormi potenzialità rinunciando a tecniche di produzione digitale all’avanguardia. Questo è un risultato non del prezzo (che, come accennato in precedenza, è piuttosto basso) ma di immaginabili difficoltà di utilizzo.

Per aumentare l’uso della stampante 3D, il software deve soddisfare sia le esigenze che le esigenze. L’unica strada percorribile è attraverso la stampa con un clic tramite una piattaforma online basata su cloud.


L’uso più popolare per le stampanti 3D nella produzione rimane nella prototipazione. I vantaggi sono evidenti: un rapido processo di prototipazione, un basso costo di errore e un file di progettazione altamente personalizzabile per facili modifiche. Naturalmente, sappiamo che le stampanti 3D sono in grado di fare molto di più.

Quando si tratta di produzione su larga scala, le sfide che le aziende devono affrontare aumentano insieme ai vantaggi. Il costo delle attrezzature e la mancanza di esperienza con le macchine sono tra i due ostacoli più importanti citati dagli esperti del settore.

Sebbene esistano queste sfide, le start-up innovative stanno creando nuove opportunità per un uso più diffuso della stampa 3D. Le aziende non devono più trattare le loro operazioni di stampa 3D come un’entità diffusa. In effetti, un progettista o un utente può farsi un’idea fino ai prodotti fabbricati da soli, supponendo che hardware e software siano abbastanza intuitivi da usare.

Mentre le aziende possono aiutare i propri dipendenti con la formazione sui sistemi di stampa 3D – un orientamento che può durare giorni o settimane – il vero mare del cambiamento sta nel fatto che la tecnologia e le attrezzature sono abbastanza intuitive da comprendere a tutti i livelli senza bisogno di una certificazione o formazione: un fare clic su processo.

Vantaggio chiave della produzione additiva
Nonostante alcuni cambiamenti rivoluzionari, la produzione 3D rimane in uno stato disparato. Anche con un progetto in mano, il processo di stampa 3D attraversa diverse persone o team sulla via del completamento.

Dal modello CAD a .STL e le fasi di suddivisione fino alla firma finale, l’attuale processo 3D può richiedere giorni o settimane prima che la stampante venga portata online. Inoltre, diversi esperti o persino dipartimenti sono responsabili di vari tipi di fisici, leggeri o pesanti, piccoli o grandi, ecc.

Questo porta le aziende a vedere la stampa 3D come un solo mezzo di prototipazione. Senza una comprensione più completa del potenziale della produzione additiva, le aziende perdono l’espansione, il miglioramento e lo sviluppo dei loro processi di flusso di lavoro. E nell’ambiente frenetico di oggi, le aziende sono sotto pressione per portare i prodotti sul mercato più velocemente che mai.

Il futuro della produzione digitale John Dogru
Pinza freno stampata in 3D, Bugatti
Per un quadro più completo del modo in cui il 3D funziona oggi, non guardare oltre l’industria automobilistica, dove tre società su quattro negli Stati Uniti e in Germania utilizzano AM. I produttori di automobili si sono già spostati oltre gli usi della prototipazione rapida della stampa 3D e ne hanno aggiunti altri per la produzione di parti personalizzate, macchine e persino intere auto stampate in 3D . Mentre un modello di consumo prodotto in serie di quest’ultimo è un po ‘di tempo lontano, le capacità di AM si sono evolute parallelamente alla loro facilità d’uso. Ora, invece di tenere una parte in stock, i produttori devono semplicemente avere il progetto in archivio o la possibilità di scansionare un articolo e decodificarlo per la stampa 3D.

Cerchiamo di essere chiari: non è solo un impiegato del primo giorno in grado di produrre una delle pinze dei freni monoblocco a otto pistoncini stampate in 3D di Bugatti . Tuttavia, il fatto stesso che un produttore di supercar sia in grado di produrre una parte stampata in 3D interamente in titanio da utilizzare nei suoi veicoli evidenzia il futuro della stampa 3D. A quel livello di scala, un clic non è solo più semplice, è necessario.

Il futuro con un clic
Contrariamente all’attuale (e sempre più obsoleto) processo di stampa 3D è la soluzione con un clic, in cui un singolo utente completa un progetto di stampa 3D in gran parte da solo. Non c’è tempo perso in riunioni, richieste e altre attività di pulizia che attualmente impediscono alle aziende di implementare completamente AM.

La reticenza nell’adottare pratiche con un clic deriva dal presupposto che AM debba essere difficile. Non è una novità: le aziende che hanno acquistato sistemi informatici abbastanza grandi da riempire un’intera stanza negli anni ’60 e ’70 hanno dovuto affrontare una simile apprensione quando sono emersi i personal computer negli anni ’80 e ’90.

Un recente studio ha analizzato il grado e la portata di questo tipo di condivisione delle risorse dagli anni ’60. Gli autori hanno scoperto che la socializzazione è la chiave per l’adozione di sistemi di produzione avanzati come la stampa 3D.

Quando si tratta di adattarsi alle nuove tecnologie, il ruolo dell’utente è inizialmente minimo, poiché acquistano semplicemente un prodotto pronto e prodotto in serie. Non vi è alcuna interazione tra il consumatore e il produttore. Il modello T di Ford è un buon esempio storico.

Nel tempo, l’utente riceve l’opportunità di scegliere un prodotto personalizzato per un’esperienza più soddisfacente. Con una maggiore varietà di prodotti sul mercato, le esigenze dei consumatori sono più vicine a essere soddisfatte, poiché le aziende offrono scelte personalizzate. Lo vediamo oggi nelle case automobilistiche come la Toyota che offre una varietà di potenza del motore, colori, modelli e opzioni per ogni tipo di cliente.

Il processo si evolve ulteriormente nella terza fase, quando le aziende possono personalizzare un prodotto per adattarlo al consumatore (letteralmente, nel caso delle solette stampate in 3D). La quarta fase prevede che il cliente abbia un maggiore controllo del proprio prodotto stampato in 3D, compresa l’impostazione della data di consegna e la supervisione del processo di produzione.

La produzione personale va oltre l’intero passaggio di personalizzazione. L’utente è coinvolto non solo nel monitoraggio, ma nella produzione effettiva. Possiedono una macchina di produzione automatizzata economica e facile da usare, o hanno accesso a una tramite lavoro o scuola.

L’utente può selezionare qualità, prezzo, velocità, materiale, tecnologia di produzione e luogo di produzione. Possono anche scegliere una soluzione popolare al problema o progettarla da soli. Ogni fase, dal prototipo iniziale alla progettazione e al QA finali, è sotto il controllo dell’utente, offrendo loro una capacità senza precedenti di personalizzare e creare in ogni fase del processo.

Questo è il futuro della stampa 3D tramite un processo di produzione con un clic. Con l’utente in pieno controllo, le possibilità per la stampa 3D creano davvero un cambiamento sociale.

Be the first to comment on "Perché il futuro della produzione digitale sarà un clic"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi