Perché i giganti della chimica sono entrati nell’industria della stampa 3D?

C’è stata una crescita mondiale nel settore della stampa 3D da quando l’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha affrontato l’importanza della stampa 3D, chiedendo una crescita del settore negli Stati Uniti nel 2013. Secondo Wohlers Report e un rapporto McKinsey, abbiamo assistito al tasso di crescita annuale di 25% e può aspettarsi un impatto aziendale complessivo di 100 miliardi di dollari entro il 2025.

In Corea del Sud, centinaia di PMI sono entrate nella stampa 3D o nell’industria dei servizi di stampa 3D e questa è diventata una delle tecnologie chiave nella quarta rivoluzione industriale. Tra sei anni, come è cambiata la regione asiatica, in particolare, la situazione della Corea del Sud?

Come tutte le nuove tecnologie, anche l’industria della stampa 3D in Corea del Sud ha subito alti e bassi. Il “movimento dei maker”, che ha avuto origine dagli Stati Uniti, non è cresciuto nei principali paesi asiatici come la Cina, la Corea e il Giappone a causa delle differenze culturali. Anche se la domanda industriale per l’industria aerospaziale, automobilistica, medica, dentistica e gioielli è esplosa nella regione asiatica, molti produttori nazionali di stampanti 3D, in particolare di stampanti desktop FDM, hanno chiuso a causa di una domanda insufficiente.

Quindi, in che modo le multinazionali hanno reagito alla rivoluzione della stampa 3D?

In breve, giganti chimici multinazionali hanno scelto materiali di stampa 3D anziché hardware o software, perseguendo collaborazioni con produttori di apparecchiature globali e società di software per fornire soluzioni one-stop.

Un esempio, BASF, una delle più grandi società chimiche del mondo, è entrata nel settore dei materiali di stampa 3D attraverso la sua filiale nel settembre 2017. Nel 2018, BASF ha acquisito Advanc3D Materials, Setup Performance e la società di produzione di filamenti olandese Innofil3D, che sono importanti società di materiali. BASF ha inoltre collaborato con aziende di stampa 3D globali come EOS e Materialise che hanno aperto la strada a diversi canali di vendita.

Henkel, azienda tedesca di prodotti chimici e beni di consumo con 143 anni di storia, è entrata anche nel settore dei materiali di stampa 3D. Henkel dispone di prodotti per stampanti 3D (Loctite) sviluppati internamente, ma i campi principali di Henkel sono vari materiali di resina industriale, post-elaborazione e adesivi. Henkel cerca anche sinergie attraverso la collaborazione con importanti produttori come Carbon e HP.

La multinazionale chimica americana Dow Chemical ha sviluppato il primo materiale in gomma siliconica liquida al mondo per la stampa 3D. Dow offre nuove possibilità per l’industria della stampa 3D combinando i vantaggi dei materiali siliconici come resistenza al calore, resistenza al freddo, resistenza ai raggi UV, restauro elastico con le proprietà di forma dei materiali in gomma. Dow collabora inoltre con RepRap tedesco in Germania per espandersi in vari settori manifatturieri.

Royal DSM con una storia di oltre 25 anni nella produzione additiva è entrato anche nel mercato dei materiali di stampa 3D. DSM ha sviluppato resine polimeriche e filamenti industriali che possono essere utilizzati per vari metodi di stampa 3D come FDM, SLA, DLP, ecc. E si rivolge ai mercati globali attraverso partnership con produttori di apparecchiature globali e aziende di piattaforma come Ultimaker e Origin. Inoltre, Solvay, Arkema, Sabic ed Evonik hanno anche investito nell’entrare nel mercato della stampa 3D.

GE Additive, uno dei maggiori fornitori al mondo di attrezzature e servizi di stampa 3D in metallo, impiega attualmente più di 1.000 scienziati e ingegneri che lavorano su materiali metallici. GE Additive offre una gamma completa di polvere metallica, attrezzature di stampa 3D e servizi di supporto inclusi vari materiali metallici come titanio, cobalto, nichel e rame. GE sta sfruttando appieno questa tecnologia per costruire aeromobili e prevede di risparmiare dai 3 ai 5 miliardi di dollari di costi di produzione nel prossimo decennio.

Altre storie? Puoi incontrare tutti i suddetti esperti del settore globale presso Inside 3D Printing Seoul, che si terrà dal 26 al 28 giugno a KINTEX (Seoul), Corea del Sud. All’interno della stampa 3D Seoul è il principale evento di tecnologia additiva in Asia con 10.000 visitatori, 100 espositori e 40 relatori di livello mondiale provenienti da 28 paesi.

Be the first to comment on "Perché i giganti della chimica sono entrati nell’industria della stampa 3D?"

Leave a comment